Passa ai contenuti principali

Nasce l'UTI Carso Isonzo Adriatico


Saranno dieci Comuni della costituenda Unione TERRITORIALE INTERCOMUNALE CARSO ISONZO ADRIATICO – MEDOBČINSKA TERITORIALNA UNIJA KRAS SOČA JADRAN in rappresentanza di 73.339 abitanti del territorio dell’Unione medesima. I Comuni interessati sono i seguenti: Doberdo del Lago, Fogliano-Redipuglia,Grado, Monfalcone, Ronchi, Sagrado, San Canzian d’Isonzo, San Pier d’Isonzo, Staranzano,Turriaco. Dunque quella che doveva essere l'UTI del Basso Isontino, cambia nome in tal modo.
Risulta che la bozza dello Statuto e dell'Atto costitutivo abbia avuto il solo voto contrario del Comune di Fogliano- Redipuglia, e l'astensione di Turriaco. Le citate Unioni dovranno costituirsi entro questo autunno, ovvero non oltre il 30 ottobre, e nel 2016 prenderanno avvio nella gestione associata dell’UTI solo le funzioni così dette obbligatorie. Si registra un sistema di favore solo per il Comune di Grado, stante il suo essere Comune a regime turistico, il quale continuerà ad esercitare la: gestione del personale e coordinamento dell’organizzazione generale dell’amministrazione e dell’attività di controllo; attività produttive, ivi compreso lo Sportello unico; gestione dei servizi tributari; servizi finanziari e contabili, controllo di gestione; opere pubbliche e procedure espropriative; pianificazione territoriale comunale ed edilizia privata ecc. 
Invece, i restanti Comuni delle UTI, vedranno le loro funzioni così suddivise ed esercitate tramite gli uffici dell'Unione, ponendo praticamente in buona parte fine all'autonomia dei singoli Comuni: dal 1 gennaio 2016: programmazione e gestione dei fabbisogni di beni e servizi in relazione all’attività della centrale unica di committenza regionale; servizi finanziari e contabili, controllo di gestione;dal 1 gennaio 2017:procedure autorizzatorie in materia di energia; organizzazione dei servizi pubblici in interesse economico;dal 1 gennaio 2018: opere pubbliche e procedure espropriative; pianificazione territoriale comunale ed edilizia privata. gestione dei servizi tributari.
Invece,esercitano in forma associata tramite l’Unione le seguenti funzioni con le decorrenze ivi indicate: sistema locale dei servizi sociali, statistica; elaborazione e presentazione di progetti a finanziamento europeo; catasto, ad eccezione delle funzioni mantenute in capo allo Stato dalla normativa vigente; pianificazione di protezione civile e coordinamento dei primi soccorsi; dal 1 gennaio 2017: gestione del personale e coordinamento dell’organizzazione generale dell’amministrazione e dell’attività di controllo; polizia locale e polizia amministrativa locale; attività produttive, ivi compreso lo Sportello unico; dal 1 gennaio 2018: edilizia scolastica e servizi scolastici; programmazione e pianificazione territoriale di livello sovracomunale. L’Unione avrà la propria sede legale presso il Comune di Monfalcone e come si evince sin dalla intitolazione pare riconoscere i giusti diritti previsti dalla legislazione vigente in materia di tutela della minoranza linguistica slovena anche se nella parte finale della bozza dello Statuto si legge che  “il presente statuto e redatto, oltre che in lingua italiana, anche in lingua slovena. Fa fede legale in ogni caso il testo in lingua italiana”. Non passa inosservata la disposizione che vuole che "ciascun Sindaco esprime in Assemblea( che è l'organo più importante dell'UTI) un voto". Dunque, passaggio migliorativo rispetto all'articolo 13 della Legge Regionale del 2014 che disciplina le UTI  che vede variare il numero di voti dei Sindaci in relazione alla grandezza del proprio Comune e questo è dovuto certamente alle diverse contrapposizioni emerse che ben evidenziavano la palese anti-democraticità anche di tale questione.
Insomma è in corso una vero stravolgimento della vita politica ed amministrativa nella nostra regione che cambierà in modo radicale i rapporti tra cittadinanza e Comune, che nella migliore delle ipotesi avrà il ruolo di un semplice filtro o sportello e nella peggiore delle ipotesi un semplice simbolo privo di qualsiasi consistenza di autonomia ed indipendenza, senza dimenticare l'imponente ruolo riconosciuto al Sindaco, e l'azzeramento totale delle opposizioni. D'altronde si tratta di una Legge pessima, nata male, che molti giuristi hanno ritenuto essere semplicemente incostituzionale, realizzata con metodi fortemente decisionisti e che ben rispecchia il sistema di accentramento di potere oggi esistente, che prima o poi verrà, democraticamente, rispedito al mittente. Non aderire alle UTI comporta la "democratica" riduzione delle spese del 30% da parte della Regione. E' probabilmente su questo che si deve ragionare, capire se i Comuni possono permettersi un simile taglio, come compensare eventualmente tale voce, che potrebbe aggirarsi intorno, più o meno, alle 500 mila euro annue, anche per una questione di principio, di metodo e di democrazia. Certo, non si vive solo di principi, ma un segnale concreto bisogna pur darlo, senza dimenticare che nessuna partecipazione reale delle comunità vi è stata, nessuna comprensione reale di tale allucinante Legge regionale vi è stata, stante anche la sua complessità. Sarebbe stato opportuno, nell'attesa di capire se mai avrà luogo il referendum abrogativo, di avviare almeno una consultazione preventiva su tale questione, senza delegare il tutto alla voce del singolo Sindaco o Consiglio Comunale,specialmente in merito alla questione del taglio del 30% e capire la sua consistenza. Perché, son certo, che senza quel tipo di penalizzazione, probabilmente diversi Comuni, sicuramente non avrebbero aderito. Insomma pensando a Ronchi, vede la sua sopravvivenza essere minata da un lato dal referendum e dall'altro lato dalle UTI, brutto momento storico per il suo essere secolare Comune.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone