Passa ai contenuti principali

Ma noi degli USA cosa conosciamo realmente?


Una società, la nostra, fatta di pregiudizi, di luoghi comuni, di presunzioni di conoscenza che diventano se non dogmi o certezze, sicuramente convinzioni vicine ad essere e divenire verità. Pensando, per esempio, agli USA, cosa realmente conosciamo di questo Paese? 
Penso poco e non è che gli USA, a dirla tutta, abbiano fatto molto per far conoscere altro, o dell'altro, di se stessi, rispetto a quanto comunemente percepito su questo immenso Paese. Quando si pensa all'America, si dice che è stata scoperta da Colombo, cosa che a dire il vero oggi è in fase di discussione, che ha tante stelle sulla sua bandiera quanti sono i suoi Stati, ma se domandi a qualcuno quanti sono questi, la risposta sarà sempre generica. Si dirà che è il Paese della statua della libertà, senza forse conoscere il senso di quel simbolo, della democrazia, pur non sapendo il perché, della mitica guerra d'indipendenza, tanto che forse conosci meglio quella americana che quella italiana, dei due grandi partiti, che dovrebbero essere espressione della democrazia, ma in realtà solo delle componenti economiche che li sostengono,  che è il Paese dove nelle Chiese si canta e balla, che è il Paese della Coca cola, del Mcdonald's, del grande cinema con mitici effetti speciali, ed i contenuti possono anche passare in terzo piano, il Paese delle armi, della musica, dei grandi immensi eventi, dei grattacieli, delle non più torri gemelle, di Los Angeles che rischia di essere distrutta da un terremoto, di New York, senza sapere dove si trovi di preciso e spesso con stupore scoprirai che non è NY la capitale degli Usa, ma una anonima Washington, che scopri grazie a qualche film o puntata dei Simpson, che il Paese della CIA o dell'FBI, dei mega eserciti, del dollaro, delle strade sempre diritte e con mille corsie, dove le vie sono numeri, che è il Paese del Baseball, football, basket, delle luci, del gioco d'azzardo, dove si protesta ancora con i cartelli in mano, dove il razzismo non è stato sconfitto. Che è il Paese che porta la democrazia nel resto del mondo dopo aver gettato qualche centinaia di bombe umanitarie, che è il Paese di Hemingway di cui forse se va bene avrai letto solo il titolo del libro, che è il Paese del West, della borsa che governa il mondo, dello sbarco sulla luna, anticomunista e super capitalista, il Paese dove ci sono quasi 20 milioni d'italiani, che portarono un tempo,alcuni di essi anche mafia e pizza, ed oggi, altri, la Fiat. Ecco, questi sono i principali luoghi comuni sugli USA, eppure, ci sarà anche dell'altro da scoprire su questo Paese, o no?

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…