Passa ai contenuti principali

Cosa significa essere italiano?

Italia che vai, Italia che trovi.
Questo perché non esiste una sola Italia, ma mille e più Italia, tante quanto sono almeno i nostri Comuni. Paese frammentato, unito con la forza della guerra, un Paese senza una vera anima unitaria. Giovanni Pascoli, nel suo discorso nazionalistico dal titolo " La grande proletaria si è mossa" così scriveva : "nel sacro cinquantennario voi avete provato, ciò che era voto de' nostri grandi che non speravano si avesse da avverare in così breve tempo, voi avete provato che sono fatti anche gl'italiani",ebbene, si sbagliava. Non esiste l'italiano, non è mai esistito l'italiano, ma si è voluto plasmare dal nulla, compromettendo per il futuro, a partire dal Risorgimento, l'individualità del soggetto, della soggettività, che già aveva una propria casa, una propria terra, una propria comunità, ma questa casa, terra e comunità doveva chiamarsi Italia.Anzi,doveva essere Italia. L'Italia è nata senza aver mai fomentato senso reale di appartenenza. Sentirai dire sono calabrese, siciliano, sardo, triestino o bisiaco, si scende sempre nella particolarità, sempre nella minuzia, che minuzia non è. Perché l'Italia è la terra dei Comuni, perché l'Italia fisica è una invenzione strumentale e rispondente ad interessi che hanno pagato, caramente, giovani, ora con l'atroce morte, nelle guerre d'indipendenza, nella grande macelleria umana del '15/'18, nella seconda guerra mondiale, ed oggi con la fuga verso l'Oriente o l'Occidente, lì ove non importa essere italiano, lì ove importa essere se stessi, di poter vivere liberamente il proprio essere spirito libero, coltivare l'arte, l'amore, la passione, senza dover competere, o chiedere favori, ma semplicemente per un nuovo mondo, quello che in tanti vogliamo, pur senza sapere cosa veramente vogliamo. L'Europa di oggi, ricorda l'Italia di ieri, unita senza mai essere stata unita, europeo senza mai esserti sentito europeo, senza mai aver fatto l'europeo, contenitori deboli, spesso plastificati, inconsistenti, ma persistenti. Come si può essere anti-italiano, essere contro un qualcosa che non è mai realmente esistito, bensì fittiziamente edificato? Cosa significa essere italiano? Il calcio, è l'esempio principale che viene riportato, a significare il senso dell'unità d'Italia. In parte è vero, in parte no. Il calcio, pensando ovviamente alla nazionale, è stato usato come megafono di nazionalità, di unità, forse ti sentirai unito intorno alla squadra di calcio che rappresenta tutte le specificità incluse nello Stato chiamato Italia per qualche settimana, ma dopo tutto tornerà come prima e non per questo ti sentirai italiano. Anzi, il fatto che la nazionale di calcio, oggi, non abbia più l'attrattiva di una volta, contrariamente alle singole squadre di calcio territoriali, questo è uno dei tanti e mille segnali di come l'Italia sia fragile, debole ed anche ignorata se non oggetto di semplice indifferenza.
Potrai avere la cittadinanza italiana, ma rimarrai per sempre, perché questo è quello che scrive e grida il tuo cuore, calabrese, siciliano, triestino o bisiaco...pur vivendo nell'Italia di ieri e di oggi, o meglio nell'Italia "di Dante", ove fiorentini e ravennati si contesero le sue spoglie, tormentando il Poeta anche dopo la sua morte. Ecco, questa è l'Italia, un Paese dalle mille e più anime, dalle mille e più identità, dai mille e più colori, ove tutti vogliono essere qualcuno, ove questo essere qualcuno diventa nessuno nel nome d'Italia


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…