Passa ai contenuti principali

La fantomatica emergenza profughi è un duro attacco all'Europa che non c'è


Più che all'isola che non c'è, qui viene in mente l'Europa che non c'è. E l'inventata, strumentalizzata fantomatica emergenza profughi è la prova delle prove. L'Europa non esiste e non la vuole più nessuno. Questa Europa non è riformabile e si deve, dunque pensare ad altro. Altro che ponga in discussione il modello sociale ed economico prevalente e dominante, altro che guardi, per quanto mi riguarda, ad Est.  La rivista on line Sputnik rende noto che"I giornalisti della rivista austriaca Info-Direkt (un periodico notoriamente vicino alle forze armate) riferendosi a fonti nei servizi segreti hanno diffuso una notizia sensazionale: gli americani sarebbero coinvolti nel movimento migratorio dei rifugiati provenienti dall'Africa e dalle altre regioni meno fortunate verso il continente europeo, per destabilizzare l'Unione Europea. Gli americani pagherebbero anche gli scafisti che trasportano i migranti verso l'Europa attraverso il Mar Mediterraneo". Sarà vero? Non sarà vero? Chissà. Intanto la notizia non è stata smentita. In Italia si è passati dal rischio di invasione di un milione di profughi alla carica dei 100mila, certamente numeri importanti, ma non emergenziali e straordinari. Perchè ciò è avvenuto? Perché in Italia hai comuni come Briatico, di 4mila abitanti, nel vibonese, ove continuano gli sbarchi, che accolgono 300 profughi con tanto di corsi di formazione e processi di integrazione, e realtà come Gorizia, di quasi 40 mila abitanti, che lascia per strada decine e decine di profughi? Che urla all'emergenza? Eppure il Friuli Venezia Giulia non è intollerante, ha conosciuto una importante stagione di emigrazione, verso l'Australia in primo luogo, ma anche di immigrazione, dall'Istria e terre contese nello scorso secolo sempre.Ed a parer mio il modello sociale di integrazione del FVG è da seguire,salvo queste piccole e tristi pecche. Il problema è politico e mediatico. Si è voluta creare una emergenza che non esiste per mettere innanzi allo specchio l'inconsistente Europa. Europa che dovrà inchinarsi ancora una volta alla politica "americana" all'interventismo americano per risolvere un problema che proprio l'occidente con le sue note bombe umanitarie ha cagionato. E' questo il vero punto della questione. E non appena la Russia avanzerà delle proposte di aiuto, sono certo che lo scenario cambierà rapidamente ed il problema giungerà se non alla sua rapida soluzione sicuramente verso nuove prospettive che saranno indice della reale consistenza del nuovo conflitto mondiale in corso, giostrato come sempre sulla pelle della povera gente.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …