Passa ai contenuti principali

La fantomatica emergenza profughi è un duro attacco all'Europa che non c'è


Più che all'isola che non c'è, qui viene in mente l'Europa che non c'è. E l'inventata, strumentalizzata fantomatica emergenza profughi è la prova delle prove. L'Europa non esiste e non la vuole più nessuno. Questa Europa non è riformabile e si deve, dunque pensare ad altro. Altro che ponga in discussione il modello sociale ed economico prevalente e dominante, altro che guardi, per quanto mi riguarda, ad Est.  La rivista on line Sputnik rende noto che"I giornalisti della rivista austriaca Info-Direkt (un periodico notoriamente vicino alle forze armate) riferendosi a fonti nei servizi segreti hanno diffuso una notizia sensazionale: gli americani sarebbero coinvolti nel movimento migratorio dei rifugiati provenienti dall'Africa e dalle altre regioni meno fortunate verso il continente europeo, per destabilizzare l'Unione Europea. Gli americani pagherebbero anche gli scafisti che trasportano i migranti verso l'Europa attraverso il Mar Mediterraneo". Sarà vero? Non sarà vero? Chissà. Intanto la notizia non è stata smentita. In Italia si è passati dal rischio di invasione di un milione di profughi alla carica dei 100mila, certamente numeri importanti, ma non emergenziali e straordinari. Perchè ciò è avvenuto? Perché in Italia hai comuni come Briatico, di 4mila abitanti, nel vibonese, ove continuano gli sbarchi, che accolgono 300 profughi con tanto di corsi di formazione e processi di integrazione, e realtà come Gorizia, di quasi 40 mila abitanti, che lascia per strada decine e decine di profughi? Che urla all'emergenza? Eppure il Friuli Venezia Giulia non è intollerante, ha conosciuto una importante stagione di emigrazione, verso l'Australia in primo luogo, ma anche di immigrazione, dall'Istria e terre contese nello scorso secolo sempre.Ed a parer mio il modello sociale di integrazione del FVG è da seguire,salvo queste piccole e tristi pecche. Il problema è politico e mediatico. Si è voluta creare una emergenza che non esiste per mettere innanzi allo specchio l'inconsistente Europa. Europa che dovrà inchinarsi ancora una volta alla politica "americana" all'interventismo americano per risolvere un problema che proprio l'occidente con le sue note bombe umanitarie ha cagionato. E' questo il vero punto della questione. E non appena la Russia avanzerà delle proposte di aiuto, sono certo che lo scenario cambierà rapidamente ed il problema giungerà se non alla sua rapida soluzione sicuramente verso nuove prospettive che saranno indice della reale consistenza del nuovo conflitto mondiale in corso, giostrato come sempre sulla pelle della povera gente.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Che sia un 25 aprile sotto il segno della pace, in tutti i Comuni esporre la bandiera della pace

Uno dei precetti fondamentali che hanno caratterizzato la Liberazione e la Resistenza era quello di lottare per un mondo senza più guerra. Come ben sappiamo da quando esiste l'uomo nel mondo vi sono sempre state guerre, con motivazioni e cause diverse, ma sempre con gli stessi effetti. Passano gli anni ed i conflitti diventano sempre più malefici, distruttivi. Siamo all'interno di una terza guerra mondiale a pezzi,come ha detto il Papa, ma questi pezzi si stanno unendo, per quel puzzle, devastante, ed una volta compiuto non vi sarà più ritorno. Il 25 aprile deve essere anche il giorno dove rimarcare con forza il senso della pace, ancor di più nel contesto di oggi e sarebbe importante in tutti i Comuni d'Italia nei vari palazzi sede del Comune vedere esposta la bandiera universalmente accettata come simbolo della pace.  E' stato da pochi giorni pubblicato l'appello alla pace e di ferma condanna alla guerra dall'ANPI nazionale e dai principali sindacati che vogl…