Passa ai contenuti principali

Breve nota dopo il disastro del ‪ 25 giugno‬ per la ‪ scuola‬ pubblica



Immagino il sentimento e lo stato d'animo di molti, anzi dei tanti che in questi mesi hanno lottato, con più scioperi, con più iniziative, per la scuola della Costituzione. Oggi, questa scuola, teoricamente, non esiste più. Non eravamo in tale drammatico 25 giugno in molti per le strade, perché? A parte qualche località, non mi pare di aver visto ondate oceaniche. Sarà stato lo sconforto? Il senso di sfiducia? Il tanto oramai non vi è più nulla da fare? In un mese abbiamo già perso tutto lo slancio del maggio nostrano? La lotta per la difesa per la scuola pubblica è una cosa seria, è lunga, molto lunga, e nei momenti cruciali deve vedere la massima partecipazione. Alcune realtà anche sindacali hanno abbandonato il terreno di lotta, hanno fatto poco o nulla, perché? Cosa è cambiato da maggio ad oggi? Un fico secco marcio, se non che questa non riforma, ma riscrittura ex novo della scuola è passata al Senato. Certo, non è passata liscia, questo è vero, e ciò brucia all'arroganza dei governanti, però è passata. Si è sicuramente maturata la piena consapevolezza di quanto cattivo sia questo PD, ora non più semplice avversario politico, ma nemico politico ed andrà contrastato, democraticamente, in ogni sede e luogo. Sicuramente perderà ancora una marea di voti, così come i deputati ed anche senatori( che tanto non verranno più eletti ma scelti dall'alto) che hanno votato tale violenza anticostituzionale. Però oggi per l'Italia eravamo pochi. Angoscia, incazzatura, sconforto, e silenzio. Ci vogliono azzittire. E forse come atto di protesta in questi giorni il silenzio nei collegi docenti che verranno potrà essere anche attuato. Così come si potrà valutare di condurre istanze nelle Prefetture di tutte le città, come abbiamo fatto in questo 25 giugno a Trieste affinché ogni Prefetto dica "guardi sig. Presidente che i lavoratori della scuola non la vogliono questa riforma, è una riforma contro i lavoratori della scuola, contro la scuola della Costituzione, viola la Costituzione, non la firmi". Parole magari gettate al vento dell'illusione, ma pur sempre un gesto che non lascerà indifferenti. Ecco, non rimanere indifferenti, non vivere lo sconforto, e neanche la rassegnazione. Non è ancora finita. Vi sono passaggi importati, come quello della Camera e poi la firma del Presidente della Repubblica e chissà che proprio lui non la blocchi, ma chi ci crede realmente? Abbiamo tempo, ma neanche tanto, per avviare referendum abrogativo, per esempio, via che andrà intrapresa, così come andranno intraprese altre vie, da quelle legalitarie a quelle di lotta ed ostruzionismo quotidiano. Non si deve più collaborare con i Dirigenti scolastici, ad esempio. Vivere ogni giorno in stato di conflitto. D'altronde non siamo stati noi a dichiarare "guerra" ma loro. Insomma, anche se questo 25 giugno è stato triste per la nostra scuola, non abbiamo scelta, o subire la scuola azienda o semplicemente resistere per la scuola della Costituzione. All'universo della scuola la scelta, io so da che parte stare e sono certo che lo sapete anche voi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

L'Italia e l'alleanza con gli USA, una scelta di campo?

Così Gentiloni sulla questione Siria: voglio solo dire, in conclusione, che l'Italia non è un Paese neutrale, non è un Paese che sceglie di volta in volta, di fronte a questa o a quella crisi, se schierarsi con l'Alleanza atlantica o schierarsi da un'altra parte. Noi siamo coerentemente, da più di sessant'anni, partner fondamentali dell'Alleanza atlantica e alleati degli Stati Uniti. Siamo alleati dell'America, voglio dire: non è un problema di rapporti con questo o quel presidente americano. Siamo stati alleati dell'America con Kennedy e con Nixon, con Clinton e con Reagan, con Bush e con Obama e lo abbiamo fatto perché - lo dico senza infingimenti - è una scelta di campo. È una scelta di campo. È una scelta di campo che deriva certamente dal fatto che l'America, insieme agli alleati, ci ha liberato dal nazifascismo e che certamente deriva dai nostri interessi di difesa e di sicurezza del Paese, ma non è solo questo. È una scelta di campo che deriva da…

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…