Passa ai contenuti principali

Sciopero #5maggio Chi l'ha vista la letterina di Renzi per i docenti ?




In Italia abbiamo la memoria corta, cortissima. Però sono trascorse neanche due settimane piene da quando è trapelata la notizia della volontà di Renzi di scrivere una letterina ai docenti della scuola italiana per spiegare quanto è bella la sua riforma. E non chiamiamola più buona scuola, quella riforma, ma cattiva scuola. La fonte era attendibile. Il Sole 24ore riportava questa informativa: “ Il premier Matteo Renzi scriverà una lettera a tutti i docenti italiani per illustrare loro la riforma della scuola. È una delle decisioni prese nella riunione “dedicata” lunga circa tre ore che si è svolta nel pomeriggio nella sede del Pd, al Nazareno, presente lo stesso Renzi. La missiva dovrebbe essere inviata prima del 5 maggio, giorno dello sciopero. Entro maggio, poi, i circoli Pd saranno mobilitati per un giorno di informazione sul ddl". Bene,forse no. Ma questa letterina che fine ha fatto? Si è persa in qualche magazzino di smistamento delle poste? Hanno sbagliato gli indirizzi di oltre 700 mila docenti italiani? Oppure vi è stato qualche intasamento con le mail, visto che probabilmente questa arriverà non per le vie tradizionali, rottamate, ma per via telematica? Gli Ata, beh visto che in questa riforma non vengono considerati, e per alcuni aspetti meglio così, per altri, invece, si dimostra che considerazione sussiste nei loro confronti, possono stare tranquilli, per loro non è prevista alcuna letterina, né reale né virtuale. Intanto sono arrivate migliaia di lettere, principalmente in rete, contro quella disastrosa riforma. Forse ha capito che non era il caso di scrivere una letterina prima dello sciopero, perché sarebbe stato ciò di una gravità inaudita, una ingerenza fortissima nelle dinamiche del conflitto sociale? Forse ha deciso di non scriverla perché sarebbe stato uno schiaffo all'intelligenza di chi protesta e viene accusato, dopo una faraonica e fittizia consultazione, di non aver capito la sua riforma? Intanto arriva, via facebook, una letterina del sottosegretario all'Istruzione del Pd, Faraone, che in alcuni passaggi scrive “Loro hanno scelto di combattere contro 100.000 assunzioni, 3 miliardi sulla scuola, la fine definitiva di un modo di assumere iniquo e ingiusto. Se battaglia della vita deve essere che almeno non si raccontino fandonie. A testa alta difenderemo un provvedimento in cui crediamo e su cui stiamo investendo tanto. Disponibili a confrontarci nel merito, ma basta fantasmi e bugie”. Questo testo, dimostra come stanno girando la frittata, come tentanto di spaccare il fronte della protesta, dimostra come o fanno finta di non capire, dunque è non comprensione del senso della protesta, diffusa e condivisa, o sono semplicemente in malafede. In queste sfumature di tipico vittimismo tutto nostrano, forse non hanno capito, ad esempio che non si protesta, in via di principio contro le assunzioni, soffermandoci ora su queste, ma sulle modalità, sul fatto che verrà edificata una figura ex novo, sul fatto che si stravolge l'intera architettura della scuola, aziendalizzandola, per una questione che ben potrebbe essere soddisfatta in altro modo, sul fatto che si espelleranno dalla scuola centinaia di migliaia di lavoratori e lavoratrici dopo averle illuse per decenni, dopo aver loro fatto sborsare quattrini a non finire per lavorare. Ed il tutto ponendo un banale ed allucinante ricatto: no buonascuola, o meglio cattivascuola? Niente assunzioni. Per esempio, perché non assumere i precari alle condizioni attuali e punto e basta? Senza stravolgere la scuola? Mica è vietato. E' solo una questione di volontà. Ma non sussiste. Sussiste invece la volontà di denigrare chi protesta, etichettarlo come squadrista, relegarlo negli abissi di quella minoranza che non conta nulla, in tale sistema decisionista ed autoritario. Letterina, dunque, archiviata? Vedremo, oramai siamo alle porte di un meraviglioso risveglio, il risveglio di quella bella Italia, definita addormentata, che con la forza della ragione, delle idee, della dignità, agisce per difendere ciò che si vuole demolire, la nostra scuola Pubblica.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …