Passa ai contenuti principali

Sciopero #5maggio Chi l'ha vista la letterina di Renzi per i docenti ?




In Italia abbiamo la memoria corta, cortissima. Però sono trascorse neanche due settimane piene da quando è trapelata la notizia della volontà di Renzi di scrivere una letterina ai docenti della scuola italiana per spiegare quanto è bella la sua riforma. E non chiamiamola più buona scuola, quella riforma, ma cattiva scuola. La fonte era attendibile. Il Sole 24ore riportava questa informativa: “ Il premier Matteo Renzi scriverà una lettera a tutti i docenti italiani per illustrare loro la riforma della scuola. È una delle decisioni prese nella riunione “dedicata” lunga circa tre ore che si è svolta nel pomeriggio nella sede del Pd, al Nazareno, presente lo stesso Renzi. La missiva dovrebbe essere inviata prima del 5 maggio, giorno dello sciopero. Entro maggio, poi, i circoli Pd saranno mobilitati per un giorno di informazione sul ddl". Bene,forse no. Ma questa letterina che fine ha fatto? Si è persa in qualche magazzino di smistamento delle poste? Hanno sbagliato gli indirizzi di oltre 700 mila docenti italiani? Oppure vi è stato qualche intasamento con le mail, visto che probabilmente questa arriverà non per le vie tradizionali, rottamate, ma per via telematica? Gli Ata, beh visto che in questa riforma non vengono considerati, e per alcuni aspetti meglio così, per altri, invece, si dimostra che considerazione sussiste nei loro confronti, possono stare tranquilli, per loro non è prevista alcuna letterina, né reale né virtuale. Intanto sono arrivate migliaia di lettere, principalmente in rete, contro quella disastrosa riforma. Forse ha capito che non era il caso di scrivere una letterina prima dello sciopero, perché sarebbe stato ciò di una gravità inaudita, una ingerenza fortissima nelle dinamiche del conflitto sociale? Forse ha deciso di non scriverla perché sarebbe stato uno schiaffo all'intelligenza di chi protesta e viene accusato, dopo una faraonica e fittizia consultazione, di non aver capito la sua riforma? Intanto arriva, via facebook, una letterina del sottosegretario all'Istruzione del Pd, Faraone, che in alcuni passaggi scrive “Loro hanno scelto di combattere contro 100.000 assunzioni, 3 miliardi sulla scuola, la fine definitiva di un modo di assumere iniquo e ingiusto. Se battaglia della vita deve essere che almeno non si raccontino fandonie. A testa alta difenderemo un provvedimento in cui crediamo e su cui stiamo investendo tanto. Disponibili a confrontarci nel merito, ma basta fantasmi e bugie”. Questo testo, dimostra come stanno girando la frittata, come tentanto di spaccare il fronte della protesta, dimostra come o fanno finta di non capire, dunque è non comprensione del senso della protesta, diffusa e condivisa, o sono semplicemente in malafede. In queste sfumature di tipico vittimismo tutto nostrano, forse non hanno capito, ad esempio che non si protesta, in via di principio contro le assunzioni, soffermandoci ora su queste, ma sulle modalità, sul fatto che verrà edificata una figura ex novo, sul fatto che si stravolge l'intera architettura della scuola, aziendalizzandola, per una questione che ben potrebbe essere soddisfatta in altro modo, sul fatto che si espelleranno dalla scuola centinaia di migliaia di lavoratori e lavoratrici dopo averle illuse per decenni, dopo aver loro fatto sborsare quattrini a non finire per lavorare. Ed il tutto ponendo un banale ed allucinante ricatto: no buonascuola, o meglio cattivascuola? Niente assunzioni. Per esempio, perché non assumere i precari alle condizioni attuali e punto e basta? Senza stravolgere la scuola? Mica è vietato. E' solo una questione di volontà. Ma non sussiste. Sussiste invece la volontà di denigrare chi protesta, etichettarlo come squadrista, relegarlo negli abissi di quella minoranza che non conta nulla, in tale sistema decisionista ed autoritario. Letterina, dunque, archiviata? Vedremo, oramai siamo alle porte di un meraviglioso risveglio, il risveglio di quella bella Italia, definita addormentata, che con la forza della ragione, delle idee, della dignità, agisce per difendere ciò che si vuole demolire, la nostra scuola Pubblica.

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…