Passa ai contenuti principali

Sciopero #5maggio Chi l'ha vista la letterina di Renzi per i docenti ?




In Italia abbiamo la memoria corta, cortissima. Però sono trascorse neanche due settimane piene da quando è trapelata la notizia della volontà di Renzi di scrivere una letterina ai docenti della scuola italiana per spiegare quanto è bella la sua riforma. E non chiamiamola più buona scuola, quella riforma, ma cattiva scuola. La fonte era attendibile. Il Sole 24ore riportava questa informativa: “ Il premier Matteo Renzi scriverà una lettera a tutti i docenti italiani per illustrare loro la riforma della scuola. È una delle decisioni prese nella riunione “dedicata” lunga circa tre ore che si è svolta nel pomeriggio nella sede del Pd, al Nazareno, presente lo stesso Renzi. La missiva dovrebbe essere inviata prima del 5 maggio, giorno dello sciopero. Entro maggio, poi, i circoli Pd saranno mobilitati per un giorno di informazione sul ddl". Bene,forse no. Ma questa letterina che fine ha fatto? Si è persa in qualche magazzino di smistamento delle poste? Hanno sbagliato gli indirizzi di oltre 700 mila docenti italiani? Oppure vi è stato qualche intasamento con le mail, visto che probabilmente questa arriverà non per le vie tradizionali, rottamate, ma per via telematica? Gli Ata, beh visto che in questa riforma non vengono considerati, e per alcuni aspetti meglio così, per altri, invece, si dimostra che considerazione sussiste nei loro confronti, possono stare tranquilli, per loro non è prevista alcuna letterina, né reale né virtuale. Intanto sono arrivate migliaia di lettere, principalmente in rete, contro quella disastrosa riforma. Forse ha capito che non era il caso di scrivere una letterina prima dello sciopero, perché sarebbe stato ciò di una gravità inaudita, una ingerenza fortissima nelle dinamiche del conflitto sociale? Forse ha deciso di non scriverla perché sarebbe stato uno schiaffo all'intelligenza di chi protesta e viene accusato, dopo una faraonica e fittizia consultazione, di non aver capito la sua riforma? Intanto arriva, via facebook, una letterina del sottosegretario all'Istruzione del Pd, Faraone, che in alcuni passaggi scrive “Loro hanno scelto di combattere contro 100.000 assunzioni, 3 miliardi sulla scuola, la fine definitiva di un modo di assumere iniquo e ingiusto. Se battaglia della vita deve essere che almeno non si raccontino fandonie. A testa alta difenderemo un provvedimento in cui crediamo e su cui stiamo investendo tanto. Disponibili a confrontarci nel merito, ma basta fantasmi e bugie”. Questo testo, dimostra come stanno girando la frittata, come tentanto di spaccare il fronte della protesta, dimostra come o fanno finta di non capire, dunque è non comprensione del senso della protesta, diffusa e condivisa, o sono semplicemente in malafede. In queste sfumature di tipico vittimismo tutto nostrano, forse non hanno capito, ad esempio che non si protesta, in via di principio contro le assunzioni, soffermandoci ora su queste, ma sulle modalità, sul fatto che verrà edificata una figura ex novo, sul fatto che si stravolge l'intera architettura della scuola, aziendalizzandola, per una questione che ben potrebbe essere soddisfatta in altro modo, sul fatto che si espelleranno dalla scuola centinaia di migliaia di lavoratori e lavoratrici dopo averle illuse per decenni, dopo aver loro fatto sborsare quattrini a non finire per lavorare. Ed il tutto ponendo un banale ed allucinante ricatto: no buonascuola, o meglio cattivascuola? Niente assunzioni. Per esempio, perché non assumere i precari alle condizioni attuali e punto e basta? Senza stravolgere la scuola? Mica è vietato. E' solo una questione di volontà. Ma non sussiste. Sussiste invece la volontà di denigrare chi protesta, etichettarlo come squadrista, relegarlo negli abissi di quella minoranza che non conta nulla, in tale sistema decisionista ed autoritario. Letterina, dunque, archiviata? Vedremo, oramai siamo alle porte di un meraviglioso risveglio, il risveglio di quella bella Italia, definita addormentata, che con la forza della ragione, delle idee, della dignità, agisce per difendere ciò che si vuole demolire, la nostra scuola Pubblica.

Commenti

Post popolari in questo blog

I 220 passi della vergogna d'Italia, la galleria Bombi di Gorizia,non verranno dimenticati

Prima di svoltare l'angolo ed addentrarti nella magnifica cornice che è quella di Piazza Vittoria, leggi una targa che riporta una frase in ricordo della visita di Giovanni Paolo II "Gorizia, situata all’incrocio di correnti di pensiero, di attività e di molteplici iniziative, sembra rivestire una singolare missione, quella di essere la porta d’Italia che pone comunicazione il mondo latino con quello slavo: porta aperta sull’Est europeo e sull’Europa centrale”.
Sembra rivestire.  Appunto. Sembra.
Alle tue spalle la Prefettura, e poi segui quelle persone con la felpa ed il cappuccio entrare dentro la galleria Bombi che dovrebbe unire Gorizia, ma non è così. Però prima di entrare dentro quel luogo buio, umido, una seconda targa coglie la tua attenzione.
Si legge che " stelle è un progetto di raccolta di segni, presenze e storie per comprendere e raccontare la condizione della moltitudine di persone in viaggio lungo la Balkan Route". Segni e presenze che nella g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…