Passa ai contenuti principali

Se devi sostenere dei costi per ripristinare il cognome originario dopo l'italianizzazione forzata

Recentemente ho pubblicato per la rete un post dal seguente titolo: “Risarcire chi ha avuto il cognome italianizzato e ripristinare la toponomastica antefascismo”. 
In sostanza effettuavo una riflessione ove lasciavo intendere, tra i vari punti, che è certamente  un diritto, di chi per colpa e mano del Regno d'Italia prima e regime fascista poi, ha subito la violenza dell'italianizzazione forzata del proprio cognome, di  pretendere un giusto risarcimento danno anche a livello economico. 
Anche perché se la nostra Corte Costituzionale con la sentenza del 22 ottobre 2014, n. 238 ha affermato che “il totale sacrificio che si richiede ad uno dei principi supremi dell'ordinamento italiano, quale senza dubbio è il diritto al giudice a tutela di diritti inviolabili, sancito dalla combinazione degli artt. 2 e 24 della Costituzione repubblicana, riconoscendo l'immunità dello Stato straniero dalla giurisdizione italiana, non può giustificarsi ed essere tollerato quando ciò che si protegge è l´esercizio illegittimo della potestà di governo dello Stato straniero, quale deve ritenersi in particolare quello espresso attraverso atti ritenuti crimini di guerra e contro l' umanità, lesivi di diritti inviolabili della persona”, è evidente che azioni risarcitorie contro i crimini compiuti sotto il fascismo sono certamente percorribili. Anche perché sarebbe a dir poco surreale vedere riconosciute solo azioni risarcitorie contro i crimini compiuti dal nazismo e non dal fascismo.
Ricordavo che non si conosce la quantità esatta, precisa, dei cognomi italianizzati e saranno certamente migliaia di migliaia,  così come quanti sono stati i reali  decreti emessi, ai sensi della legge 1991 28 marzo, n. 114 con la quale emerse la possibilità in Italia di ripristinare il cognome originario.  
Ma anche ai sensi del comma 1 dell'art.11 della L. 15 dicembre 1999, n.482 “...i nomi dei quali siano stati modificati prima della data di entrata in vigore della presente legge o ai quali sia stato impedito in passato di apporre il nome di battesimo nella lingua della minoranza, hanno diritto di ottenere, sulla base di adeguata documentazione, il ripristino degli stessi in forma originaria”, oppure  ai sensi del comma 3 dell'art.7 della L.23 febbraio n.38 “i cittadini appartenenti alla minoranza slovena possono ottenere il cambiamento del proprio nome redatto in lingua italiana e loro imposto anteriormente alla data di entrata in vigore della legge 31 ottobre 1966, n.935, nel corrispondente nome in lingua slovena o in quello, sempre in lingua slovena, abitualmente usato nelle proprie relazioni sociali. Certamente una commissione di studio e d'inchiesta sarebbe necessaria per comprendere la dimensione e la grandezza di questa triste tragedia nefasta tutta nostrana. 
Sicuramente studi importanti sono stati realizzati, come l'identità cancellata, nella sola area di Trieste diversi studiosi hanno calcolato più di 50 mila cognomi italianizzati a partire dall'avvento del Regno d'Italia, ma è necessaria una visione globale e compiuta complessiva di questa violenza unica nell'Europa occidentale.
Ebbene, l'articolo citato è stato commentato da una persona la quale ha evidenziato che la procedura prefettizia attraverso cui si conferisce il ripristino del cognome originario è gratuita, ma tutti gli atti conseguenti, tutte le procedure successive sono a carico del richiedente.  E non è stata l'unica segnalazione giunta in tal senso.
La persona in questione, che aveva sollevato il caso a Trieste, ha evidenziato che “ in pratica il ripristino del cognome sulla patente, codice fiscale, carta d’identità, passaporto, tessere varie , INPS , catasto urbano .... , con relativi bolli , restano a carico del richiedente... come resta a carico del richiedente l'eventuale denuncia per "sostituzione di persona" nella eventualità che non si ottemperi rapidamente all'obbligo di aggiornamento di tutti i documenti di cui sopra”. 
Ricordando altresì che per questo motivo ha deciso di rinunciare ad un suo laico sacrosanto diritto. Insomma la burocrazia certamente non aiuta, ma non aiuta neanche lo Stato italiano il quale non solo, a parer mio, avrebbe l'obbligo di risarcire chi ha subito tale nefandezza, ma anche di garantire l'assoluta gratuità della procedura complessiva e di tutti gli atti conseguenti in relazione al cambio del cognome  o nome finalizzato al ripristino del cognome e/o nome originario. 
Il richiedente non dovrebbe sborsare neanche un centesimo! Quanti avranno rinunciato all'esercizio di questo diritto per colpa della burocrazia e di tutto ciò che vi è connesso? Quanti sono stati realmente informati sulle modalità di esercizio di questo diritto? Lo Stato italiano ha provveduto ad inviare a tutte le famiglie interessate un foglio informativo per delucidarli su ciò? Insomma ci troviamo innanzi ad un paradosso allucinante ma anche con attenzioni diverse perché se da un lato vedi lo Stato tutelare e risarcire ed intervenire con diversi provvedimenti a favore di chi ha subito e vissuto certe situazioni in ordine alle vicende del confine orientale, assumendosi obblighi e doveri morali discendenti da situazioni antecedenti rispetto alla nascita della Repubblica, lo stesso trattamento, lo stesso riconoscimento, la stessa premura ed attenzione non sussiste nei confronti di chi ha subito violenze da parte del Regime Fascista di questo Paese. 
D'altronde, l'Italia si è mai assunta le responsabilità per quello che ha compiuto nel Confine Orientale ed in Jugoslavia? 
Ha mai chiesto scusa? 
Ha mai risarcito economicamente chi è stato imprigionato nei campi fascisti italiani? Ha mai risarcito chi ha visto le proprie terre essere  espropriate dal Regno e dal Regime nell'ottica dell'italianizzazione? 
Ha mai risarcito chi ha subito la violenza della cancellazione della propria storia famigliare tramite l'italianizzazione del cognome? Ha mai risarcito chi ha visto biblioteche, circoli culturali sloveni essere distrutti? Ha mai risarcito chi è stato privato del diritto di poter parlare la propria naturale lingua? Ha mai risarcito chi ha subito sofferenze e drammi umani nefasti per colpa del fascismo?

Commenti

Post popolari in questo blog

Nova Gorica interrompa i rapporti con Gorizia

Non è la prima volta e non sarà forse neanche l'ultima volta che Gorizia e l'Italia dovranno vivere un sabato nero. Ricevere certi nostalgici è un qualcosa di veramente incomprensibile che continua a trovare spazio e legittimazione in una zona di confine come questa che ha conosciuto più che altrove le barbarie compiute soprattutto contro gli sloveni. Non è un caso che anche Gorizia ha avuto il suo Narodni dom. Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, entrarono violentemente nelle sale del Trgovski Dom, gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri, documenti, mobili,oggetti, simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia. E' inaccettabile che nella Repubbli…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Crisi Eaton Monfalcone un fronte unico per mantenere lo stabilimento

Nel consiglio comunale straordinario di Monfalcone, convocato per la questione Eaton, sono emerse con estrema chiarezza alcuni punti fermi per i lavoratori, forse non molto fermi per una certa politica. E' emerso con evidenza la necessità di essere tutti uniti, che ognuno faccia il proprio dovere nei limiti delle proprie possibilità e funzioni, perchè a Monfalcone la "crisi" Eaton intendendosi per crisi la scelta unilaterale aziendale di chiudere baracca per andare altrove, è effettivamente un qualcosa che ancora non è stato forse compreso bene da tutti dove può portare.  Quando si dice che oltre 200 famiglie andranno in condizione di povertà, di precarietà totale, che si aggiungeranno già ad altre migliaia di famiglie senza lavoro, in una provincia maglia nera per l'occupazione, quale quella goriziana, significa dire che la situazione effettivamente ha delle potenzialità implosive ed esplosive sociali enormi. Quella fabbrica ha una storia di lotte importanti nel m…