Passa ai contenuti principali

Il “volontariato” per i richiedenti asilo è giusto?

Nei primi giorni del dicembre del 2014 il Ministero dell'Interno comunicava che con una circolare si invitavano le prefetture italiane “a stringere accordi con gli enti locali per favorire lo svolgimento volontario, da parte degli immigrati ospitati, di attività socialmente utili, che avrebbero il doppio vantaggio di creare un terreno fertile per una più efficace integrazione nel tessuto sociale e di prevenire eventuali tensioni”. Si leggeva anche che “l'attività di volontariato deve essere, appunto, volontaria, gratuita e di utilità sociale, quindi senza 'scopi di lucro', e preceduta da un'adeguata formazione. Il cittadino immigrato interessato deve aderire a un'associazione/organizzazione e avere copertura assicurativa, non a carico dell'amministrazione dell'Interno. La possibilità di aderire a questi percorsi di volontariato è limitata ai richiedenti asilo e a coloro in attesa di definizione del ricorso, perché chi è titolare di protezione internazionale viene coinvolto in altri percorsi di inserimento, finalizzati al lavoro”. Ed è noto che recentemente sono diversi gli enti locali che stipulano questi protocolli, e molti di questi servizi di volontariato riguardano la pulizia di strade, la cura del verde pubblico ecc. Insomma attività lavorativa a costo zero. Certo. E viene giustificata come un segno “ di gratitudine per l'Italia che li ospita” o come segno d'integrazione.
A parte il fatto che in questo Paese sono mesi, e mesi che ci bombardano con la falsità e menzogne come quelle dell'invasione, poi se si vanno a vedere i numeri nelle varie città, parliamo di minuzie, come si può parlare d'invasione in un città di 40 mila abitanti che accoglie 200 richiedenti asilo? I quali,ovviamente non potendo e non dovendo, con dispiacere di qualcuno, essere rinchiusi in carcere, e non avendo nulla da fare, nell'attesa di risolvere la loro pratica, spesso passeggiano per le città senza nulla fare, anche perché per i primi sei mesi di permanenza sul territorio, non posso svolgere alcun tipo di lavoro regolare, situazione che a dire il vero spesso va anche oltre i canonici sei mesi. Ovviamente gli italiani disoccupati che passeggiano per le città senza nulla fare non creano fastidio. Non sia mai. Ma si dice anche che il problema lo si deve risolvere a monte, cioè a casa loro. 
Certo, è dai tempi del fascismo che si dice così, però dopo prima aver occupato le loro terre, o devastate per i soliti interessi economici di pochi capitalisti e speculatori. E poi se non siamo in grado di risolvere la nota questione meridionale, determinata dall'Italia, se non siamo in grado di risolvere le questione delle mafie, come cazzarola solo si può immaginare di poter risolvere i problemi in Paesi terzi?
Demagogia.
La verità è che l'Italia, in buona parte, è un Paese intollerante, chiuso e destro. Costituito, in larga misura, da persone che condividono le parole del Papa, nel definire, ad esempio, la grande guerra una strage inutile, però poi acclamano le staffette militari che ricordano e celebrano la dichiarazione della guerra, lo scoppio della guerra.  I richiedenti asilo hanno diritto a frequentare le scuole pubbliche italiane alle stesse condizioni dei cittadini italiani. Nel caso tu abbia più di 18 anni avrai diritto ad accedere all'istruzione pubblica alle condizioni previste per gli stranieri regolarmente soggiornanti in Italia. Questo diritto è realmente garantito? Visto che si parla tanto di integrazione, perché, invece di organizzare corsi di volontariato, che mascherano lavoro gratuito, come se poi  queste persone avessero qualche colpa per il loro status, e come se l'Italia, che si vanta di essere una delle grandi potenze economiche mondiali, deve rinfacciarti, anzi farti pesare quella miseria di aiuto che conferisce, non si organizzano corsi d'istruzione? Invece di volontariato che maschera lavoro gratuito? Per esempio sarebbero importanti corsi con nozioni su come funziona il diritto comunitario, su come funzionano le regole comunitarie, ma anche con nozioni di cultura generale, non solo sull'Italia ma sull'Europa, rilevato che poi la maggior parte di queste persone, transitano dal nostro Paese, in cui sono ingabbiate, per andare oltre?


Commenti

Post popolari in questo blog

Non insegnare lo sloveno significa negare le radici slave del FVG

Numeri. Quantificazione. Dimmi quanto siete e ti dirò quanti diritti puoi avere. Dimmi chi sei e ti dirò che diritto potrai avere. Stiamo letteralmente dando i numeri ultimamente contro gli amici sloveni. Purtroppo qualche giapponese nella giungla in Friuli Venezia Giulia vi è ancora. Pensano di essere ancora ai tempi della guerra fredda o forse del fascismo dove tutto ciò che non era italiano andava annichilito, in particolar modo se era slavo. Concetti che già emergevano ai tempi della Carta del Carnaro dannunziana. La quale in modo fittizio tutelava le minoranze. Nel testo di quella carta emergeva che "nella terra di specie latina, nella terra smossa dal vomere latino, l’altra stirpe sarà foggiata o prima o poi dallo spirito creatore della latinità". E la soccombenza è avvenuta,come ben sappiamo con il fascismo, con i processi di italianizzazione forzata. Qualche nostalgico ancora oggi lotta contro il bilinguismo. I nazionalismi non appartengono più a questa epoca, vi è …

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

A Gorizia migranti abbandonati in mezzo alla strada. Appello del volontariato: servono coperte,cibo,vestiti

Gorizia è una città che non vuole installazioni artistiche che dovrebbero rappresentare muri, perchè a dirla tutta di muri forse ne hanno già tanti in questa piccola città estrema e periferica d'Italia e dimenticata dall'Italia. E quello visibile contro i migranti fuori convenzione, cioè che non rientrano all'interno di certi e dati parametri numerici, che quindi rimangono letteralmente nel bel mezzo della strada, è diventato da anni l'assoluta normalità. Una vergogna indicibile. Altro che Gorizia umanitaria e solidale. Menzogne. Ovviamente non è questo il motivo che ha determinato in città la morte precoce di una mostra artistica. Sbatterti in faccia la realtà può essere un qualcosa di indigeribile. Una indigestione che la politica dell'apparenza deve perseguire. Così come a Gorizia continua a muoversi la macchina del volontariato. Variegato. Esistono diverse realtà. Diverse situazioni.  Da segnalare l'appello della comunità di volontariato indipendente L'…