Passa ai contenuti principali

Il “volontariato” per i richiedenti asilo è giusto?

Nei primi giorni del dicembre del 2014 il Ministero dell'Interno comunicava che con una circolare si invitavano le prefetture italiane “a stringere accordi con gli enti locali per favorire lo svolgimento volontario, da parte degli immigrati ospitati, di attività socialmente utili, che avrebbero il doppio vantaggio di creare un terreno fertile per una più efficace integrazione nel tessuto sociale e di prevenire eventuali tensioni”. Si leggeva anche che “l'attività di volontariato deve essere, appunto, volontaria, gratuita e di utilità sociale, quindi senza 'scopi di lucro', e preceduta da un'adeguata formazione. Il cittadino immigrato interessato deve aderire a un'associazione/organizzazione e avere copertura assicurativa, non a carico dell'amministrazione dell'Interno. La possibilità di aderire a questi percorsi di volontariato è limitata ai richiedenti asilo e a coloro in attesa di definizione del ricorso, perché chi è titolare di protezione internazionale viene coinvolto in altri percorsi di inserimento, finalizzati al lavoro”. Ed è noto che recentemente sono diversi gli enti locali che stipulano questi protocolli, e molti di questi servizi di volontariato riguardano la pulizia di strade, la cura del verde pubblico ecc. Insomma attività lavorativa a costo zero. Certo. E viene giustificata come un segno “ di gratitudine per l'Italia che li ospita” o come segno d'integrazione.
A parte il fatto che in questo Paese sono mesi, e mesi che ci bombardano con la falsità e menzogne come quelle dell'invasione, poi se si vanno a vedere i numeri nelle varie città, parliamo di minuzie, come si può parlare d'invasione in un città di 40 mila abitanti che accoglie 200 richiedenti asilo? I quali,ovviamente non potendo e non dovendo, con dispiacere di qualcuno, essere rinchiusi in carcere, e non avendo nulla da fare, nell'attesa di risolvere la loro pratica, spesso passeggiano per le città senza nulla fare, anche perché per i primi sei mesi di permanenza sul territorio, non posso svolgere alcun tipo di lavoro regolare, situazione che a dire il vero spesso va anche oltre i canonici sei mesi. Ovviamente gli italiani disoccupati che passeggiano per le città senza nulla fare non creano fastidio. Non sia mai. Ma si dice anche che il problema lo si deve risolvere a monte, cioè a casa loro. 
Certo, è dai tempi del fascismo che si dice così, però dopo prima aver occupato le loro terre, o devastate per i soliti interessi economici di pochi capitalisti e speculatori. E poi se non siamo in grado di risolvere la nota questione meridionale, determinata dall'Italia, se non siamo in grado di risolvere le questione delle mafie, come cazzarola solo si può immaginare di poter risolvere i problemi in Paesi terzi?
Demagogia.
La verità è che l'Italia, in buona parte, è un Paese intollerante, chiuso e destro. Costituito, in larga misura, da persone che condividono le parole del Papa, nel definire, ad esempio, la grande guerra una strage inutile, però poi acclamano le staffette militari che ricordano e celebrano la dichiarazione della guerra, lo scoppio della guerra.  I richiedenti asilo hanno diritto a frequentare le scuole pubbliche italiane alle stesse condizioni dei cittadini italiani. Nel caso tu abbia più di 18 anni avrai diritto ad accedere all'istruzione pubblica alle condizioni previste per gli stranieri regolarmente soggiornanti in Italia. Questo diritto è realmente garantito? Visto che si parla tanto di integrazione, perché, invece di organizzare corsi di volontariato, che mascherano lavoro gratuito, come se poi  queste persone avessero qualche colpa per il loro status, e come se l'Italia, che si vanta di essere una delle grandi potenze economiche mondiali, deve rinfacciarti, anzi farti pesare quella miseria di aiuto che conferisce, non si organizzano corsi d'istruzione? Invece di volontariato che maschera lavoro gratuito? Per esempio sarebbero importanti corsi con nozioni su come funziona il diritto comunitario, su come funzionano le regole comunitarie, ma anche con nozioni di cultura generale, non solo sull'Italia ma sull'Europa, rilevato che poi la maggior parte di queste persone, transitano dal nostro Paese, in cui sono ingabbiate, per andare oltre?


Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …