Passa ai contenuti principali

“Il FVG come ponte di amicizia dei popoli” le parole di Bacicchi nel '64

Operaio, Partigiano e Comunista, nonché anche Senatore comunista nella VI, VII e VIII legislatura della Repubblica italiana. 
Voglio ricordare Silvano Bacicchi che ho avuto modo di conoscere personalmente per la questione Ronchi dei Partigiani/ dei Legionari, su cui tornerò a breve, con un suo discorso, quello del 13 marzo del '64 pronunciato durante i lavori della V conferenza nazionale d'organizzazione del PCI. Parlerà della nostra Regione, di cui certamente è stato uno dei principali sostenitori, in questo modo: "L'attuazione della Regione non è stato un regalo o una conseguenza del centro sinistra; è stata la conclusione vittoriosa di una lunga lotta popolare (giunta fino agli scioperi) nella quale i comunisti italiani e sloveni hanno avuto un ruolo di avanguardia sulla base di una piattaforma popolare unitaria che ha costretto le altre forze politiche ad accettare la costituzione della Regione autonoma. Il compito che ci sta ora di fronte è quello di dare un contenuto preciso alla Regione perché essa possa assolvere in pieno la sua funzione affrontando i gravi problemi che sono di fronte a tutti i cittadini”. Ricordando che la nostra Regione deve essere “ponte di amicizia dei popoli”. Che queste parole siano ancora oggi attuali è evidente, e confermano la grandezza del pensiero di Silvano Bacicchi. Che l'autonomia della Regione deve rispettare quella dei suoi nuclei vitali, è altrettanto evidente, quali i Comuni, specialmente oggi, in un tempo ove si assiste ad un centralismo esasperato contestualmente ad un nazionalismo crescente che rischia di minare seriamente quel ponte fra i popoli che il FVG è diventato grazie all'operato ed all'intervento di persone come Bacicchi. Valori antifascisti che Bacicchi ha difeso fino alla fine. Come nel libro presentato il 25 luglio 2014, in una pienissima sala del Consiglio comunale di Ronchi, Riflessi di una Grande Guerra, ove affronta tre tematiche importanti e delicate: la diffusione della lingua italiana; l’impresa fiumana di Gabriele d’Annunzio;l’identità antifascista di Ronchi. Un libro patrocinato dall'ANPI, comitato provinciale di Gorizia ed in collaborazione con il centro Isontino di ricerca Gasparini. E Bacicchi, ha evidenziato il carattere a dir poco inappropriato, del suffisso dei legionari in Ronchi, rilevando che:1) la marcia di Ronchi fu del tutto casuale, sarebbe potuto partire da qualsiasi altra località viciniore che avesse avuto disponibilità di una caserma per i granatieri,rivoltosi,poi divenuti legionari; 2) Ronchi e la sua popolazione furono totalmente estranei alla marcia, tanto che lo stesso D'Annunzio definiva Ronchi borgo inconsapevole ed in ogni caso non rimase in Ronchi oltre le 11 ore; 3) la ridefinizione del toponimo originale della città in Ronchi dei Legionari, per la personalità di chi lo propose, le motivazioni addotte, l'illegittimità del Consiglio che le approvò e del Governo che le decretò sono di una evidente impostazione fascista, al pari della cittadinanza onoraria a Mussolini, come comunque recentemente revocata; 4) L'impresa fiumana di D'Annunzio e dei suoi Legionari fu un nocivo attacco a un debole regime liberaldemocratico e una marcia lungo una strada che portò non solo alla periferica Fiume ma fu propedeutica a quella fascista su Roma; 5) i valori, che giustamente onorano il gonfalone di Ronchi e la storia della sua gente, non si possono confondere con la storia politica di D'Annunzio e dei suoi Legionari che tali valori contrastano. Concludendo che per i motivi, come ora sinteticamente riportati, “è favorevole alla eliminazione del suffisso dei Legionari, al mantenimento di solo Ronchi con l'aggiunta città Medaglia d'Argento al Valor Militare per attività partigiana”. 
Ed essendo uno dei promotori del comitato culturale,sociale e storico Ronchi dei Partigiani, sulla cui attività ecc verrà a breve pubblicato un libro, non posso che essere orgoglioso del fatto di sapere che sussiste una piena condivisione di vedute sulla questione dei legionari in Ronchi con il compagno Bacicchi. E questa battaglia, finalizzata ad eliminare il suffisso dei legionari, per il mantenimento del solo Ronchi con l'aggiunta città Medaglia d'Argento al Valor Militare per attività partigiana, la condurremo avanti con tutte le forze antifasciste, insieme. 
Insieme, anche per il compagno Silvano Bacicchi.  E ragionando sul bellissimo nonché attualissimo discorso del marzo del '64 non posso che arrivare alle seguenti conclusioni:se il FVG doveva divenire ponte fra i popoli, dunque che anche Ronchi, che ospita anche l'unico aeroporto della nostra regione, lo possa divenire ed essere pienamente, eliminando un suffisso, che oggi, nel terzo millennio, nell'Europa senza confini, nell'Europa ove si vuole mantenere la pace e contrastare ogni nazionalismo, è a dir poco folle, folle perché quel suffisso, tra le varie cose, celebra l'occupazione di una città straniera, appartenente alla Croazia...

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto