Passa ai contenuti principali

Il decreto legge sulla buona scuola diventerà ddl, una considerazione sul perchè

Niente più Decreto Legge. Niente più strumento straordinario, che straordinario in Italia non lo è da diverso tempo, niente più provvedimento d'urgenza, in materia di scuola. Dunque non vi era alcuna straordinaria necessità ed urgenza di emanare disposizioni per rendere effettiva l'autonomia scolastica, il diritto allo studio, il contrasto alla dispersione scolastica ecc, così come non vi è e non vi era alcuna urgenza di prevedere un piano di assunzioni straordinario, così come non è necessario intraprendere tramite decreto legge, alcune misure propedeutiche per l'inizio del nuovo scolastico. Qualcosa è accaduto. E' intervenuto, in modo silente, tramite qualche suggerimento o consiglio, il Quirinale? Oppure si vuole prendere tempo per attendere la sentenza della Corte Costituzionale in tema di precariato? Dalla fatidica pronuncia del novembre 2014 della Corte di Giustizia Europea, i Tribunali  hanno continuato, come in precedenza,  a disporre il riconoscimento della  progressione di carriera, altri le stabilizzazioni, altri risarcimento danno, altri hanno sospeso in attesa della Corte Costituzionale. Sono in molti a nutrire dubbi sulla pronuncia della Corte Costituzionale, e tra questi vi sono anche io. Mi aspetto certamente una conferma della necessità di misure risarcitorie volte a contrastare l'abuso della precarietà, ma temo un freno in temo di conversione dei contratti da tempo determinato a tempo indeterminato. Non si può fare finta di nulla. Un Governo che da mesi dice che sarebbe intervenuto con urgenza, ora rallenta bruscamente. 
Forse anche perché si vuole prendere tempo per la copertura economica cercando di coinvolgere in tale direzione gli organi parlamentari. Ma non è da escludere neanche che il vero motivo, che ha comportato il rallentamento di questo provvedimento, sia quello relativo al caso scuole paritarie e sistema di detrazione per le famiglie di alunni delle citate scuole, anche per le diverse pressioni ricevute in materia a pochi giorni dal Consiglio dei Ministri del 3 marzo. Pressioni che hanno ricordato tra le varie cose che il finanziamento dello Stato, per il sistema scuola paritarie, che a parer mio dovrebbe essere inesistente, dovrebbe ammontare a 472 milioni di euro con un taglio di circa 28 milioni rispetto al 2014. Intanto, nel comunicato stampa del 3 marzo si legge che gli interventi, in materia di scuola, riguarderanno questi aspetti: "Rafforzare le competenze degli studenti con flessibilità nei programmi, inclusione e integrazione; Avere un organico funzionale e potenziare l’offerta formativa; I dirigenti scolastici diventano leader educativi con strumenti e personale adeguati per il miglioramento dell’offerta formativa; Organi collegiali più efficaci e rappresentativi; Valutazione, formazione e carriera degli insegnanti; Un rapporto più stretto e stabile fra scuola e lavoro con alternanza obbligatoria nell’ultimo triennio delle superiori; Per quanto riguarda l’edilizia scolastica si vuole procedere con bandi per la costruzione di scuole altamente innovative, creare un’anagrafe dell’edilizia che sia trasparente sugli immobili della scuola e nuove risorse e procedure semplificate e più rapide per costruire nuove strutture;Una scuola digitale con un nuovo piano nazionale che metta al centro formazione dei docenti e competenze degli studenti; Una scuola che goda di una semplificazione amministrativa ".
Come è evidente, tutti questi punti non possono certamente rientrare in un decreto legge, perché trattasi di riforma organica e complessiva dell'intero sistema scolastico e non di una banale misura d'urgenza. Infine, questa è una considerazione personale, ma che in verità penso sia condivisa da tanti e tante, il fatto che il decreto legge sia saltato, non è una cosa negativa, anzi sono in molti ad aver tirato un sospiro di sollievo. Però è anche vero che questo Governo, per diversi aspetti, corre come un treno ad alta velocità, e se le cose continueranno così, non sarà certamente una sosta in più, forse non prevista, in qualche stazione burocratica, a fermare la sua attività  inclusa quella sulla scuola. E di questo bisogna, nel bene o nel male, esserne consapevoli. 

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …