Passa ai contenuti principali

Il decreto legge sulla buona scuola diventerà ddl, una considerazione sul perchè

Niente più Decreto Legge. Niente più strumento straordinario, che straordinario in Italia non lo è da diverso tempo, niente più provvedimento d'urgenza, in materia di scuola. Dunque non vi era alcuna straordinaria necessità ed urgenza di emanare disposizioni per rendere effettiva l'autonomia scolastica, il diritto allo studio, il contrasto alla dispersione scolastica ecc, così come non vi è e non vi era alcuna urgenza di prevedere un piano di assunzioni straordinario, così come non è necessario intraprendere tramite decreto legge, alcune misure propedeutiche per l'inizio del nuovo scolastico. Qualcosa è accaduto. E' intervenuto, in modo silente, tramite qualche suggerimento o consiglio, il Quirinale? Oppure si vuole prendere tempo per attendere la sentenza della Corte Costituzionale in tema di precariato? Dalla fatidica pronuncia del novembre 2014 della Corte di Giustizia Europea, i Tribunali  hanno continuato, come in precedenza,  a disporre il riconoscimento della  progressione di carriera, altri le stabilizzazioni, altri risarcimento danno, altri hanno sospeso in attesa della Corte Costituzionale. Sono in molti a nutrire dubbi sulla pronuncia della Corte Costituzionale, e tra questi vi sono anche io. Mi aspetto certamente una conferma della necessità di misure risarcitorie volte a contrastare l'abuso della precarietà, ma temo un freno in temo di conversione dei contratti da tempo determinato a tempo indeterminato. Non si può fare finta di nulla. Un Governo che da mesi dice che sarebbe intervenuto con urgenza, ora rallenta bruscamente. 
Forse anche perché si vuole prendere tempo per la copertura economica cercando di coinvolgere in tale direzione gli organi parlamentari. Ma non è da escludere neanche che il vero motivo, che ha comportato il rallentamento di questo provvedimento, sia quello relativo al caso scuole paritarie e sistema di detrazione per le famiglie di alunni delle citate scuole, anche per le diverse pressioni ricevute in materia a pochi giorni dal Consiglio dei Ministri del 3 marzo. Pressioni che hanno ricordato tra le varie cose che il finanziamento dello Stato, per il sistema scuola paritarie, che a parer mio dovrebbe essere inesistente, dovrebbe ammontare a 472 milioni di euro con un taglio di circa 28 milioni rispetto al 2014. Intanto, nel comunicato stampa del 3 marzo si legge che gli interventi, in materia di scuola, riguarderanno questi aspetti: "Rafforzare le competenze degli studenti con flessibilità nei programmi, inclusione e integrazione; Avere un organico funzionale e potenziare l’offerta formativa; I dirigenti scolastici diventano leader educativi con strumenti e personale adeguati per il miglioramento dell’offerta formativa; Organi collegiali più efficaci e rappresentativi; Valutazione, formazione e carriera degli insegnanti; Un rapporto più stretto e stabile fra scuola e lavoro con alternanza obbligatoria nell’ultimo triennio delle superiori; Per quanto riguarda l’edilizia scolastica si vuole procedere con bandi per la costruzione di scuole altamente innovative, creare un’anagrafe dell’edilizia che sia trasparente sugli immobili della scuola e nuove risorse e procedure semplificate e più rapide per costruire nuove strutture;Una scuola digitale con un nuovo piano nazionale che metta al centro formazione dei docenti e competenze degli studenti; Una scuola che goda di una semplificazione amministrativa ".
Come è evidente, tutti questi punti non possono certamente rientrare in un decreto legge, perché trattasi di riforma organica e complessiva dell'intero sistema scolastico e non di una banale misura d'urgenza. Infine, questa è una considerazione personale, ma che in verità penso sia condivisa da tanti e tante, il fatto che il decreto legge sia saltato, non è una cosa negativa, anzi sono in molti ad aver tirato un sospiro di sollievo. Però è anche vero che questo Governo, per diversi aspetti, corre come un treno ad alta velocità, e se le cose continueranno così, non sarà certamente una sosta in più, forse non prevista, in qualche stazione burocratica, a fermare la sua attività  inclusa quella sulla scuola. E di questo bisogna, nel bene o nel male, esserne consapevoli. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…