Passa ai contenuti principali

Il decreto legge sulla buona scuola diventerà ddl, una considerazione sul perchè

Niente più Decreto Legge. Niente più strumento straordinario, che straordinario in Italia non lo è da diverso tempo, niente più provvedimento d'urgenza, in materia di scuola. Dunque non vi era alcuna straordinaria necessità ed urgenza di emanare disposizioni per rendere effettiva l'autonomia scolastica, il diritto allo studio, il contrasto alla dispersione scolastica ecc, così come non vi è e non vi era alcuna urgenza di prevedere un piano di assunzioni straordinario, così come non è necessario intraprendere tramite decreto legge, alcune misure propedeutiche per l'inizio del nuovo scolastico. Qualcosa è accaduto. E' intervenuto, in modo silente, tramite qualche suggerimento o consiglio, il Quirinale? Oppure si vuole prendere tempo per attendere la sentenza della Corte Costituzionale in tema di precariato? Dalla fatidica pronuncia del novembre 2014 della Corte di Giustizia Europea, i Tribunali  hanno continuato, come in precedenza,  a disporre il riconoscimento della  progressione di carriera, altri le stabilizzazioni, altri risarcimento danno, altri hanno sospeso in attesa della Corte Costituzionale. Sono in molti a nutrire dubbi sulla pronuncia della Corte Costituzionale, e tra questi vi sono anche io. Mi aspetto certamente una conferma della necessità di misure risarcitorie volte a contrastare l'abuso della precarietà, ma temo un freno in temo di conversione dei contratti da tempo determinato a tempo indeterminato. Non si può fare finta di nulla. Un Governo che da mesi dice che sarebbe intervenuto con urgenza, ora rallenta bruscamente. 
Forse anche perché si vuole prendere tempo per la copertura economica cercando di coinvolgere in tale direzione gli organi parlamentari. Ma non è da escludere neanche che il vero motivo, che ha comportato il rallentamento di questo provvedimento, sia quello relativo al caso scuole paritarie e sistema di detrazione per le famiglie di alunni delle citate scuole, anche per le diverse pressioni ricevute in materia a pochi giorni dal Consiglio dei Ministri del 3 marzo. Pressioni che hanno ricordato tra le varie cose che il finanziamento dello Stato, per il sistema scuola paritarie, che a parer mio dovrebbe essere inesistente, dovrebbe ammontare a 472 milioni di euro con un taglio di circa 28 milioni rispetto al 2014. Intanto, nel comunicato stampa del 3 marzo si legge che gli interventi, in materia di scuola, riguarderanno questi aspetti: "Rafforzare le competenze degli studenti con flessibilità nei programmi, inclusione e integrazione; Avere un organico funzionale e potenziare l’offerta formativa; I dirigenti scolastici diventano leader educativi con strumenti e personale adeguati per il miglioramento dell’offerta formativa; Organi collegiali più efficaci e rappresentativi; Valutazione, formazione e carriera degli insegnanti; Un rapporto più stretto e stabile fra scuola e lavoro con alternanza obbligatoria nell’ultimo triennio delle superiori; Per quanto riguarda l’edilizia scolastica si vuole procedere con bandi per la costruzione di scuole altamente innovative, creare un’anagrafe dell’edilizia che sia trasparente sugli immobili della scuola e nuove risorse e procedure semplificate e più rapide per costruire nuove strutture;Una scuola digitale con un nuovo piano nazionale che metta al centro formazione dei docenti e competenze degli studenti; Una scuola che goda di una semplificazione amministrativa ".
Come è evidente, tutti questi punti non possono certamente rientrare in un decreto legge, perché trattasi di riforma organica e complessiva dell'intero sistema scolastico e non di una banale misura d'urgenza. Infine, questa è una considerazione personale, ma che in verità penso sia condivisa da tanti e tante, il fatto che il decreto legge sia saltato, non è una cosa negativa, anzi sono in molti ad aver tirato un sospiro di sollievo. Però è anche vero che questo Governo, per diversi aspetti, corre come un treno ad alta velocità, e se le cose continueranno così, non sarà certamente una sosta in più, forse non prevista, in qualche stazione burocratica, a fermare la sua attività  inclusa quella sulla scuola. E di questo bisogna, nel bene o nel male, esserne consapevoli. 

Commenti

Post popolari in questo blog

FuoriRoma ed il caso Monfalcone sul servizio pubblico nazionale,un ceffone alla sinistra

Finalmente il caso Monfalcone è approdato sul servizio pubblico nazionale. Su Rai Tre, nel programma di Concita De Gregorio Fuori Roma . Da quando ha vinto le elezioni il Sindaco della Lega Nord, passata alla storia come il "Sindaco con le palle", diversi programmi si sono occupati del perchè della Caporetto della "sinistra" a Monfalcone, ma mancava il servizio pubblico. 47 minuti di programma, che hanno ben illustrato le motivazioni, hanno ben spiegato la situazione sociale sussistente a Monfalcone, città dei cantieri, nel senso, come è già stato detto più volte, che appartiene ai cantieri navali, alla Fincantieri. Perchè, nel bene o nel male ne ha subito le politiche a partire da quelle immigratorie e della delocalizzazione al contrario sul lavoro attingendo manodopera da certi e noti Paesi perchè le leggi del mercato lo consentono, la normativa europea ed italiana lo consentono ed i riflessi sono stati ingestibili, dove nessuno ne è uscito vincitore ma tutti sco…

Da quando Trump ha iniziato a giocare alla guerra è diventato un "bravo ragazzo" con i media prostituiti alla guerra

Nazista, dittatore, fascista, pazzo, non è l'America. Votato da milioni di Americani, anche se non dalla maggioranza. Doveva impostare una politica in stile isolazionista. Doveva mettere in discussione la Nato, obsoleta. Doveva tante cose. Ma da quando ha iniziato a prendere i primi schiaffi, uno su tutti, il blocco della controriforma sanitaria, qualcosa è mutato. Arrivano finanziamenti pesanti per l'esercito. Ed iniziano a cambiare i rapporti internazionali. La Russia è ora se non un nemico poco ci manca, la Cina, che prima era il nemico numero uno, ora è diventata alleata pro tempore. Ma la cosa che più impressiona è da un lato il silenzio di tutti i grandi democratici da quando ha iniziato a mostrare i muscoli militari, ad attuare azioni che ben avrebbe adottato la Clinton, ed infatti non è un caso il silenzio che ad oggi arriva proprio da quel gruppo politico, almeno qui in Europa. Dalla buffonata della madre di tutte le bombe, che ha ucciso comunque, alla questione cont…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …