Passa ai contenuti principali

Ancora sul caso accattonaggio a Monfalcone e la questione Emisfero

Ritorno sulla questione dell'accattonaggio a Monfalcone perché, a parer mio, è sintomatica di alcune problematicità sussistenti in questa importante città del Friuli Venezia Giulia. 
Per una piccola e minoritaria parte della popolazione, i problemi di Monfalcone erano e sono i non autoctoni, o meglio gli stranieri e nello specifico i bengalesi. Se la piazza principale di Monfalcone è vuota la colpa di chi è? Dei bengalesi che decidono di frequentarla. Se via sant'Ambrogio vede la diffusione di diverse attività commerciali di bengalesi, il degrado a chi è dovuto? Ai bengalesi che hanno la colpa di esercitare il libero esercizio del commercio. Certo, tutta colpa dei bengalesi. Anche se l'aria è inquinata è colpa dei bengalesi. Poi, finita, per un periodo, l'emergenza bengalesi, nasce quella dell'accattonaggio. Tanto che il comune di Monfalcone decide di emanare una ordinanza che lo vieta per tre mesi nell'area del locale Ospedale. Ma su questo ho già scritto e rinvio al seguente intervento. Ed effetto domino cosa vuole? Che ora il problema si estende al parcheggio del noto centro commerciale di Monfalcone, quale l'Emisfero. Fatto che avevo già denunciato. Ma la cosa che deve indurre alla riflessione è la risposta, legittima o meno, che ha fornito ufficialmente l'Emisfero di Monfalcone, sulla sua pagina ufficiale, pubblicamente, ad alcuni cittadini, che con sincronismo perfetto hanno iniziato a segnalare, pubblicamente, quello che ora riporterò e che casualmente(?) sono tutti (fino alla chiusura del post questa è la situazione) membri di un noto gruppo Facebook locale. Il via lo da questa prima segnalazione: “vorrei ricordare che il parcheggio è di proprietà del centro commerciale e che i responsabili dello stesso devono adoperarsi per rendere la sosta dei clienti tranquilla e senza seccature continue, i responsabili del centro devono pretendere lo sgombero forzato dalla loro proprietà durante l'apertura del centro stesso”. Sgombero forzato? Già, ed è stato scritto. Manco che si trattasse di merce avariata. Poi vi sarà chi scrive: “ Anche mia figlia e' stata disturbata dai suddetti personaggi. In mancanza di efficaci provvedimenti non solo crollerà la permanenza dei vostri clienti, ma pure la loro presenza”. Dunque si lascia,addirittura, intendere un possibile boicottaggio in mancanza di seri provvedimenti! E poi, ancora :” io sono una vostra fedele cliente l'altro giorno mio marito ha posteggiato la macchina quasi dietro dove di solito si scarica la merce proprio per non essere infastiditi, come siamo usciti con il carrello uno di questi ci ha seguiti sino alla macchina....se non prendete provvedimenti penso che mi recherò altrove, io non vedo mai nessuno davanti agli altri centri commerciali”.
E come risponde l'Emisfero sulla sua pagina facebook? Prima dicendo che “tutte le segnalazioni sono preziose per migliorare la permanenza dei nostri clienti”. Poi “ purtroppo non esiste alcuna ordinanza del sindaco come da lei citato ed inoltre l'accattonaggio è stato stralciato dal codice civile e penale e non è più reato: il reato sussiste solo nel caso di minori indotti all'accattonaggio . In ogni caso con la nostra vigilanza cerchiamo tutti i giorni di arginare il fenomeno da lei segnalato appellandoci spesso alle forze dell'ordine che però non possono far altro che identificare i soggetti. Inoltre molti clienti, molti più di quanto lei possa credere, danno offerte a questi soggetti e quindi,ovviamente, ciò favorisce la loro permanenza”.

E tendo a sottolineare il purtroppo!

Poi, ancora scriverà “ Nessun vino con tarallucci, continueremo a vigilare cercando di fare deterrenza. ...ma il miglior deterrente sarebbe quello di non favorire tale fenomeno non dando offerte a queste persone” ed infine “ (...)quella ordinanza è stata emessa su richiesta della ASL e riguarda in maniera esclusiva il parcheggio dell'unità ospedaliera. Non crediamo che un attività privata possa effettuare una richiesta similare con esiti positivi; in ogni caso ci informeremo”.

Ora, premesso che anche io come tanti altri cittadini siamo clienti dell'Emisfero, non ho mai avuto segnalazioni, pur conoscendo e vivendo questo territorio, di situazioni di accattonaggio molesto, pur interessandomi di questioni sociali da diverso tempo. Bisogna, invece, interrogarsi sul perché la cosa stia esplodendo proprio ora, se vi sia stata qualche causa specifica o meno che abbia determinato un simile interessamento a tale questione, eppure si tratta di persone, quali quelle che chiedono in quell'area l'elemosina ecc, presenti da diverso tempo in loco. E sinceramente le risposte come fornite dal Centro Commerciale non le reputo proprio per nulla condivisibili, certo è anche vero che se il primo esempio viene conferito dal Comune di Monfalcone con una ordinanza che in altri tempi avrebbe suscitato certamente l'ira almeno della sinistra, perché non è con la repressione che si risolvono certi e dati fenomeni sociali, una riflessione è più che dovuta. Stiamo a vedere come evolverà la situazione, senza comunque rimanere indifferenti, ben tenendo conto che questi sono segnali da non sottovalutare in una Monfalcone ove l'alibi della crisi sociale ed economica è diventato il non autoctono, lo straniero od il disagiato a livello economico, purché non rigorosamente italiano.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…