Passa ai contenuti principali

Una proposta di Legge che abroga la Regione FVG per la nascita del Triveneto e non solo

Con la Legge Costituzionale 31 gennaio 1963, n. 1 si stabilisce che "Il Friuli-Venezia Giulia e' costituito in Regione autonoma, fornita di personalità' giuridica, entro l'unita' della Repubblica italiana, una e indivisibile, sulla base dei principi della Costituzione", od ancora che "La Regione comprende i territori delle attuali province di Gorizia e di Udine e dei comuni di Trieste Duino-Aurisina, Monrupino, Muggia, San Dorligo della Valle e Sgonico. La Regione ha per capoluogo la città' di Trieste. Ferme restando le disposizioni sull'uso della bandiera nazionale, la Regione ha un proprio gonfalone ed uno stemma, approvato con decreto del Presidente della Repubblica". Insomma sarà proprio la nascita della Regione Friuli-Venezia Giulia a determinare la fine del Territorio Libero di Trieste e la piena sovranità Italiana nelle zone contese del FVG e dunque anche su Trieste. Il 12 gennaio 2015 sul sito della Camera è stato pubblicato un disegno di legge o meglio una proposta di legge costituzionale  depositata a novembre 2014, per iniziativa di diversi deputati del PD, che, se mai troverà luogo, stravolgerà l'intero panorama delle Regioni d'Italia. I concetti chiave saranno, semplificazione del regionalismo italiano, snellire il quadro burocratico, integrazione europea. Roma oltre a mantenere lo status di Capitale assumerà anche quello di regione “ in considerazione della specialità e degli oneri particolari e aggiuntivi derivanti dalla sua funzione di capitale della nazione e di centro della cristianità”.  Dopo i fatti noti di Parigi, probabilmente il concetto di cristianità, lo ritroveremo spesso in diversi provvedimenti, come se nel mondo ciò che contasse fosse solo la religione e suoi annessi e non la laicità, quella sulla quale sarebbe fondata anche la nostra Costituzione. Comunque sia come sarebbe la nuova Italia? Si passerebbe da 20 a 12 Regioni, lo statuto speciale verrà mantenuto solo dalla Sicilia e Sardegna e fuori ne verrebbe questo quadro, stando al disegno di legge citato: Regione alpina, comprendente le ex Regioni Valle d’Aosta, Piemonte e Liguria; Regione Lombardia; Regione Emilia-Romagna, comprendente la ex Regione Emilia-Romagna e la Provincia di Pesaro; Regione del Triveneto, comprendente le ex Regioni Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige; Regione appenninica, comprendente le ex Regioni Toscana e Umbria e la Provincia di Viterbo; Regione adriatica, comprendente la ex Regione Abruzzo e le Province di Macerata, Ancona, Ascoli, Rieti e Isernia; Regione di Roma capitale, comprendente la ex Provincia di Roma; Regione tirrenica, comprendente la ex Regione Campania e le Province di Latina e Frosinone; Regione del Levante, comprendente la ex Regione Puglia e le Province di Matera e Campobasso; Regione del Ponente, comprendente la ex Regione Calabria e la Provincia di Potenza; Regione Sicilia; Regione Sardegna. 


Ora, probabilmente in casa PD vi è qualche problemino, questo è evidente, perché se da un lato hai la Presidente della Regione FVG che nel luglio 2014 evidenzia l'importanza assoluta dello statuto speciale e valuta in modo positivo l'estensione del modello FVG in altre realtà regionali, perché alcuni deputati dello stesso partito stravolgono il tutto ? Un conto poi è proporre l'abrogazione di tutte le Regioni incentivando ed investendo nel sistema dei Comuni, principio nei confronti del quale sarei favorevole, un conto è disporre l'abrogazione di alcune Regioni andando a colpire una delle poche cose che funzionano,ad oggi, bene, quale l'essere a statuto speciale del FVG e dunque abrogare sia la Regione che il suo essere statuto speciale, continuando a mantenere il sistema delle Regioni in Italia pur se ridotto, sarebbe un gesto di mero masochismo politico. 


Marco Barone


Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …