Passa ai contenuti principali

Una proposta di Legge che abroga la Regione FVG per la nascita del Triveneto e non solo

Con la Legge Costituzionale 31 gennaio 1963, n. 1 si stabilisce che "Il Friuli-Venezia Giulia e' costituito in Regione autonoma, fornita di personalità' giuridica, entro l'unita' della Repubblica italiana, una e indivisibile, sulla base dei principi della Costituzione", od ancora che "La Regione comprende i territori delle attuali province di Gorizia e di Udine e dei comuni di Trieste Duino-Aurisina, Monrupino, Muggia, San Dorligo della Valle e Sgonico. La Regione ha per capoluogo la città' di Trieste. Ferme restando le disposizioni sull'uso della bandiera nazionale, la Regione ha un proprio gonfalone ed uno stemma, approvato con decreto del Presidente della Repubblica". Insomma sarà proprio la nascita della Regione Friuli-Venezia Giulia a determinare la fine del Territorio Libero di Trieste e la piena sovranità Italiana nelle zone contese del FVG e dunque anche su Trieste. Il 12 gennaio 2015 sul sito della Camera è stato pubblicato un disegno di legge o meglio una proposta di legge costituzionale  depositata a novembre 2014, per iniziativa di diversi deputati del PD, che, se mai troverà luogo, stravolgerà l'intero panorama delle Regioni d'Italia. I concetti chiave saranno, semplificazione del regionalismo italiano, snellire il quadro burocratico, integrazione europea. Roma oltre a mantenere lo status di Capitale assumerà anche quello di regione “ in considerazione della specialità e degli oneri particolari e aggiuntivi derivanti dalla sua funzione di capitale della nazione e di centro della cristianità”.  Dopo i fatti noti di Parigi, probabilmente il concetto di cristianità, lo ritroveremo spesso in diversi provvedimenti, come se nel mondo ciò che contasse fosse solo la religione e suoi annessi e non la laicità, quella sulla quale sarebbe fondata anche la nostra Costituzione. Comunque sia come sarebbe la nuova Italia? Si passerebbe da 20 a 12 Regioni, lo statuto speciale verrà mantenuto solo dalla Sicilia e Sardegna e fuori ne verrebbe questo quadro, stando al disegno di legge citato: Regione alpina, comprendente le ex Regioni Valle d’Aosta, Piemonte e Liguria; Regione Lombardia; Regione Emilia-Romagna, comprendente la ex Regione Emilia-Romagna e la Provincia di Pesaro; Regione del Triveneto, comprendente le ex Regioni Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige; Regione appenninica, comprendente le ex Regioni Toscana e Umbria e la Provincia di Viterbo; Regione adriatica, comprendente la ex Regione Abruzzo e le Province di Macerata, Ancona, Ascoli, Rieti e Isernia; Regione di Roma capitale, comprendente la ex Provincia di Roma; Regione tirrenica, comprendente la ex Regione Campania e le Province di Latina e Frosinone; Regione del Levante, comprendente la ex Regione Puglia e le Province di Matera e Campobasso; Regione del Ponente, comprendente la ex Regione Calabria e la Provincia di Potenza; Regione Sicilia; Regione Sardegna. 


Ora, probabilmente in casa PD vi è qualche problemino, questo è evidente, perché se da un lato hai la Presidente della Regione FVG che nel luglio 2014 evidenzia l'importanza assoluta dello statuto speciale e valuta in modo positivo l'estensione del modello FVG in altre realtà regionali, perché alcuni deputati dello stesso partito stravolgono il tutto ? Un conto poi è proporre l'abrogazione di tutte le Regioni incentivando ed investendo nel sistema dei Comuni, principio nei confronti del quale sarei favorevole, un conto è disporre l'abrogazione di alcune Regioni andando a colpire una delle poche cose che funzionano,ad oggi, bene, quale l'essere a statuto speciale del FVG e dunque abrogare sia la Regione che il suo essere statuto speciale, continuando a mantenere il sistema delle Regioni in Italia pur se ridotto, sarebbe un gesto di mero masochismo politico. 


Marco Barone


Commenti

Post popolari in questo blog

Nova Gorica interrompa i rapporti con Gorizia

Non è la prima volta e non sarà forse neanche l'ultima volta che Gorizia e l'Italia dovranno vivere un sabato nero. Ricevere certi nostalgici è un qualcosa di veramente incomprensibile che continua a trovare spazio e legittimazione in una zona di confine come questa che ha conosciuto più che altrove le barbarie compiute soprattutto contro gli sloveni. Non è un caso che anche Gorizia ha avuto il suo Narodni dom. Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, entrarono violentemente nelle sale del Trgovski Dom, gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri, documenti, mobili,oggetti, simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia. E' inaccettabile che nella Repubbli…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…