Passa ai contenuti principali

Numero Zero, un piccolo libro che schiaffeggia il giornalismo italiano a partire dal metodo Boffo

Il 6 giugno del 1992 moriva Martin Goodman editore americano che ha curato una miriade di riviste, libri tascabili,fumetti, e noto al grande pubblico per aver lanciato la madre della Marvel Comics. No, numero zero non è un fumetto, ma neanche il tipico romanzo al quale ci ha abituato nel corso della sua lunga attività culturale Eco. Breve, semplice, e di facile ed immediata lettura, un romanzo che inizia il 6 giugno del 1992, anno drammatico per la storia d'Italia, che pare aver già rimosso dalla propria memoria, salvo qualche foto e ritualità sussistente. Romanzo che è stato recensito diverse volte, forse senza neanche averlo letto, che prende letteralmente a schiaffi il modo di fare giornalismo in Italia,  giornalismo che non ha reagito ma applaudito questo romanzo, similmente per come accaduto con l'oramai ex Presidente della Repubblica all'atto del suo discorso di insediamento, un discorso con il quale schiaffeggiava i parlamentari e questi reagivano applaudendo. Certo, si dirà, si denuncia quello che è accaduto in quel periodo temporale, ma siamo certi che le cose sono cambiate? Che è mutato il modo di fare informazione? Eppure il noto metodo Boffo risale al 2009 d'altronde se il giornale intorno al quale ruoterà tutta la vicenda si chiamerà il "Domani" un motivo ci sarà.
Si rimpiange la Milano d'altri tempi, dai canali non più visibili, dalle balconate che ricordavano Napoli pur non essendo Napoli, ma la trasformazione del dopoguerra ha profondamente cambiato la fisionomia di Milano. Si criticheranno scrittori che in Italia sono stati elevati sull'altare della massima gloria, come D'Annunzio, definito, giustamente a parer mio, come “cattivo scrittore” e ci sarà un cinismo che non può lasciare indifferenti. Si decide di reclutare una squadra di perdenti ed illusi, precari che sperano di aver trovato finalmente la via giusta per il loro sogno o lavoro, per un giornale che non dovrà mai uscire, ma questo loro non lo sapranno mai, salvo il protagonista del libro e la ragazza di cui si innamorerà alla quale svelerà questo segreto, ma per i soldi si decide di stare al gioco per poi partire e mollare tutto, salvo imprevisti, imprevisto che arriverà, in modo anche fugace, forse perché Eco non vedeva l'ora di finire questo libro. Giocare con le illusioni altrui, i sogni altrui, reclutare perdenti, etica inesistente, è la realtà che sussiste oggi giorno. In un giornalismo, salvo le dovute eccezioni, che crea la notizia perché così ha deciso il finanziatore ed il finanziatore lo ha deciso per tutelare i propri interessi, decidendo cosa o non cosa debba essere pubblicato, ma il giornale si trova a doversi confrontare con una sorta di partita di ping pong, perché fino a quando i lettori decidono di partecipare al gioco della notizia che notizia non è, ad essere condizionati dai media senza usare il proprio cervello, ebbene la partita può continuare, ma quando il lettore raggiungerà lo stato di consapevolezza ponendosi semplicemente delle domande,forse tutto questo verrà meno. D'altronde non è un mistero che esiste una chiara regia nell'informazione del sistema, con una puntualità degna del miglior  orologio svizzero,  decidono quale deve essere la notizia delle notizie, quale invece la notizia che notizia non è diventata che deve semplicemente sparire. Sincronismo del potere mediatico. 
Ma il giornalismo è fatto anche di dossier, dossier per ricattare perché tutti i potenti e meno potenti hanno sempre qualche scheletro nell'armadio, e se questo non sussiste lo si può sempre creare fomentando dubbi e sospetti determinanti per la via del ricatto. Vi sarà molto di reale, ma molto anche di mera finzione letteraria. 
Come l'oramai noto caso, per chi ha letto il libro, del sosia di Mussolini, perché a piazzale Loreto sarebbe stato esposto il falso Mussolini, all'insaputa dei partigiani, quello vero invece era riuscito a fuggire in Argentina o nel Vaticano per poi dover essere esposto come simbolo del rinascente fascismo che nel '69 è fallito per un soffio con quella strategia della tensione che verrà sfiorata nel libro, senza nulla aggiungere a quanto già noto incluso il caso di Peteano, evento fondamentale nella strategia della tensione perché segna una rottura importante che nel libro viene presentata come un fatto tipico della strategia della tensione per dare la colpa alla solita sinistra. 
In realtà, a parer mio,  la bomba di Peteano è stata una guerra all'interno dello Stato tra apparati dello stesso Stato, ed i carabinieri sono stati colpiti proprio perché carabinieri, a partire dalla scoperta non casuale del deposito di Aurisina,usato principalmente da forze fasciste. 
Comunque sia va dato il merito ad Eco di essere riuscito in poche pagine ad inculcare piccole ma importanti informazioni sulla strategia della tensione, Gladio, servizi ecc, che possono raggiungere la massa con estrema facilità. Insomma un piccolo libro, un piccolo romanzo che offre diverse riflessioni e che se fosse stato scritto probabilmente da qualche altro scrittore, meno noto rispetto ad Eco, forse sarebbe stato anche ignorato se non fortemente criticato proprio da quella stampa, o meglio sistema di stampa, che il libro attacca. Probabilmente siamo al punto zero della libertà d'informazione in Italia,  pur essendo un libro ambientato nel 1992, nonostante gli appelli retorici successivi ai fatti di Parigi, internet certamente può essere un vero terremoto in tal senso, cosa che è stata compresa e per questo è finito e continuerà a finire nella rete della censura a partire dall'oblio...

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…