Passa ai contenuti principali

Le 55 ore di Parigi per riabilitare la sicurezza: da fallimentare ad eroica

Le 55 ore di Parigi hanno colpito nella memoria collettiva e non passeranno invano. Una mattina, non più qualunque, di questo 2015, subito dopo le festività, colpi di Kalashnikov realizzeranno quello che in Europa mancava,  l'11 settembre europeo. Matite paragonate alle Torri, Paesi ove la libertà di stampa, pur sussistendo, ma con forti limitazioni, vengono elevati a simbolo della libertà di stampa, l'Europa, tutta, pur continuando da anni, Italia in testa, ad adoperarsi per sanzionare, censurare, reprimere ogni voce di dissenso al sistema, si scopre d'incanto paladina della libertà di stampa e di pensiero.  Un luogo sconosciuto ai più, una rivista caduta nel dimenticatoio generale, salvo forse a Parigi, Charlie Hebdo, diventerà il simbolo dei simboli, ma solo per qualche ora, perché poi tutta l'attenzione cadrà sulla caccia all'uomo ed anche alla donna, a quanto pare. Ciò perché doveva darsi precedenza assoluta, priorità assoluta al ribaltamento della situazione. Il fallimento del sistema preventivo di sicurezza francese doveva diventare eroismo. E l'immagine simbolo, per diverse ore sarà il poliziotto ucciso a sangue freddo, poi si parlerà ancora di una poliziotta uccisa, dei vignettisti e collaboratori, sembra non interessare più a nessuno, c'è tempo per loro, il momento che conta, quello che deve contare, nel tempo della frenesia, della memoria breve, è la riabilitazione integrale del sistema di sicurezza francese.
90 mila uomini all'assalto.
Due uomini in fuga.
Ad ogni passaggio di serena vedrai gli occhi di alcuni giornalisti illuminarsi di euforia. Sembravano bambini senza controllo. L'ebrezza dell'azione. Poi, quando arriveranno gli elicotteri, delirio totale con un tocco di delusione, perché il gioco di guerra era già finito. La famosa guerra in casa, la desiderano, pur senza sapere un cazzo della guerra.
E' accaduto di tutto, ma veramente di tutto, un tutto che neanche nei film si è mai visto ma non è detto che non lo si vedrà, in futuro. Indirizzo sbagliato, scarpa persa, carta d'identità stranamente smarrita, determinante per rintracciare coloro che fino all'ultimo respiro verranno definiti dalla stampa internazionale come sospettati della strage di Charlie Hebdo e non con un secco autori,come farà invece, tanto per cambiare, quella italiana. Intanto la loro vita verrà data in pasto ai media, tutti diventeranno esperti di terrorismo, tutti generali di guerra pur non essendo in guerra, almeno per ora. Poi tra fughe, incidenti, fumo e sparatorie e addirittura ostaggi che ostaggi non saranno, tenteranno la fuga, pur avendo detto che non avrebbero ammazzato civili ed il pensiero non può che cadere su coloro che in questo frangente sono stati dimenticati, i morti di Charlie Hebdo, erano o non erano civili? Erano soldati, forse, senza saperlo?
E si faranno ammazzare.
Parallelamente a ciò arriva anche il colpo alla comunità ebraica. Un supermercato, ostaggi, azione che, a quanto pare, è diretta a vendicare il comportamento dei sionisti contro i palestinesi, qualche giornalista dirà che l'arma usata sarà ( beffa?)di origine israeliana, il mistero della presenza di una donna, prima presentata come ostaggio, con una foto arrivata chissà da dove, poi come complice alla fine come compagna di quel tipo che si farà ammazzare fuggendo con le mani in testa nelle braccia dei poliziotti, ma ad accoglierlo ci sarà una pallottola, anzi,  forse anche più di una. E poi la duplice rivendicazione, ci sarà Al Qaeda in Yemen e l'Isis, due realtà in competizione, ma che rivendicano lo stesso gesto. Nella follia totale e globale questa non poteva mica mancare. Patriottismo, vigilanza, unità ed eroismo, queste saranno le parole d'ordine di un Presidente Francese che è stato riabilitato in una situazione di emergenza straordinaria dopo un suo inesorabile declino. 55 ore per sanare la gran figura di merd, per usare un termine francese, appunto, del sistema di prevenzione francese ed europeo, 55 ore per ribaltare il fallimento in eroismo, tanto il tempo per ricordare le vittime di tutto ciò vi è e vi sarà, o no?
E la verità? 
Beh, per questa forse non è detto che il tempo ci sarà.


Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…