Passa ai contenuti principali

Le 55 ore di Parigi per riabilitare la sicurezza: da fallimentare ad eroica

Le 55 ore di Parigi hanno colpito nella memoria collettiva e non passeranno invano. Una mattina, non più qualunque, di questo 2015, subito dopo le festività, colpi di Kalashnikov realizzeranno quello che in Europa mancava,  l'11 settembre europeo. Matite paragonate alle Torri, Paesi ove la libertà di stampa, pur sussistendo, ma con forti limitazioni, vengono elevati a simbolo della libertà di stampa, l'Europa, tutta, pur continuando da anni, Italia in testa, ad adoperarsi per sanzionare, censurare, reprimere ogni voce di dissenso al sistema, si scopre d'incanto paladina della libertà di stampa e di pensiero.  Un luogo sconosciuto ai più, una rivista caduta nel dimenticatoio generale, salvo forse a Parigi, Charlie Hebdo, diventerà il simbolo dei simboli, ma solo per qualche ora, perché poi tutta l'attenzione cadrà sulla caccia all'uomo ed anche alla donna, a quanto pare. Ciò perché doveva darsi precedenza assoluta, priorità assoluta al ribaltamento della situazione. Il fallimento del sistema preventivo di sicurezza francese doveva diventare eroismo. E l'immagine simbolo, per diverse ore sarà il poliziotto ucciso a sangue freddo, poi si parlerà ancora di una poliziotta uccisa, dei vignettisti e collaboratori, sembra non interessare più a nessuno, c'è tempo per loro, il momento che conta, quello che deve contare, nel tempo della frenesia, della memoria breve, è la riabilitazione integrale del sistema di sicurezza francese.
90 mila uomini all'assalto.
Due uomini in fuga.
Ad ogni passaggio di serena vedrai gli occhi di alcuni giornalisti illuminarsi di euforia. Sembravano bambini senza controllo. L'ebrezza dell'azione. Poi, quando arriveranno gli elicotteri, delirio totale con un tocco di delusione, perché il gioco di guerra era già finito. La famosa guerra in casa, la desiderano, pur senza sapere un cazzo della guerra.
E' accaduto di tutto, ma veramente di tutto, un tutto che neanche nei film si è mai visto ma non è detto che non lo si vedrà, in futuro. Indirizzo sbagliato, scarpa persa, carta d'identità stranamente smarrita, determinante per rintracciare coloro che fino all'ultimo respiro verranno definiti dalla stampa internazionale come sospettati della strage di Charlie Hebdo e non con un secco autori,come farà invece, tanto per cambiare, quella italiana. Intanto la loro vita verrà data in pasto ai media, tutti diventeranno esperti di terrorismo, tutti generali di guerra pur non essendo in guerra, almeno per ora. Poi tra fughe, incidenti, fumo e sparatorie e addirittura ostaggi che ostaggi non saranno, tenteranno la fuga, pur avendo detto che non avrebbero ammazzato civili ed il pensiero non può che cadere su coloro che in questo frangente sono stati dimenticati, i morti di Charlie Hebdo, erano o non erano civili? Erano soldati, forse, senza saperlo?
E si faranno ammazzare.
Parallelamente a ciò arriva anche il colpo alla comunità ebraica. Un supermercato, ostaggi, azione che, a quanto pare, è diretta a vendicare il comportamento dei sionisti contro i palestinesi, qualche giornalista dirà che l'arma usata sarà ( beffa?)di origine israeliana, il mistero della presenza di una donna, prima presentata come ostaggio, con una foto arrivata chissà da dove, poi come complice alla fine come compagna di quel tipo che si farà ammazzare fuggendo con le mani in testa nelle braccia dei poliziotti, ma ad accoglierlo ci sarà una pallottola, anzi,  forse anche più di una. E poi la duplice rivendicazione, ci sarà Al Qaeda in Yemen e l'Isis, due realtà in competizione, ma che rivendicano lo stesso gesto. Nella follia totale e globale questa non poteva mica mancare. Patriottismo, vigilanza, unità ed eroismo, queste saranno le parole d'ordine di un Presidente Francese che è stato riabilitato in una situazione di emergenza straordinaria dopo un suo inesorabile declino. 55 ore per sanare la gran figura di merd, per usare un termine francese, appunto, del sistema di prevenzione francese ed europeo, 55 ore per ribaltare il fallimento in eroismo, tanto il tempo per ricordare le vittime di tutto ciò vi è e vi sarà, o no?
E la verità? 
Beh, per questa forse non è detto che il tempo ci sarà.


Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

FVG pride se la marcia evita il duomo di Udine

Si svolgerà ad Udine il FVG Pride e la notizia del 15 maggio, quando è stato reso noto il percorso è che la marcia eviterà il duomo. Il comitato organizzatore, come è emerso al TG3 del FVG, ha deciso di evitare il duomo e di mantenere le vie "storiche" dove vi è stata maggiore accoglienza e soprattutto in sostanza per evitare polemiche ecc ecc. Che dire? Che passare davanti al duomo non sarebbe stata una provocazione, anche perchè quante persone che parteciperanno al Gay pride sono credenti o cattoliche? Ma in Italia siamo ancora a questi livelli, quasi da medioevo, e se posso capire le preoccupazioni di chi fino all'altro giorno non poteva neanche uscire di casa perchè omosessuale, perchè in questo Paese vi è un tasso di omofobia inquietante, allora da laico quello che auspico è che le processioni o manifestazioni religiose evitino da questo preciso momento luoghi simbolici importanti, come le scuole od i Municipi, per non turbare le coscienze di chi non è credente.
M…