Passa ai contenuti principali

Le 55 ore di Parigi per riabilitare la sicurezza: da fallimentare ad eroica

Le 55 ore di Parigi hanno colpito nella memoria collettiva e non passeranno invano. Una mattina, non più qualunque, di questo 2015, subito dopo le festività, colpi di Kalashnikov realizzeranno quello che in Europa mancava,  l'11 settembre europeo. Matite paragonate alle Torri, Paesi ove la libertà di stampa, pur sussistendo, ma con forti limitazioni, vengono elevati a simbolo della libertà di stampa, l'Europa, tutta, pur continuando da anni, Italia in testa, ad adoperarsi per sanzionare, censurare, reprimere ogni voce di dissenso al sistema, si scopre d'incanto paladina della libertà di stampa e di pensiero.  Un luogo sconosciuto ai più, una rivista caduta nel dimenticatoio generale, salvo forse a Parigi, Charlie Hebdo, diventerà il simbolo dei simboli, ma solo per qualche ora, perché poi tutta l'attenzione cadrà sulla caccia all'uomo ed anche alla donna, a quanto pare. Ciò perché doveva darsi precedenza assoluta, priorità assoluta al ribaltamento della situazione. Il fallimento del sistema preventivo di sicurezza francese doveva diventare eroismo. E l'immagine simbolo, per diverse ore sarà il poliziotto ucciso a sangue freddo, poi si parlerà ancora di una poliziotta uccisa, dei vignettisti e collaboratori, sembra non interessare più a nessuno, c'è tempo per loro, il momento che conta, quello che deve contare, nel tempo della frenesia, della memoria breve, è la riabilitazione integrale del sistema di sicurezza francese.
90 mila uomini all'assalto.
Due uomini in fuga.
Ad ogni passaggio di serena vedrai gli occhi di alcuni giornalisti illuminarsi di euforia. Sembravano bambini senza controllo. L'ebrezza dell'azione. Poi, quando arriveranno gli elicotteri, delirio totale con un tocco di delusione, perché il gioco di guerra era già finito. La famosa guerra in casa, la desiderano, pur senza sapere un cazzo della guerra.
E' accaduto di tutto, ma veramente di tutto, un tutto che neanche nei film si è mai visto ma non è detto che non lo si vedrà, in futuro. Indirizzo sbagliato, scarpa persa, carta d'identità stranamente smarrita, determinante per rintracciare coloro che fino all'ultimo respiro verranno definiti dalla stampa internazionale come sospettati della strage di Charlie Hebdo e non con un secco autori,come farà invece, tanto per cambiare, quella italiana. Intanto la loro vita verrà data in pasto ai media, tutti diventeranno esperti di terrorismo, tutti generali di guerra pur non essendo in guerra, almeno per ora. Poi tra fughe, incidenti, fumo e sparatorie e addirittura ostaggi che ostaggi non saranno, tenteranno la fuga, pur avendo detto che non avrebbero ammazzato civili ed il pensiero non può che cadere su coloro che in questo frangente sono stati dimenticati, i morti di Charlie Hebdo, erano o non erano civili? Erano soldati, forse, senza saperlo?
E si faranno ammazzare.
Parallelamente a ciò arriva anche il colpo alla comunità ebraica. Un supermercato, ostaggi, azione che, a quanto pare, è diretta a vendicare il comportamento dei sionisti contro i palestinesi, qualche giornalista dirà che l'arma usata sarà ( beffa?)di origine israeliana, il mistero della presenza di una donna, prima presentata come ostaggio, con una foto arrivata chissà da dove, poi come complice alla fine come compagna di quel tipo che si farà ammazzare fuggendo con le mani in testa nelle braccia dei poliziotti, ma ad accoglierlo ci sarà una pallottola, anzi,  forse anche più di una. E poi la duplice rivendicazione, ci sarà Al Qaeda in Yemen e l'Isis, due realtà in competizione, ma che rivendicano lo stesso gesto. Nella follia totale e globale questa non poteva mica mancare. Patriottismo, vigilanza, unità ed eroismo, queste saranno le parole d'ordine di un Presidente Francese che è stato riabilitato in una situazione di emergenza straordinaria dopo un suo inesorabile declino. 55 ore per sanare la gran figura di merd, per usare un termine francese, appunto, del sistema di prevenzione francese ed europeo, 55 ore per ribaltare il fallimento in eroismo, tanto il tempo per ricordare le vittime di tutto ciò vi è e vi sarà, o no?
E la verità? 
Beh, per questa forse non è detto che il tempo ci sarà.


Commenti

Post popolari in questo blog

Nova Gorica interrompa i rapporti con Gorizia

Non è la prima volta e non sarà forse neanche l'ultima volta che Gorizia e l'Italia dovranno vivere un sabato nero. Ricevere certi nostalgici è un qualcosa di veramente incomprensibile che continua a trovare spazio e legittimazione in una zona di confine come questa che ha conosciuto più che altrove le barbarie compiute soprattutto contro gli sloveni. Non è un caso che anche Gorizia ha avuto il suo Narodni dom. Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, entrarono violentemente nelle sale del Trgovski Dom, gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri, documenti, mobili,oggetti, simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia. E' inaccettabile che nella Repubbli…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Crisi Eaton Monfalcone un fronte unico per mantenere lo stabilimento

Nel consiglio comunale straordinario di Monfalcone, convocato per la questione Eaton, sono emerse con estrema chiarezza alcuni punti fermi per i lavoratori, forse non molto fermi per una certa politica. E' emerso con evidenza la necessità di essere tutti uniti, che ognuno faccia il proprio dovere nei limiti delle proprie possibilità e funzioni, perchè a Monfalcone la "crisi" Eaton intendendosi per crisi la scelta unilaterale aziendale di chiudere baracca per andare altrove, è effettivamente un qualcosa che ancora non è stato forse compreso bene da tutti dove può portare.  Quando si dice che oltre 200 famiglie andranno in condizione di povertà, di precarietà totale, che si aggiungeranno già ad altre migliaia di famiglie senza lavoro, in una provincia maglia nera per l'occupazione, quale quella goriziana, significa dire che la situazione effettivamente ha delle potenzialità implosive ed esplosive sociali enormi. Quella fabbrica ha una storia di lotte importanti nel m…