Passa ai contenuti principali

I Docks di Marsiglia ed il Porto Vecchio di Trieste


La turbolenta Marsiglia di Izzo probabilmente esiste, oggi, solo nei libri, il tempo avanza, mutano le esigenze della società, cambiano le pianificazioni economiche, e ciò che un tempo era destinato ad essere punto di orgoglio della vita portuale di una città, oggi, con macchie di degrado ed invecchiamento dell'inesorabile tempo, ruggine non sempre di saggezza, si giunge ad una riqualificazione che non deve coincidere con, per ovvietà di cose, speculazione e neanche demonizzazione.
Riqualificare significa riportare in vita luoghi affascinanti, risvegliare da un lungo processo di ibernazione involontaria luoghi che frantumano la linea della logica continuità tra città e mare. Alcuni di questi siti dormienti e caratteristici di fine Ottocento sono stati certamente i Docks di Marsiglia. Da magazzini portuali a luoghi di condivisione di arte, cultura ed ovviamente commercio. Vi è stato un concorso internazionale, vinto da 5+1AAA, noti in Friuli Venezia Giulia per la realizzazione del centro visite e Antiquarium del Foro di Aquileia e per il progetto di ampliamento e ristrutturazione dell'ospedale di Cattinara. Sul loro sito è possibile vedere come cambieranno i Docks di Marsiglia e quando si legge che lo scopo è quello di “rivelare la bellezza del luogo per offrirla in condivisione” o che “la trasformazione dei Docks di Marsiglia permette di riallacciare i legami tra il sito e la città, tra gli utilizzatori e gli abitanti dei luoghi, tra passato e futuro”come non pensare al porto vecchio di Trieste? Area certamente più imponente rispetto a quella ora citata di Marsiglia, con binari del treno, con tanti magazzini possenti, altri probabilmente da radere semplicemente al suolo. 
(vedi mio  precedente reportage qui e qui )
porto Vecchio TS

E' più che evidente che non esiste alcuna volontà di voler incentrare nella citata area di Trieste alcun tipo di intervento portuale, anche perché nel corso del tempo sono state realizzate varie opere che renderebbero la stessa difficoltosa se non impossibile, è più che evidente che sussiste una normale continuità tra l'area di Barcola ed il centro città, bruscamente interrotta dal degrado di Porto Vecchio. Insomma quello di Trieste non è l'unico caso al mondo ove ex magazzini portuali vengono riqualificati permettendo una utilizzazione diversa ed aperta. Di modelli da seguire ve ne sono tanti e variegati, il Porto Vecchio di Trieste sarà l'elemento fondamentale che determinerà non solo la campagna elettorale per il 2016 ma anche la destinazione finale di Trieste, d'altronde le soluzioni non possono che essere tre, o perseverare in un masochista degrado, o destinarla ad attività portuale o riqualificare l'area rendendola parte integrante e continua della città. 
Ora, se è vero che nei primi anni di mia permanenza a Trieste e quando iniziai ad interessarmi della questione Porto Vecchio ero più propenso ad uno sblocco della situazione a favore dell'antica attività portuale con il contestuale punto franco, con il tempo, ho iniziato a maturare una diversa consapevolezza. 
Non solo visitando più volte l'area interessata, quando era possibile farlo senza divieti, non solo comprendendo che il ripristino dell'attività portuale comporterebbe un mero incremento di traffico di navi ed inquinamento incompatibile con ogni buon senso e ragionevolezza, vista anche la bellezza dei nostri luoghi, ma anche perché ho visto cosa significa vivere in una città portuale e Trieste, la Trieste di oggi,  è semplicemente cambiata, non è più quella imperiale, non è più il porto di Vienna, ma una città che può vivere di turismo, cultura arte e commercio, turismo, cultura arte e commercio consentono la creazione di posti di lavoro, di sviluppare diversamente quella Trieste che già da diversi decenni ha intrapreso quel percorso, accettato dalla quasi totalità dei triestini, che vuole un Porto Vecchio riqualificato ma non ad uso portuale e salvaguardando l'integrità e la dignità della città rendendo l'area non riservata ai soliti notabili e ricchi, ma usufruibile pienamente da tutta la comunità.Se il modello di Marsiglia può essere quello che dovrà adottare Trieste non son ben dirlo, ma posso ben dire che quello di lanciare un bando internazionale cercando anche di favorire gli architetti nostrani, visto e rilevato che la scuola dell'architettura del FVG nulla ha da invidiare a quella globale, è sicuramente il giusto percorso da intraprendere anche per dare visibilità alla meravigliosa Trieste che con il suo Porto Vecchio può rilanciare l'immagine dell'intera regione FVG. 

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Il Confine una fiction da no comment e quella mescolanza tra Udine e Trieste e Gorizia

Fiction significa finzione, nella cinematografia e in televisione, come evidenzia la Treccani, è il genere di film a soggetto, che si contrappone per es. a quello dei documentarî e, negli sceneggiati televisivi, quello che si basa su intrecci romanzati.

Eppure la fiction il Confine che avrebbe avuto una media di poco superiore a 3 milioni di spettatori ambientata soprattutto in FVG sembrava, per i colori, per la regia, per i dialoghi, le musiche e l'ambientazione complessiva una fiction pseudo documentaria alla Piero o Alberto Angela che altro.

Ma non era questo l'intento. Una storia profondamente banale, dal finale scontato e altrettanto banale, che non è riuscita a trasmettere la complessità della guerra, l'atrocità della stessa,  la sensazione che si è avuta è che l'approccio sia stato più da soap opera spagnola, ma che per una parte del pubblico pare essere stata apprezzata. Forse è meglio un no comment. D'altronde la qualità della nostra televisione non par…

Cent'anni d'Italia in FVG non fanno rima con bellezza

E sono cento. Ancora un niente rispetto all'esperienza asburgica e via scivolando in quel passato che ha connotato questa fetta d'Europa. Cent'anni d'Italia son bastati per stravolgere la fisionomia di questo territorio, stravolgere le identità culturali, linguistiche. Con l'avvento dell'Italia qui si ricorda più ciò che è stato distrutto, compromesso che ciò che è stato costruito, edificato, in segno propositivo. Andando a guardare le questione delle opere, la bellezza dei luoghi che vogliono Trieste come la piccola Vienna d'Italia, Gorizia come la Nizza d'Austria e Udine in armonia con l'eleganza di un tempo che non esiste più, in quella nostalgia diventata poesia ma anche pericolosa illusione è dovuta esclusivamente a quel passato che con l'avvento del Regno d'Italia è stato effettivamente annientato. Se pensi all'Italia a quali opere pensi? Al faro della Vittoria? Alla scalinata di cemento che ha conquistato il Carso di Redipuglia, …