Passa ai contenuti principali

E dunque Je suis Charlie e decolla l'ipocrisia italiana

Quello che è accaduto a Parigi è certamente un dramma, un dramma che alcuni vogliono far rientrare all'interno del semplice atto terroristico, altri, la maggioranza, quelli che vogliono lo scontro armato, violento, tra due civiltà che appena appena si sfiorano, come atto di guerra, pur magari piangendo lacrime di coccodrillo per il centenario della grande guerra.  Guerra o terrorismo, chi lo battezza come un nuovo Ground Zero, chi teme una nuova Sarajevo del '14, chi lo strumentalizza per fini interni e nazionalistici, nel mentre di tutto ciò, nella mattina del 7 gennaio 2015, sono stati uccisi:

"Charb” Charbonnier ; Georges Wolinski Jean “Cabu” Cabut ; Bernard “Tignous” Verlhac ;Philippe Honoré ; Bernard Maris ; Elsa Cayat; Michel Renaud Mustapha Ourrad ; Fréderic Boisseau ; Franck Brinsolaro ; Ahmed Merabet.
Gli analisti si scatenano, le incongruenze e le stranezze emergono con forza, tra identikit diffusi, tra persone date in pasto ai media, tra carte d'identità ritrovate, si dice persa da uno degli attentatori mascherati, che va in giro con la carta d'identità quando deve ammazzare dodici persone, tra redazione senza protezione, pur essendo già stata attenzionata diverse volte, tra l'omicidio, camminando con lentezza e lucida freddezza, del poliziotto ferito, tra retate in stile hollywoodiano, tra panico diffuso, tra reazione reazionaria contro gli arabi e mussulmani, ed in tutto ciò si decanta l'aver voluto colpire al cuore Parigi, la Francia, simbolo della libertà di stampa e si invoca a tutto campo la difesa della libertà di stampa, facendo passare come eroi i giornalisti, proprio i giornalisti che fino al giorno prima molti avrebbero magari mandato in esilio. Che Parigi e la Francia non siano più il simbolo reale della libertà di stampa è un dato di fatto noto ai più, salvo qualche rivista, vige poca libertà in tal senso, non a caso nella classifica mondiale non si trova, la Francia, al 1° posto ma al 39° posto e l'Italia, ovviamente, è il peggio del peggio in Europa, trovandosi al 49° posto, preceduta da Haiti o Niger. Cosa che è stata rimossa alla velocità della lucida follia.  Basta ricordare solo i seguenti decreti e progetti di legge:
Decreto “Romani”* Disegno di legge S.2699 “Costa Barbolini”
* Disegno di legge S.1950 “Lauro”
* Progetto di legge C.2962 “Cassinelli-WiFi”
* Progetto di legge C.2525 “Cassinelli-diritto d’autore”
* Progetto di legge C.881 “Pecorella Costa”
* Progetto di legge C.2455 “diritto all’oblio”
* Disegno di legge “Intercettazioni”
* Disegno di legge S.1710 “Vita Vimercati”
* Progetto di legge C.2195 “Carlucci”
* Decreto “sicurezza” S.773 C.2180 (em. “D’Alia”)
* Progetto di legge C.2188 “Barbareschi”
* Progetto di legge C.1921 “Cassinelli-prodotto editoriale”
* Legge 2/08 “fair use”
* Pdl C.1269 “Levi”
* Decreto “Gentiloni”
* Decreto “Pisanu”
* Decreto “Urbani”

Tutte misure che dovevano prevedere forti interventi restrittivi in tema di libertà di stampa, di pensiero colpendo il principale strumento di condivisione, internet. Basta ricordare anche che l'Italia ha aderito al progetto cleanIT,( questo il link dell'intervento ) costato circa 400 mila euro, nel 2011 è stato avviato dall’Olanda, è rivolto a definire un piano di collaborazione pubblico- privato in cui tutti i Paesi siano coinvolti a individuare le migliori pratiche da attuare per contrastare l’uso di internet a fini terroristici. Fino ad oggi avevano aderito dieci stati membri dell’Ue (oltre al paese promotore, Germania, Gran Bretagna, Belgio, Spagna, Ungheria, Romania, Austria, Danimarca e Grecia).Il 29 gennaio è stato il turno dell'Italia.  Oppure basta ricordare l'uso e l'abuso politico dei reati di diffamazione e ingiuria, vedasi intervento del “collega” blogger Luca Casarotti pubblicato su GIAP. Insomma vedere oggi in Italia quella accozzaglia di gente reazionaria che invoca la difesa della libertà di stampa, di pensiero, quando è stata la prima ad adoperarsi per sancire la morte della libertà di stampa e di pensiero nel nostro Paese è veramente la peggior offesa che si possa realizzare nei confronti di chi, nel bene o nel male, per mille motivi, siano essi economici che di stile, che di credo laico che non, ha perso la vita e ripeto la vita, perché ammazzato come una bestia, per il proprio lavoro consistente nel provocare sentimenti diffusi e contrastanti. Insomma #CharlieHebdo è sicuramente un dramma violentissimo che avrà delle conseguenze altrettanto violente e con cui si dovranno fari conti amari per lungo tempo. Però molti di quelli che condivideranno Je suis Charlie , io sono Charlie, sono degli ipocriti e l'ipocrisia non verrà cestinata a colpi di click.

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …