Passa ai contenuti principali

The Virtual real life

Società dell'otre 3.0, minimalismo essenziale, realismo virtuale nella virtualità reale. Sarà la sopravvivenza nella pillolizzazione  esistenziale. Una sola veste, vestirà la nudità del corpo umano. Impulsi, onde invisibili, vibrazioni silenti, automatizzazione dell'individuo, diventato surrogato di se stesso. Non conoscerai più la luce del sole, il chiarore della luna, nulla. Non avrai bisogno né della luce, né del buio. Buio e luce saranno una sola cosa nella solitudine reale smarritasi nella socialità della comunità internauta. Non avrai più bisogno di conoscere. Ogni domanda avrà una risposta e la risposta è nello spazio in cui sei immerso. Non avrai più bisogno di ragionare. Sarai solo una macchina che seguirà l'istinto domato nella domesticità della quotidianità. Sarai un numero infinitesimale nella complessa e diabolica combinazione di numeri che governeranno il sistema. Il tuo spazio vitale sarà di pochi metri quadrati. Una sola stanza dalla quale dipenderai. La tua stanza sarà la tua casa, la tua casa sarà il tuo mondo ed il mondo la tua casa. Le mani scivoleranno nel vuoto, ogni gesto sarà una interazione con l'altro, l'altro tuo simile, che non potrai toccare, non potrai guardare, non potrai respirare, eppure i tuoi sensi, aumentati nello spazio, ti condurranno nella convinzione di averlo toccato, guardato, respirato. Ma sarà solo finzione e convenzione, quella che tu non hai firmato, ma che sarai costretto ad ottemperare, pur non sapendo di ottemperare una convenzione.
Ma questo non importerà più.
Ogni movimento di testa sarà una svolta verso un nuovo angolo nel mondo che vivrai. La vita virtuale reale sarà la tua vita. Una vita che non conoscerà più la differenza tra l'inizio e la fine, senza soluzione di continuità per quella eternità che hai sempre cercato. L'emozione sarà solo una vibrazione silente che sfiorerà un nervo corporeo. Ora è tua, pur non essendo tua, ora sei tu pur non essendo più. Ci son voluti pochi lustri per arrivare al punto di non ritorno. All'inizio presentarono il tutto come modernità e novità, poi come comodità, poi come essenzialità, poi come obbligatorietà, poi come quell'oltre che avrebbe oltrepassato ogni senso di mortalità. Finalmente, dopo aver per secoli battuto il tasto di dio, ora tu sarai dio, il dio del tuo mondo. Un mondo solo e solo per te, fino all'estinzione della razza non razza più masochista dell'intero universo, quella umana.
Benvenuto. 
Questa è The Virtual Real Life, anestetizzata in un banale VRL.
Dove sarai una maschera inconsapevole di te stesso.
Comunque non si esclude una sussistente possibilità. Che il tutto possa essere, volgarmente scrivendo, una figata immensa. Come sempre, questione di prospettiva a colpi di click. 


Commenti

Post popolari in questo blog

FuoriRoma ed il caso Monfalcone sul servizio pubblico nazionale,un ceffone alla sinistra

Finalmente il caso Monfalcone è approdato sul servizio pubblico nazionale. Su Rai Tre, nel programma di Concita De Gregorio Fuori Roma . Da quando ha vinto le elezioni il Sindaco della Lega Nord, passata alla storia come il "Sindaco con le palle", diversi programmi si sono occupati del perchè della Caporetto della "sinistra" a Monfalcone, ma mancava il servizio pubblico. 47 minuti di programma, che hanno ben illustrato le motivazioni, hanno ben spiegato la situazione sociale sussistente a Monfalcone, città dei cantieri, nel senso, come è già stato detto più volte, che appartiene ai cantieri navali, alla Fincantieri. Perchè, nel bene o nel male ne ha subito le politiche a partire da quelle immigratorie e della delocalizzazione al contrario sul lavoro attingendo manodopera da certi e noti Paesi perchè le leggi del mercato lo consentono, la normativa europea ed italiana lo consentono ed i riflessi sono stati ingestibili, dove nessuno ne è uscito vincitore ma tutti sco…

Da quando Trump ha iniziato a giocare alla guerra è diventato un "bravo ragazzo" con i media prostituiti alla guerra

Nazista, dittatore, fascista, pazzo, non è l'America. Votato da milioni di Americani, anche se non dalla maggioranza. Doveva impostare una politica in stile isolazionista. Doveva mettere in discussione la Nato, obsoleta. Doveva tante cose. Ma da quando ha iniziato a prendere i primi schiaffi, uno su tutti, il blocco della controriforma sanitaria, qualcosa è mutato. Arrivano finanziamenti pesanti per l'esercito. Ed iniziano a cambiare i rapporti internazionali. La Russia è ora se non un nemico poco ci manca, la Cina, che prima era il nemico numero uno, ora è diventata alleata pro tempore. Ma la cosa che più impressiona è da un lato il silenzio di tutti i grandi democratici da quando ha iniziato a mostrare i muscoli militari, ad attuare azioni che ben avrebbe adottato la Clinton, ed infatti non è un caso il silenzio che ad oggi arriva proprio da quel gruppo politico, almeno qui in Europa. Dalla buffonata della madre di tutte le bombe, che ha ucciso comunque, alla questione cont…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …