Passa ai contenuti principali

La notte dopo i ladri

Silenziosi come il più piccolo dei pesci d'acqua, rapidi come felini,inquietanti come il primo incubo in una notte licantropa. La mattina ti svegli e nella tua solita ordinaria routine noterai qualcosa di fottutamente strano. All'inizio cercherai di negare la realtà, poi però dopo pochi attimi la lucidità ti spingerà a riconoscere l'unica verità e realtà possibile i ladri sono venuti a farti visita. E mentre dormivi. Nel tuo spazio, beh oppure in quello che ti ospitava. Quello dei ladri è il mestiere, forse, insieme alla prostituzione più vecchio del mondo, è sempre esistito e sempre esisterà, almeno fino a quando ci sarà qualcosa da rubare. Non sarà tanto l'aver subito un furto od un tentato furto ciò che ti potrà spingere a vivere grande turbamento, ma il fatto che quando ti sei abbandonato al sonno in quello spazio, il tuo spazio, che reputavi inviolabile, nella notte senza magari pensieri, ebbene è stato violato. Ognuno reagirà a suo modo, chi invocherà pene fuorvianti, chi si auto-organizzerà in inutili e sterili ronde forse perché abituato sin da piccolo a giocare a guardia e ladri, ma la realtà è una cosa diversa, specialmente da adulti, rilevato anche che esistono le forze dell'ordine, cosa che a qualcuno sfugge e pagate anche per questo, ma a parte l'idiozia di qualche persona che di punto in bianco si trasforma in super eroe Hollywoodiano od investigatore, magari ispirandosi all'Ispettore Gadget, quello che più reca senso di inquietudine a parer mio, almeno questo è ciò che io ho provato come sensazione, è l'impotenza durante il sonno.
Durante il sonno sei in balia della casualità, sei in balia della notte, sei in balia della tua piccola oasi, letto e cuscino e coperte, eppure il mondo ti ricorda che anche quando dormi,a volte, devi rimanere sveglio perché questo non è tempo di dormire. In diversi comuni della Bisiacaria da alcuni giorni esiste una sorta di guerra dichiarata, dai mille dilemmi ed ovvie paranoie con l'effetto panico raggiunto, ladri contro forze dell'ordine, chi paga il prezzo sono però i cittadini che nel corso del loro sonno hanno vissuto esperienze per nulla consigliabili. Passata la giornata, dopo aver sfogato i tuoi pensieri, i tuoi poteva andare peggio, giungerà la notte, la notte dopo i ladri,  una nuova notte ove ti chiederai, e adesso? Stai Sereno?
Adesso e stai sereno, a dirla tutta, portano alla mente altri manipoli e burattini e questioni per nulla rassicuranti...


Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto