Passa ai contenuti principali

Ronchi: revocato il patrocinio a convegno su d'annunzio perché i promotori si collocano al di fuori dell'arco costituzionale

Dopo la denuncia di Ronchi dei Partigiani, dell'Anpi, del PRC e dell'osservatorio regionale Antifascista del FVG (si rinvia a questo intervento per approfondimento:Il comune di Ronchi patrocina iniziativa su d'annunzio, ma da chi è organizzata?Da Casapound e company? ) il Comune “rilevato che in sede di istruttoria e di analisi dello statuto della Associazione non era stato rilevato alcun legame ad altre associazioni; venuto a conoscenza che i promotori dell’Associazione e della conferenza risultano legati ad organizzazioni di matrice politica che si collocano al di fuori dell’arco costituzionale;ritenuto inopportuno concedere il patrocinio e l’utilizzo di sale pubbliche; delibera di revocare per le motivazioni di cui in premessa, la deliberazione della Giunta Municipale n.174 dd.29.10.2014 con la quale si concedeva il Patrocinio e l’utilizzo dell’Auditorium Comunale all’Associazione Sportiva Dilettantistica “Ghibli”con sede a Pordenone in occasione della conferenza storica su Ronchi e l’impresa fiumana prevista in data 26 novembre 2014”.Quale il legame con organizzazioni di matrice politica che si collocano al di fuori dell'arco costituzionale? Si tratterà anche di CasaPound? 
Viste le segnalazioni come emerse in precedenza in merito all'iniziativa commentata, criticata e denunciata, la risposta è ovvia. Una motivazione chiara, netta e precisa, che sana una situazione incompatibile con la storia partigiana ed antifascista di Ronchi che si era venuta a determinare per la superficialità con la quale era stata valutata originariamente l'iniziativa considerata. Comunque sia l'importante è aver chiarito ed a Ronchi, come ha già comunicato il gruppo Ronchi dei Partigiani, iniziative di simile natura non devono trovare spazio in nessun luogo e nessuna forma e dunque certamente la vigilanza continuerà perché non si può escludere che tale convegno possa, in qualche spazio a pagamento e privato, trovare luogo. Una motivazione, quale quella adottata dalla Giunta del Comune di Ronchi, che deve essere da esempio per le altre realtà anche Istituzionali che legittimano spesso forze reazionarie, neofasciste,concedendo loro spazi e piazze. Non è vero che la democrazia può consentire l'agibilità politica, culturale e sociale a forze reazionarie e neofasciste, perché queste sono semplicemente incompatibili con la nostra Costituzione, ciò può piacere o meno, ma le cose sono così e devono rimanere così e dove così non è, che l'atto formale come deliberato dal Comune di Ronchi, ad oggi più unico che raro, possa essere non inseguito ma seguito ed applicato senza condizione alcuna.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto