Passa ai contenuti principali

Dalla rosa tricolore al partito della nazione quando il nome di Renzi Premier era stato indicato nel giugno 2012


Recentemente Eugenio Scalfari ha scritto per Repubblica un editoriale molto particolare. Ricorda che “m'è venuto tra le mani il libro di poesie del Parini e sfogliandolo con antico amore ho colto due versi assai belli e speranzosi: "Torna a fiorir la rosa / che pur dianzi languìa". Recessione, depressione, deflazione: hai visto mai che questo scenario possa improvvisamente cambiare?”.Evidenziando poi che “ Affari e politica vanno d'accordo per un padrino del Partito della Nazione. E poi Berlusconi ha già detto più volte che Renzi lui sentimentalmente l'ha adottato. Naturalmente esser guidati da un solo partito non è una conquista per la democrazia, anzi è una bastonata in testa. Attenzione però: ci sono vari modi di intendere la democrazia. Bipartitica? È un'ipotesi. Monopartitica: perché no, se il partito unico è democratico A me Renzi non piace, vorrei che si auto- rottamasse come Harrison Ford nel film che ho raccontato. Ma per il bene del Paese debbo sperare che il suo programma abbia successo e torni a fiorir la rosa che pur dianzi languìa". Che la rosa sia anche un simbolo esoterico ed anche massonico non è un mistero. Alla rosa esoterica e massonica ho in questa estate voluto dedicare una poesia Trentatré petali di rosaE nel nome della rosa, tricolore, il 21 giugno del 2012 era stato pubblicato dall'Espresso un documento, attaccato e demonizzato da più parti e poi non stranamente sparito. Un documento nel quale si evincono alcuni passaggi significativi che è il caso di riproporre. Si leggerà che “la sola cosa folle o geniale che siamo certi ci potrebbe fare vincere è il coinvolgimento del solo giovane uomo che ci fa vincere Matteo Renzi. Renzi si presenta con una sua lista civica, la lista Renzi,e tutta la coalizione di centro destra, lo sostiene e si allea con lui quindi nessun spostamento di Renzi a destra ma della coalizione verso il centro dei moderati. Accetterebbe? No se glielo chiedesse pubblicamente Berlusconi, i due uomini si stimano perché si conoscono, ma sarebbe un errore fare una richiesta pubblica da leader. Bisogna che Renzi si candidi da solo con la sua lista Renzi e che apra a tutti coloro che condivideranno il suo programma ( ovviamente preventivamente concordato)a quel punto la coalizione di centro destra si confronterà con Renzi e deciderà di sostenerlo per unità di vedute e di programmi”. 


Certamente non vi è stata la lista Renzi nazionale, ma il Pd oggi cosa è diventato se non espressione di una sorta di lista Renzi?  E' interessante anche vedere cosa prevedeva il programma politico: “via le tasse dalla prima casa,via ogni controllo telefonico e sulle comunicazioni se non in casi estremi,via limite troppo stretto uso contanti,abolizione equitalia, condono e nuovo sistema di riscossione,via carcerazione preventiva e riforma giustizia,riforma del fisco,via la burocrazia delle imprese,banca pubblica che calmiera lo strapotere delle banche,immediata riduzione del debito con avvio dismissioni spesa pubblica produttiva con rinegoziazione patto di stabilità, saldo dei debiti dello Stato verso le imprese,Statuto speciale per ogni Regione,riforma dell'Architettura dello Stato in senso presidenzialista o semi-presidenzialista, abolizione dei finanziamenti pubblici dei partiti”.

Per poi ricordare anche che “la rivoluzione starà nel fatto che il programma sarà composto da tanti disegni di legge già scritti e dettagliati che si impegna di approvare senza emendamento alcuno entro 100 giorni se leggi ordinarie ed entro 12 mesi se costituzionali”.

Come si legge nella premessa di questo dimenticato documento "la rosa tricolore nasce come network politico elettorale ramificato sul territorio nazionale che partecipa alla costruzione delle condizioni necessarie affinché Silvio Berlusconi e la grande area dei moderati italiani possano vincere le prossime elezioni politiche del 2013 o 2012 se anticipate". Il Patto del Nazareno è espressione di questo documento? che per alcuni aspetti ricorda anche il vecchio patto di palazzo Giustiniani? Il Partito della Nazione sarà espressione di questa proposta? Il cui stile, pur contestualizzato, pur con i limiti del caso, pare molto ricordare altri piani, altri intenti, che di democratico non hanno nulla e di rinascita della rosa della conciliazione,per l'affermazione del potere unico, del pensiero unico, hanno invece molto. Il punto è chi troncherà il gambo di questa rosa disperdendo i suoi petali con il vento del falso cambiamento? 



Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …