Passa ai contenuti principali

Una C(r)isi senza erre,ma dove la erre è sempre possibile, pensando a Scaramouche #armatadeisonnambuli

Crisi, dal greco antico, significa scelta.
Quale scelta oggi? Questo è il tempo del prendere o lasciare. O meglio, questo è quello che il sistema vorrebbe farti credere, pensare, ed urlare, anzi no, urlare no, perché si turba la quiete di chi medita nel gabinetto del potere. Depressioni, individualismi esasperati, salvezza auto-individuale,eppure la scelta è sempre possibile. Certo, a volte si deve proprio arrivare all'estremo, estremo che ancora non è stato raggiunto. Il sistema, astratto nella sua concezione, concreto nella sua malvagia azione, pur riciclando errori, che errori poi non sono, ma solo espressioni reazionarie del capitalismo, è ridondante nelle sue litanie. Ora è il momento delle promesse, della facciata sorridente, della speranza, nel mentre di tutto ciò, tra promesse, come se il popolo non popolo fosse ancora immerso o sommerso nel mondo delle illusioni, non avesse un minimo di lume funzionante per comprendere la realtà delle cose, la controrivoluzione anti 68 avanza. Realtà che ti vuole schiavo, succube, rassegnato, passivo ed alla fine mutato in una sorta di Re Magio per portare un dono al redentore di turno che dovrai ringraziare per non averti fatto crepare, pur dovendo affrontare mille peripezie penitenziali per sopravvivere. Diritti storti, stortissimi, autoritarismo affermato, revisionismo scatenato. Ma, come detto, la crisi, che crisi poi a livello sistemico proprio non è, ma un qualcosa di più profondo e complesso che comprenderemo meglio tra qualche tempo, quando il gioco sarà giunto a termine,perché pare che di lurido gioco trattasi e pare che altro che pedine inconsapevoli dovremmo essere nel nostro non essere, in realtà, una, cento e mille scelte le porrebbe, questione di prospettiva. La crisi come presentata, impacchettata, sembra essere un prodotto preconfezionato. Bolle finanziarie, nel gioco della finanza speculativa,si spazzano via ceti medi, i ricchi sempre più ricchi, gli altri non pervenuti, a cui seguono misure di austerità economica, restrizione di diritti, democrazia autoritaria,e nel mentre di tutto ciò,le lobby intoccabili, incrementano i propri profitti, giocando ad una sorta di Monopoli globale, tra guerre utili al mercato delle armi, comprando e speculando, dopo la maturazione delle condizioni ideali per realizzare ultra-profitti,nella scacchiera come rappresentata dalle varie entità statali. Ed allora non si tratta, in questo caso, di crisi, ma C(r)isi senza erre, ovvero non scelta controrivoluzionaria che uccide ogni idea ed ideologia rivoluzionaria, destabilizzante per il sistema,e stabilizzante per la voglia di lottare e conquistare diritti ed per una equa distribuzione, più che di ridistribuzione, delle risorse di questo fottutissimo pianeta terra. Scaramouche, uomo libero e selvaggio, simbolo della libertà estrema, occhi del popolo, mani del popolo, naso del popolo, animo e spirito di Marat, quando, nell'armata dei sonnambuli, attaccava, spaventava ed uccideva i controrivoluzionari, pronunciava e marcava alla grande la erre, perché i controrivoluzionari non pronunciavano volutamente la erre, perché la erre ricordava la Rivoluzione o la Repubblica, dunque Repubblica diventava epubblica Rivoluzione e evoluzione. Ma Scaramouche calcando con le urla della ribellione, pur violenta, pur comprensibile ed inevitabile, la erre, per la erre rivoluzionaria, offriva una via di scelta. Ed allora che la Cisi sia CRisi, scelta, perché una scelta è sempre possibile,certo non è che debba essere proprio quella di Scaramouche,esistono mille soluzioni possibili, fattibili e conseguibili.

Marco Barone


fonte foto: Scaramouche nell’interpretazione di Alessandro Caligaris. Clicca per visitare il sito dell’artista. Ci sono anche omaggi ad altri romanzi del collettivo WU Ming







Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Togliatti: "tutte le campagne circa le persecuzioni degli italiani in Jugoslavia sono calunnie e menzogne"

Togliatti nella prima pagina dell'Unità del 7 novembre 1946, racconta il suo viaggio a Belgrado e l'incontro con il Maresciallo Tito. "Il Maresciallo Tito mi ha dichiarato di essere disposto a consentire che Trieste appartenga all'Italia, cioè sia sotto la Sovranità della Repubblica italiana qualora l'Italia consenta di lasciare Gorizia alla Jugoslavia, città che anche secondo i dati del nostro ministero degli esteri è in prevalenza slava. La sola condizione che il Maresciallo Tito pone è che Trieste riceva in seno alla Repubblica italiana uno statuto autonomo effettivamente democratico che permetta ai triestini di governare la loro città ed il loro territorio secondo principi democratici". Alla domanda, cosa pensava di questa proposta, Togliatti, rispose: io penso che è ora di smetterla di servirsi della questione triestina per seminare discordia tra due popoli i quali sono entrambi popoli di lavoratori che debbono collaborare nel modo più stretto allo scop…

Il concerto di Trieste per la sofferenza degli innocenti ed il discorso assurdo di Arguello al Family Day

Domenica 25 giugno, alle ore 20.30, piazza Unità d’Italia, ospiterà il concerto “La sofferenza degli innocenti”, organizzato da Diocesi, Comunità Ebraica e il Comune di Trieste. Si legge che "composta da Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, l'opera sinfonico-catechetica presenta la sofferenza di una madre ebrea, Maria di Nazareth, che vede uccidere suo figlio, una sofferenza inaudita che le attraversa l'anima, una spada, un dolore assimilato a quello di ogni madre davanti alla morte dei propri figli, vittime innocenti in tanti campi di concentramento come Auschwitz, Majdanek, Mauthausen, Treblinka, Trieste." Tutti coloro che parteciperanno a quel concerto dovrebbero avere ben ferme nella mente le parole assurde pronunciate da Argüello nel suo discorso, al Family day del 2015 a Roma,  tra le altre cose applaudito, con uno striscione enorme alle spalle con scritto "stop gender nelle scuole". Una riflessione che nasce sul femminicidio e da un…