Passa ai contenuti principali

Se la promessa di assunzione dei precari diventa merce di scambio con i diritti di tutti i docenti




Non è più un mistero, in cambio della stabilizzazione, od assunzione dei precari, o meglio di una parte dei precari della scuola, con una tempistica comunque molto lunga, e dalla copertura economica ancora non certa, si chiede una revisione globale del sistema scolastico. Se non siamo vicini al ricatto, poco ci manca. Quello che a breve diventerà un mero obbligo potenziale per il Governo e lo Stato italiano, stante la procedura d'infrazione avviata dagli organismi comunitari e dalla sentenza della Corte di Giustizia Europea che riguarderà centinaia di ricorrenti, ma dal probabile effetto domino, comunque non immediato, in caso di esito positivo, ovvero porre fine all'abuso dei contratti a termine, sta diventando altro.
Per stessa ammissione del governo nel programma la buona scuola, queste tipologie contrattuali, per come utilizzate, sono contrarie alla normativa comunitaria, eppure nelle difese come prodotte nei Tribunali si afferma il contrario, ebbene, il tutto diventa ora merce di scambio. Si promette l'assunzione dei precari? Ed allora chiediamo alla scuola un cambiamento. Premi di produttività solo per pochi ed abrogazione del sistema scatti di anzianità, competizione, concorrenza, entrata dei capitali privati, potenziamento della scuola lavoro, affermazione piena dell'Invalsi, dirigenti manager, e scuola azienda e violazione di ogni principio contrattuale. Ma da quando l'adempimento di un mero obbligo giuridico, derivante da continue violazioni di principi comunitari, per essere ottemperato, deve comportare la trasformazione dell'intera scuola pubblica? Da quando il rispetto della legge da un lato deve comportare, dall'altro, la violazione di diritti basilari e quesiti? E' una mossa politica che, tra le altre cose, rischia seriamente di mettere contro, per l'ennesima volta il personale scolastico, quello precario contro quello di ruolo.


Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…