Passa ai contenuti principali

Perchè ancora l'articolo 18? Per chiudere il capitolo 68 e colpire anche il pubblico impiego

Lo hanno definito totem, per alcuni dizionari totem significa oggetto inanimato nel quale un certo clan riconosce il proprio antenato mitico, e nell'accezione moderna, si utilizza tale concetto, per definire un cartellone pubblicitario a pilastro. L'articolo 18 viene, dunque, presentato come uno slogan della vecchia ideologia, come un qualcosa di arcaico, primitivo, di anacronistico, od anche come una slogan pubblicitario semplicemente da cestinare. Chi vive la conflittualità nei luoghi di lavoro, ben è consapevole di cosa significhi oggi, in questo secolo, ma anche negli ultimi decenni del pregresso, la tutela di cui all'articolo 18. Tutela applicata ad una platea minima di lavoratori,stante il fatto che il 70% del sistema produttivo italiano è caratterizzato da piccole aziende, sotto i quindici dipendenti e ciò certamente non per colpa dell'articolo 18, ma perché la storia di questo Paese è sempre stata caratterizzata dalla piccola imprenditoria spesso a gestione familiare.
 L'articolo 18 è stato profondamente, recentemente, innovato, una innovazione che pur avendo reso più veloci i processi giudiziari, in realtà, altro effetto non ha avuto, tale tipo di innovazione, che facilitare l'espulsione dei lavoratori dall'azienda monetizzando al ribasso, con la formula dell'incentivo all'esodo, i propri diritti. Una volta che il datore di lavoro ti prende di mira e ti licenzia, una volta che si crea l'ambiente di lavoro ostile, una volta che la solidarietà tra i lavoratori è stata demolita, demolizione favorita specialmente dalla così detta crisi, dalla paura di perdere il lavoro e di non trovare più alcun tipo di lavoro, perché in qualche modo si deve pur sopravvivere, anche in caso di una possibile vittoria e reintegra, si opta per l'indennità sostitutiva. Insomma una quindicina di mensilità, poco più di una annualità di lavoro e viene espulso, il dipendente, dall'ambiente di lavoro. Licenziare i lavoratori oggi è facile. Specialmente quelli così detti scomodi, quelli che ancora oggi osano alzare la voce per rivendicare un minimo di diritti. D'altronde non è un mistero che l'accesso alla giustizia è altamente costoso rispetto al passato ed anche che la giurisprudenza è altamente restrittiva nei confronti dei lavoratori. E' facile, altamente facile, licenziare oggi ed espellere per sempre il proprio dipendente dall'azienda, ma probabilmente, le indennità risarcitorie, con le quali si monetizza ogni cosa, vengono reputate onerose da parte del sistema padronale e dunque si vuole limitare ancora di più la consistenza dell'indennizzo. Sicuramente vi è un fattore economico che muove il sistema capitalistico nella direzione che oggi conosciamo e che ricorre all'arma del ricatto e dello scontro generazionale per abrogare le tutele di cui all'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori. Similmente per come accade con la proposta politica della “buona scuola” che io definisco la cattiva scuola, ti trovi uno Stato che per adempiere ad obblighi ovvi, stabilizzare precari per abuso di condizione contrattuale, impone una riforma disastrosa dell'intero sistema scolastico andando a colpire diritti fondamentali di tutti i lavoratori già assunti a tempo indeterminato, penso agli scatti di anzianità, alla competizione e così via discorrendo. Follia reale. Non è un mistero che la legge 20 maggio 1970, n. 300 sia il simbolo delle conquiste, seppur non perfetta, delle lotte del 1968. Che il 68, a livello sistemico, sia un periodo da archiviare, da relegare solo nelle pagine dei libri, è un dato di fatto indiscutibile perché è quello che sta accadendo. Ogni ideologia avversa al capitalismo deve essere chiusa, censurata, repressa, per l'affermazione dell'ideologia unica. Hanno seminato il campo per raggiungere questo scopo ed ora è arrivato il momento della raccolta dei frutti di tale speculazione, con il ricatto della perdita del lavoro, con il ricatto dello scontro generazionale. Ma lo scopo di demolire l'articolo 18, oltre ad essere una questione economica, comunque non determinante per le aziende a cui si applica, perché a fronte di fatturati di milioni di euro, si parla di un minimo di cinque mensilità ad un massimo di 24 mensilità di tutela risarcitoria,spiccioli dunque per il grande capitale, è certamente una questione di principio ma anche una questione che si collega al sistema del pubblico impiegoPerché con il principio della contrattualizzazione del pubblico impiego e privatizzazione dello stesso, per quanto concerne la gestione del rapporto di lavoro, l'articolo 18 può trovare applicazione anche per questa platea di lavoratori.  I così detti, a livello politico, intoccabili o privilegiati,che presto dovranno fare i conti con questa nuova situazione, una nuova situazione che vuole il licenziamento anche nel pubblico e per conseguire il licenziamento nel pubblico lo Stato deve poter avere strumenti certi che non possano incidere nei propri bilanci,ovvero abrogare ogni forma risarcitoria e di monetizzazione, o ridurla al minimo solo per una casistica irrisoria,seppure importante,per mandare nel bel mezzo della strada migliaia di lavoratori e lavoratrici. Insomma la questione articolo 18 non riguarda solamente una platea limitata di lavoratori del privato, ma anche una platea enorme di lavoratori operanti nel settore pubblico, a partire dalla scuola.






Commenti

Post popolari in questo blog

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…

Altro che la storiella degli "immigrati"che portano via il lavoro, chiude Eaton a Monfalcone

L'Isontino e la Bisiacaria sono un territorio politicamente debole, economicamente depresso. Vi è un tasso di disoccupazione impressionante, il numero di chi non cerca più lavoro è in costante crescita rispetto ad una popolazione che continua a diminuire. Perdere un posto di lavoro nell'Isontino è un gran guaio, perderne un centinaio, ancora, è un disastro sociale enorme, immane, perchè il lavoro qui non c'è, nonostante qualcuno racconti storielle diverse e presenti tanti segni più che in Italia ed in FVG non rappresentano la realtà delle cose. La realtà ci dice che il lavoro è una emergenza e che quando un territorio è politicamente inconsistente i grandi colossi avranno autostrade spianate per procedere con le delocalizzazioni e chiusure dei propri siti. Si legge che Eaton avrebbe complessivamente nel mondo un fatturato, nel 2013, di ben 22 miliardi di dollari, e sul loro sito evidenziano che è stata nominata come una delle aziende più etiche del mondo dalla rivistaE…