Passa ai contenuti principali

#buonascuola #cattivascuola Il 34% dei docenti verrà escluso dal premio di produttività

Più di 200 mila docenti, il 34% dei non meritevoli, non avrà diritto, in base alla proposta politica Buona Scuola, a quello che erroneamente viene definito scatto di competenza, ma che altro non è che un semplice premio di produttività. Iniziamo a chiamare,a definire le cose con i loro giusti nomi, perché la forma può indurre ad errore di interpretazione, ad accettare l'inaccettabile, una forma che per quanto ingegnosa nella sua costruzione non potrà mai modificare la sostanza di cui trattasi. La sostanza di cui trattasi è l'ex scatto di anzianità, l'ex progressione di carriera. Dal 2018 in poi dovrebbe, in base alla proposta Buona scuola, "scattare" una controrivoluzione che minerà fortemente diritti storici, figli di lotte e conquiste nel settore della scuola. Che gli scatti di anzianità erano a rischio estinzione lo si era compreso da tempo, specialmente da quando si è iniziato ad attingere dal FIS per retribuire quanto contrattualmente dovuto al personale della scuola. Nel testo della proposta politica si legge: “Ad ogni docente sarà riconosciuto, come già avviene oggi, uno stipendio base. Questo stipendio base potrà essere integrato nel corso degli anni in due modi, complementari e cumulabili: il primo modo sarà strutturale e stabile, grazie a scatti di retribuzione periodici (ogni 3 anni) – chiamati “scatti di competenza” – legati all’impegno e alla qualità del proprio lavoro; il secondo modo sarà accessorio e variabile, grazie a una retribuzione (ogni anno) per lo svolgimento di ore e attività aggiuntive ovvero progetti legati alle funzioni obiettivo o per competenze specifiche (BES, Valutazione, POF, Orientamento, Innovazione Tecnologica).Periodicamente, ogni 3 anni, due terzi (66%) di tutti i docenti di ogni scuola (o rete di scuole) avranno diritto ad uno scatto di retribuzione. Si tratterà del 66% di quei docenti della singola scuola (o della singola rete di scuole) che avranno maturato più crediti nel triennio precedente. Ma anche che, nel 2018, due terzi di tutti i docenti italiani – quasi mezzo milione – matureranno uno scatto di circa 60 euro netti al mese”. 
Ed il 34% restante ? Non pervenuto. Dunque il 34% non avrà diritto a nulla, se non allo stipendio minimo tabellare, ma parteciperà alla competizione, concorrerà, faticherà, ma non vincerà alcun premio. Siamo all'estremo della ridicolaggine, ma purtroppo ci troviamo a commentare una proposta politica e governativa assurda. Assurdità che comporterà una frattura insanabile all'interno del corpo docente, ci saranno i primi della classe ed i secondi della classe. E tra i primi della classe si innescherà una concorrenza spietata per accedere, eventualmente, al premio accessorio. Nel settore del lavoro privato questo modo di retribuire i lavoratori ha un nome ben chiaro, premio di produttività e superminimoDunque si abolisce lo scatto di anzianità e si introduce il premio di produttività e superminimo. Molti, probabilmente, faranno l'errore di presumere di rientrare nel novero della famosa quota del 66% e di sentirsi come non toccati da questa nuova situazione, ma il 34% degli esclusi è una percentuale enorme e se il tutto si aggancia anche al sistema di valutazione nazionale, quelli che rischieranno di essere maggiormente penalizzati saranno i docenti che opereranno in zone disagiate od in quelle regioni che l'Invalsi continua a valutare negativamente, mi riferisco specialmente alle regioni meridionali. Insomma, questa proposta di riformare in peius,anzi cancellare, con la veste della competizione e concorrenza, gli scatti di anzianità,  mutandoli in premio di produttività, è semplicemente irricevibile ed altro che buona scuola qui siamo in presenza di una cattiva scuola.


Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…