Passa ai contenuti principali

Come il gelato della giustizia si scioglie,dal rischio espulsione di 50 mila avvocati all'estinzione della compensazione spese


Mentre sul sito del governo,si legge che c'è tempo fino al 31 agosto 2014 per partecipare alle consultazioni pubbliche sulle linee guida dello "Sblocca Italia" e della riforma della Giustizia, il governo ha presentato nel CDM del 29 agosto il pacchetto giustizia e sblocca Italia. Alla faccia della democrazia e delle consultazioni pubbliche ancora presumibilmente operanti ed itineranti. D'altronde che si tratta di una forma di democrazia visionaria è un dato di fatto, un dato di fatto che serve solo a legittimare, strumentalizzando il concetto della democrazia, l'operato di chi cala le cose dall'alto pur nella negazione dell'esistente. In Italia è da tempo che si susseguono interventi pesanti in materia di giustizia civile. Dall'introduzione del pagamento del contributo unificato e marche da bollo per i lavoratori che superano un certo reddito, in ogni caso  parliamo di redditi medi, alla condanna quasi automatica, in caso di soccombenza, delle spese processuali. Eppure il lavoratore sarebbe la parte contrattuale debole, ma oggi, non solo non è più parte contrattuale, poiché non contratta un ben nulla e si trova imposte norme ed atti già unilateralmente definite ed impacchettate,con la formula non scritta ma applicata del prendere o lasciare, e l'alternativa è la disoccupazione piena e totale, ma non è neanche debole, ma semplicemente non pervenuta. Certo, un conto è quando si ricorre a liti temerarie, ma sono una percentuale irrisoria,se i lavoratori ricorrono nelle sedi giudiziarie è perché costretti dal sistema, mica per divertimento o diletto personale. Eppure loro sono i primi ad essere danneggiati da queste continue riforme, riforme che hanno lo scopo di rendere in sostanza inaccessibile l'accesso alla giustizia, tra le altre cose non sempre “giusta”, ad una fetta ben determinata e  definita di  milioni persone. Accedere alla giustizia ha dei costi significativi, destinati ad essere incrementati. Da qualche giorno è stato approvato il nuovo regolamento che rischia di determinare, entro il 31 dicembre 2014, l'espulsione dall'Albo degli Avvocati di quasi 50 mila avvocati. Si tratta di Avvocati giovani, di Avvocati che nella maggior parte dei casi hanno un reddito inferiore ai 10 mila euro annui chiamati a pagare,ora per Legge, contributi che per una platea enorme sono praticamente impossibili da soddisfare se non ricorrendo a prestiti od indebitamenti. Senza parlare delle altre spese correlate.Ora,si dirà, ma chi se ne frega degli Avvocati. Quando ci si è iscritti all'Albo degli Avvocati, dopo lunghe peripezie e sacrifici, perché si voleva lottare tramite il diritto per la difesa sociale, per la giustizia sociale, queste condizioni non esistevano. Hanno modificato le regole durante il gioco per i giocatori che hanno deciso,scelto, di giocare con regole che consentivano l'entrata in campo. Ma ora, il cartellino rosso è alle porte,per chi non paga per lavorare e per una pensione che non vedrà mai. Anni di studio,sacrifici gettati via. Hanno determinato una selezione di classe, tramite la nuova meritocrazia. Meritevole è il ricco o chi ha i mezzi economici, per poter esercitare questa professione. Tutti i giovani, non figli di papà, che si sono fatti un mazzo enorme, per conquistare la toga, anzi neanche quella visto che costa un casino di soldi, ora, perché non benestanti, perché figli di una generazione precarissima, perché sprovvisti di risorse economiche, rischiano di essere spazzati via. Ora, per molti questo principio potrà essere giustificabile, ma per tanti non lo è e non lo potrà essere, anche perché alla fine i costi si rifletteranno direttamente nei confronti della clientela. Se prima potevi aiutare, senza chiedere un centesimo, od a costi minimi, determinate fasce sociali, ora questo non lo potrai più fare. Certo, ci saranno gli Avvocati che possono garantire il gratuito patrocinio, ma chi può garantire il gratuito patrocinio, è chi si può permettere di attendere i pagamenti dopo anni ed anni dalla conclusione della eventuale causa, pur, spesso con peripezie articolate. Con quali mezzi e risorse anticipare le spese? Gratuito patrocinio che ovviamente non riguarderà le consulenze, o le attività stragiudiziali che non seguiranno un giudizio, che poi sono la quasi totalità di quelle svolte da chi ora rischia di essere espulso. 50 mila nuovi possibili e potenziali disoccupati, che hanno ed abbiamo investito buona parte della loro e nostra formazione in questo settore, e poi, quale lavoro si potrà mai fare una volta espulsi? A 35 anni e passa suonati? Con una formazione selettiva? Con la disoccupazione dominante e dilagante? Insomma hanno trovato il modo per ridurre gli avvocati,con una selezione, a parer mio anche incostituzionale e di classe. Un disastro meritocratico impressionante, ma diventato legge. Come già accennato, se nei Tribunali, vige da qualche anno, la condanna alle spese, anche per i lavoratori che perdono le cause, ora si vuole praticamente rendere come ordinaria la morte della compensazione delle spese, questo è quanto si legge nel comunicato stampa del governo: “Modifica al regime della compensazione delle spese: chi perde rimborsa le spese del processo. Nonostante le modifiche restrittive introdotte negli ultimi anni, nella pratica applicativa si continua a fare larghissimo uso del potere discrezionale di compensazione delle spese processuali, con conseguente incentivo alla lite, posto che la soccombenza perde un suo naturale e rilevante costo, con pari danno per la parte che risulti aver avuto ragione”. 
Si vuole incentivare il ricorso alla giustizia stragiudiziale :”Sia nelle cause civili pendenti in primo grado che in grado d’appello le parti potranno congiuntamente richiedere di promuovere un procedimento arbitrale (secondo le ordinarie regole dell’arbitrato contenute nel codice di procedura civile espressamente richiamate)”. Od ancora “Conciliazione con l’assistenza degli avvocati (negoziazione assistita).Si vuole realizzare una procedura cogestita dagli avvocati delle parti e volta al raggiungimento di un accordo conciliativo che, da un lato, eviti il giudizio e che, dall’altro, consenta la rapida formazione di un titolo esecutivo stragiudiziale”. Ma "incentivare" il ricorso alla giustizia stragiudiziale,sempre se tale "incentivo" verrà applicato anche al processo del lavoro,in questo contesto economico e sociale che vede il lavoratore vivere condizioni follemente inquietanti, tra condanne alle spese in caso di sconfitta, tra costi significativi per intraprendere i contenziosi,tra orientamenti giurisprudenziali sempre maggiormente peggiorativi, significa accettare condizioni minime, condizioni minime che comporteranno una monetizzazione al ribasso dei propri diritti e quando i diritti si monetizzano in modo massivo, non ci sarà più giustizia ed il ricatto sarà la regola dominante ed i licenziamenti saranno ancora più facili da realizzare. Insomma chi verrà colpito da questo processo di riforma peggiorativa dello stato di non diritto italiano, saranno in primis le fasce deboli ed i lavoratori. Evviva la meritocrazia,nuova selezione di classe. Evviva la giustizia italiana, che si scioglie come un gelato in balia del sole capitale.



Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…