Passa ai contenuti principali

Scuola: tra le 36 ore e le 24 ore corre in mezzo il lavoro non pagato svolto a “casa”

36 ore per tutte e tutti?
No.
Solo per le insegnanti della scuola primaria e dell'infanzia per arrivare ad un graduale innalzamento dell'orario di lavoro per i docenti della scuola secondaria, ovvero le fantomatiche 24 ore, già rispedite al mittente da una forte ondata di protesta. Ora, dalle indiscrezioni che emergono su diversi siti internet, il governo attuale, in continuità con i pregressi, decide di ritornare alla carica ma colpendo una categoria di docenti diversi, che hanno conosciuto importanti momenti di lotta, come quello per il tempo pieno. Si decide, volutamente, di colpire, stando alle indiscrezioni giornalistiche, una categoria specifica con lo scopo di raggiungere quell'obiettivo mancato nel recente passato, quale quello delle 24 ore. Perché se passeranno le 36 ore, ma anche 30 o 28 alla primaria, alle superiori certamente non potranno rimanere più le 18 ore di didattica frontale, ma come minimo si dovranno raggiungere le 22 o 24 ore, sospirate dai soliti politicanti che cercano di fare cassa colpendo un settore che meriterebbe rispetto, ma oggi vive solo di dispetti ed insulti, perché la scuola non è una sorta di ammortizzatore sociale, come qualcuno vorrebbe fare intendere. Si spara alto per raggiungere il solito obiettivo minimo. I conti al Ministero li hanno già fatti, sanno fino a dove possono arrivare, la riduzione del FIS, il fatto che molti docenti hanno svolto una miriade di attività aggiuntive, non obbligatorie, per quattro soldi, nonostante tutto ed il tutto, legittima, per il Governo, una simile misura. Pochi soldi, per pochi soggetti, i pochi che concorreranno, come in una sorta di gara agonistica sportiva per vincere il premio in danaro e ricevere la medaglia della gratitudine. Insomma niente di nuovo, tutto tristemente vecchio, e come sempre queste proposte, vere o false che siano, arrivano in estate. In Europa non tutte le ore di didattica frontale sono di 60 minuti, in numerosi paesi sono di 50 minuti in altri anche di 45 se non 40 minuti. Ma in Europa gli insegnanti non sempre lavorano a “casa” oltre i locali scolastici. In Italia esiste una tradizione più che secolare. Preparare le lezioni a casa, correggere i compiti a casa, effettuare una miriade di attività funzionali per la scuola a casa. Forse è il caso di iniziare a ricapitolare con una sorta di cronistoria tutte le attività che si sono svolte in questi ultimi cinque anni, ragionando in termini di ordinaria prescrizione, per chiedere il pagamento di tutte quelle ore di lavoro svolto, oltre le canoniche 24 o 18 ore, oltre quelle collegiali, per la scuola. Doveva essere il governo della rottamazione, ma a quanto pare non ha rottamato un bel nulla nel modo di procedere rispetto al passato, solo cambiato strategia. Prima le carotine, poi il super bastone. Ma gli italiani hanno capito il giochino e sono certo che il personale della scuola saprà reagire a questa ennesima provocareazione. Avere degli stipendi degni, avere degli stipendi che si armonizzano con i precetti costituzionali, e quelli vigenti per i docenti della scuola non si armonizzano proprio per niente con la Costituzione, è un diritto e non una concessione correlata ad impegni ulteriori, che poi vanno tra le altre cose a danneggiare quella categoria ultra-precaria che opera nella scuola, quale i supplenti brevi e saltuari ma non solo loro.





Commenti

  1. no alle 36 ore. no alle 28, ne' altro. secondo me sarebbero corrette 18 ore per tutti gli insegnanti di ogni ordine e grado. poi sarebbe corretto anche un anno sabbatico ogni 5 per riposo e autoformazione. terzo concerti, teatri, musei, esposizioni, etc. gratis agli insegnanti e loro accompagnatori. quarto vorrei timbrare il cartellino quando entro e quando esco, il lavoro a casa è un di più che nessuno ci riconosce...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…