Passa ai contenuti principali

Scuola: tra le 36 ore e le 24 ore corre in mezzo il lavoro non pagato svolto a “casa”

36 ore per tutte e tutti?
No.
Solo per le insegnanti della scuola primaria e dell'infanzia per arrivare ad un graduale innalzamento dell'orario di lavoro per i docenti della scuola secondaria, ovvero le fantomatiche 24 ore, già rispedite al mittente da una forte ondata di protesta. Ora, dalle indiscrezioni che emergono su diversi siti internet, il governo attuale, in continuità con i pregressi, decide di ritornare alla carica ma colpendo una categoria di docenti diversi, che hanno conosciuto importanti momenti di lotta, come quello per il tempo pieno. Si decide, volutamente, di colpire, stando alle indiscrezioni giornalistiche, una categoria specifica con lo scopo di raggiungere quell'obiettivo mancato nel recente passato, quale quello delle 24 ore. Perché se passeranno le 36 ore, ma anche 30 o 28 alla primaria, alle superiori certamente non potranno rimanere più le 18 ore di didattica frontale, ma come minimo si dovranno raggiungere le 22 o 24 ore, sospirate dai soliti politicanti che cercano di fare cassa colpendo un settore che meriterebbe rispetto, ma oggi vive solo di dispetti ed insulti, perché la scuola non è una sorta di ammortizzatore sociale, come qualcuno vorrebbe fare intendere. Si spara alto per raggiungere il solito obiettivo minimo. I conti al Ministero li hanno già fatti, sanno fino a dove possono arrivare, la riduzione del FIS, il fatto che molti docenti hanno svolto una miriade di attività aggiuntive, non obbligatorie, per quattro soldi, nonostante tutto ed il tutto, legittima, per il Governo, una simile misura. Pochi soldi, per pochi soggetti, i pochi che concorreranno, come in una sorta di gara agonistica sportiva per vincere il premio in danaro e ricevere la medaglia della gratitudine. Insomma niente di nuovo, tutto tristemente vecchio, e come sempre queste proposte, vere o false che siano, arrivano in estate. In Europa non tutte le ore di didattica frontale sono di 60 minuti, in numerosi paesi sono di 50 minuti in altri anche di 45 se non 40 minuti. Ma in Europa gli insegnanti non sempre lavorano a “casa” oltre i locali scolastici. In Italia esiste una tradizione più che secolare. Preparare le lezioni a casa, correggere i compiti a casa, effettuare una miriade di attività funzionali per la scuola a casa. Forse è il caso di iniziare a ricapitolare con una sorta di cronistoria tutte le attività che si sono svolte in questi ultimi cinque anni, ragionando in termini di ordinaria prescrizione, per chiedere il pagamento di tutte quelle ore di lavoro svolto, oltre le canoniche 24 o 18 ore, oltre quelle collegiali, per la scuola. Doveva essere il governo della rottamazione, ma a quanto pare non ha rottamato un bel nulla nel modo di procedere rispetto al passato, solo cambiato strategia. Prima le carotine, poi il super bastone. Ma gli italiani hanno capito il giochino e sono certo che il personale della scuola saprà reagire a questa ennesima provocareazione. Avere degli stipendi degni, avere degli stipendi che si armonizzano con i precetti costituzionali, e quelli vigenti per i docenti della scuola non si armonizzano proprio per niente con la Costituzione, è un diritto e non una concessione correlata ad impegni ulteriori, che poi vanno tra le altre cose a danneggiare quella categoria ultra-precaria che opera nella scuola, quale i supplenti brevi e saltuari ma non solo loro.





Commenti

  1. no alle 36 ore. no alle 28, ne' altro. secondo me sarebbero corrette 18 ore per tutti gli insegnanti di ogni ordine e grado. poi sarebbe corretto anche un anno sabbatico ogni 5 per riposo e autoformazione. terzo concerti, teatri, musei, esposizioni, etc. gratis agli insegnanti e loro accompagnatori. quarto vorrei timbrare il cartellino quando entro e quando esco, il lavoro a casa è un di più che nessuno ci riconosce...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…