Passa ai contenuti principali

Quando i soldati austriaci ed italiani si davano del buona sera in trincea

Nei pressi della collina di Ravelnik, in una notte di luna piena,nei primi mesi del 1917, alcuni soldati austriaci, all'esterno dei reticolati italiani, dopo aver visto pochi “nemici”, durante un piccolo e fugace momento di tregua concordato, salutarono con un buona sera, e "buona sera" risposero i soldati italiani. Dopo qualche minuto di imbarazzo, il soldato Antonio Budinich, il cui cognome per decreto prefettizio venne modificato in Budini nel 1937, intraprese, in italiano, la sua lingua,anche se combatteva tra le file dell'esercito austro-ungarico, un dialogo con i nemici italiani.
Piccolo scambio di battute, senza polvere da sparo. Poi, ognuno, ritornò nel buio delle maledette trincee, pronto per combattere. Il passaggio relativo al “buona sera” è certamente uno dei più emozionanti, ma anche impressionanti, del libro “le memorie di guerra di papà” edito da Beit di Trieste. Un libro ricco di dettagli, che racconta la tremenda sventura in cui si è trovato, suo malgrado, il professore Antonio Budinich, nel corso del lungo conflitto della prima guerra mondiale. Migliaia di persone mandate ad ammazzarsi senza a volte sapere un perché. Molti neanche conoscevano l'esistenza di Trieste o Gorizia, per molti italiani il mondo finiva a Roma, ma le ragioni della guerra hanno prevalso inondando prati, colli e monti di morti ed invalidi perenni. Quasi sempre non avevi scelta, o sparavi tu o venivi sparato, od uccidevi o venivi ucciso. Il massimo della fortuna che poteva capitare era di essere feriti, in modo così grave, da essere dispensatiUna guerra senza senso, non che le guerre abbiano mai un reale senso. Pochi elitari, imperiali e reali, nel salotto buono e caldo della loro vita borghese con una cartina in mano manovravano la vita di milioni di persone. Persone mutate in pedine, pedine da gioco, un gioco mortale, la guerra.

Quel buona sera, in pieno tempo cupo e nero di guerra, è un segnale alla ricerca di un briciolo di umanità. Parlavano la stessa lingua, vivevano a pochi passi gli uni dagli altri. Ma bombe e piombo, mazze e pistole hanno prevalso; le bombe ed il torto di Stato ha mutato i pochi passi in lunghi ed infiniti confini di disumanità. Un buona sera in tempo di guerra, nel silenzio di una notte che Antonio ha potuto raccontare e scrivere, ma il soldato, in quel momento nemico, chissà se avrà potuto fare lo stesso.


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone