Passa ai contenuti principali

Il sacrario fascista della morte di Redipuglia 8 mila volte presente, 8 mila volte assente

Lanciafiamme, pistole e fucili, mazze ferrate e coltelli, bombe a mano e gas.
No, non eri una persona, eri un numero.
Eri un numero, eri un essere astratto, eri il nulla.
Mandato al macello, non avevi scelta.Se fuggivi, venivi fucilato, se cedevi, venivi fucilato e poi il disonore nell'onore salvifico diabolico della patria.
Ma cosa mai è la patria.
Cosa sei tu patria?
Non lo sai, non lo hai mai capito, ma sei morto per quella cosa chiamata patria.
Patria di morte, patria di violenza, patria della peggiore bestialità, patria dove anche gli animali fuggivano al rumore delle esplosioni.
Buche, crateri, voragini.
Brandelli di carne, ossa spezzate, od uccidevi o venivi ucciso.
Poi, al soldato sopravvissuto, che combatteva contro quelli che prima erano magari i suoi fratelli di strada, perché così avevano deciso i grandi condottieri di quella cosa chiamata patria, ecco l'onore della medaglia al petto tra nuvole e fumo ed odore di morte.
Maledetta guerra, guerra alla guerra, quante volte avrai pensato ciò nella tua mente? Non conoscevi Trieste o Gorizia, il tuo mondo magari finiva a Roma o forse anche prima, ma hai trovato morte lontano dalla tua casa e di te altro non rimangono che ricordi e forse una fotografia.
Ma eri un numero.
Un numero da mandare al macello.
Sì, un numero, spersonificazione del tuo essere qualcuno, per l'immedesimazione in quella cosa chiamata patria.
Ed eccola lì, la scritta presente.
Ripetuta e ripetuta 8.000 volte ed è la stessa che si ritrova nei Sacrari fascisti.
Presente dovevi rispondere al rito d'appello dello squadrismo. Il capo della squadra del camerata fascista defunto gridava il suo nome, e la folla in ginocchio urlava, presente.
39.857 nomi, senza età.
Nomi a cui la patria inginocchiata grida presente senza mai aver chiesto scusa o perdono per quell'atto vile e vigliacco quale la guerra.
Nomi senza età.
Non hai età, perché tu sei un numero, perché tu non sei ma devi scioglierti, nel divenire immortale in quella cosa "eterna" chiamata patria, patria di morte.
Non eroe.
Ucciso dalla patria.
E beffa nella beffa governa il silenzio di quel presente assente la tomba del Duca D'Aosta, comandante protetto dalle sue ali, i suoi generali.
Condottieri nella morte, per la morte, la tua.
Sulle pendici di quel monte, sventrato due volte, il fascismo ha voluto quel sacrario,lo ha inaugurato e la patria lo ha preso in consegna, e l'onora, ancora oggi.
Lì, in mezzo a quel grigiore vi è anche l'unico nome di una donna lì seppellita, una crocerossina, una delle poche di cui si conosce l'età, aveva 21 anni, perché era donna, perché era mortale e non immortale come il soldato, come l'uomopatria.
Giovane, come tu eri giovane.
Gioventù bruciata dalla guerra per la patria.
Quella patria che tu non hai mai conosciuto, quella patria di cui nulla t'importava, perché non avevi scelta, o morire o sopravvivere uccidendo. E poi, tra scalini senza tempo, tra proiettili fallici ma non fallaci perché hanno ucciso,leggerai che se il tuo animo non sarà più gagliardo e sereno voi “sarete venuti qui invano” od ancora “se per voi non “duri e non cresca la gloria della patria noi saremo morti invano”.
Scritte incise sul marmo, che offendono la tua morte.
Scritte incise sul marmo che offendono la tua non scelta.
Perché non avevi scelta. No, non uscirò da quel luogo con l'animo sereno o gagliardo, non cresce la gloria della patria,uscirò da quel luogo con la rabbia ed il disgusto per quella patria che ha mandato alla morte giovani uomini e donne per il nulla.
Quel sacrario fascista della morte è un mero insulto verso chi è stato ucciso dalla guerra voluta da pochi elitari e reali od imperiali borghesi e lì è sepolto.
Vergogna d'Italia ecco cosa sei tu Sacrario della morte.
Si poteva continuar a rimanere neutrali, neutralizzando ira e disumanità. Ma tu Italia, guidata e condotta in modo scellerato da quel grido viva la guerra dannunziano, elevato a poeta della patria, ma il cui giusto ricordo dovrebbe esser poeta della morte, hai voluto cogliere l'attimo dell'opportunismo, per egemonizzare l'Adriatico mare con sadico diabolico cinismo. Pellegrinaggio assassino nel nome di quel nazionalismo che ha condotto uomini e donne alla dura e brutale morte. Non eroi, ma vittime del tuo ego imperialista, Italia.

MarcoBarone
nota: ringrazio Wu Ming 1 per i diversi spunti di riflessione che mi ha offerto...

Commenti

Post popolari in questo blog

Una storia per bambini della scuola primaria nella giornata Mondiale della Gentilezza

Il 13 novembre in tutto il mondo si celebra la Giornata Mondiale della Gentilezza, nata da una conferenza del 1997 a Tokyo e introdotta in Italia dal 2000. Per questa propongo una storia per le classi di scuola primaria. La storia che segue, ambientata a Trieste, ha per protagonisti tre supereroi ed una nonna, Rosellina.  Il disegno è stato fatto in una classe di una scuola dove la storia è stata letta. mb I tre supereroi e la nonnina Rosellina C’era una volta, anzi no. C’erano una volta tre supereroi. Avete presente quelli con i super poteri che si vedono nei film? Nei cartoni animati? Nei fumetti? Sì, proprio loro. E si trovavano in una bellissima città italiana, Trieste. Non erano mai stati prima a Trieste. Rimasero stupiti nel vedere quanto era lungo il molo sul mare, e quanto era enorme la piazza con due alberi di due navi dove sventolavano le bandiere, ogni tanto. Dopo essersi fatti un selfie sul molo Audace che è costruito sui resti di una vecchia n

Prospettiva fallica: da Bologna ad Osor con uno sguardo insolito a Trieste

Così scriveva Wu Ming 1 in un suo recente post: “”Se fissiamo il Nettuno del Giambologna da una particolare angolatura, di scorcio, vedremo realizzarsi una magia: il pollice sinistro spunta dal fianco e diviene un fallo eretto con tanto di glande enfio e turgido. Una leggenda locale parla di uno scherzo del Giambologna alle monache dell’adiacente convento: guardando dalle finestre, vedevano il dio esibire una poderosa erezione. Ecco che irrompe il conflitto, ecco che l’Uno (la statua) diventa due (lo scultore irriverente e le suore), e poi molti, perché uno pensa al potere committente, alle persone che sapevano della burla, a quelli che se ne sono accorti da soli, a chi tramanda la leggenda, e poi, chissà se è davvero «solo» una leggenda… Ecco un’allegoria di quanto cerchiamo di fare nei nostri libri”. Ed ha ragione. Quella statua di Bologna è nota proprio per tale particolarità “fallica”, una delle prime cose che si fanno notare ai non bolognesi, appena giunti nello splendido s

E ti vengo a cercare nell'esoterismo

Note e parole che ti rapiscono, nell'ondeggiare con quel tempo da meccaniche mistiche e profondamente esoteriche. La ricerca interna dell’uomo, attraverso la musica, l'arte, le scienze  o l'occultismo, ti condurrà attraverso l’introspezione, alla riscoperta del tuo essere, alla conoscenza della tua natura interna", di quel Dio, quel grande architetto dell'Universo atteso da una moltitudine di individualità. E dunque ti vengo a cercare. La canzone di Francesco Battiato è esoterica nel “vederti o parlare perché ho bisogno della tua presenza per capire meglio la mia essenza” , nel “cercare l'Uno al di sopra del Bene e del Male  essere un'immagine divina di questa realtà”. Ed infatti, nella Gran Loggia Phoenix ® degli ALAM, quando il gran Maestro si recherà nella sala dei Passi perduti, verrà accompagnato dalle note della canzone di Franco Battiato, E ti vengo a cercare... D'altronde nel passato e probabilmente anche oggi, mo