Passa ai contenuti principali

Il Giro d'Italia a Trieste, tra diversi tricolori la città va su di giri

Sorvolano il cielo di Trieste le rumorose Frecce Tricolori, con il fumo bianco rosso e verde,

ma non sarà quello italiano il tricolore del giro d'Italia, sarà quello colombiano di Quintana vincitrice del giro e quello sloveno di Mezgec vincitrice della tappa conclusiva triestina. Migliaia e migliaia le persone in strada ad attendere i corridori, sin dal Viale di Miramare, un lungo serpentone di triestini e turisti che, nella maggior parte dei casi, se ne infischiavano delle beghe nazionalistiche, ed erano lì per applaudire il giro rosa e sarebbe stato bello vedere il fumo rosa dominare i cieli di Trieste e non quello italiano, certamente più consono sia alla natura dell'evento sportivo che alla particolarità territoriale difficile di Trieste. Erano pochi i tricolori italiani diffusi per le strade, qualcuno lo ha esposto dalle balconate, qualcuno ha esposto la bandiera alabardata di Trieste, ed in Piazza dell'Unità i simboli della contesa si fronteggeranno, simbolicamente, in un piccolo spazio, comunque monitorato e ben osservato.

L'attesa è stata viva, calda, in una Trieste senza smog, auto e motorini, per diverse ore. Poi arriverà la carovana delle auto, guidata dal Tir rosa, 

seguiranno i furgoncini del giro, che ricordavano gli annunci dell'arrotino, a cinque euro potevi comprare la bandana a dieci euro la maglietta e qualche altro oggetto.  Poi tra chi attraversava o percorreva la strada, chi con due biciclette, chi in due sulla bicicletta


ecco d'incanto apparire la carovana che non si arresta.

Veloce, talmente veloce che quando il giro terminerà, penserai, "ma è già finito?" Una armonia incredibile con una Trieste in festa. Ascoltare il rumore mutato in suono delle ruote sull'asfalto, vedere i corridori chinarsi per percorrere la curva di Piazza della Libertà che li avrebbe condotti al lato dell'imponente Ursus e lì al traguardo della vittoria, è stato semplicemente unico.
Unico come lo scenario di Trieste, città del giro e da giro, ed in questo caso è andata positivamente ed allegramente su di giri.





Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto