Passa ai contenuti principali

Il Giro d'Italia a Trieste, tra diversi tricolori la città va su di giri

Sorvolano il cielo di Trieste le rumorose Frecce Tricolori, con il fumo bianco rosso e verde,

ma non sarà quello italiano il tricolore del giro d'Italia, sarà quello colombiano di Quintana vincitrice del giro e quello sloveno di Mezgec vincitrice della tappa conclusiva triestina. Migliaia e migliaia le persone in strada ad attendere i corridori, sin dal Viale di Miramare, un lungo serpentone di triestini e turisti che, nella maggior parte dei casi, se ne infischiavano delle beghe nazionalistiche, ed erano lì per applaudire il giro rosa e sarebbe stato bello vedere il fumo rosa dominare i cieli di Trieste e non quello italiano, certamente più consono sia alla natura dell'evento sportivo che alla particolarità territoriale difficile di Trieste. Erano pochi i tricolori italiani diffusi per le strade, qualcuno lo ha esposto dalle balconate, qualcuno ha esposto la bandiera alabardata di Trieste, ed in Piazza dell'Unità i simboli della contesa si fronteggeranno, simbolicamente, in un piccolo spazio, comunque monitorato e ben osservato.

L'attesa è stata viva, calda, in una Trieste senza smog, auto e motorini, per diverse ore. Poi arriverà la carovana delle auto, guidata dal Tir rosa, 

seguiranno i furgoncini del giro, che ricordavano gli annunci dell'arrotino, a cinque euro potevi comprare la bandana a dieci euro la maglietta e qualche altro oggetto.  Poi tra chi attraversava o percorreva la strada, chi con due biciclette, chi in due sulla bicicletta


ecco d'incanto apparire la carovana che non si arresta.

Veloce, talmente veloce che quando il giro terminerà, penserai, "ma è già finito?" Una armonia incredibile con una Trieste in festa. Ascoltare il rumore mutato in suono delle ruote sull'asfalto, vedere i corridori chinarsi per percorrere la curva di Piazza della Libertà che li avrebbe condotti al lato dell'imponente Ursus e lì al traguardo della vittoria, è stato semplicemente unico.
Unico come lo scenario di Trieste, città del giro e da giro, ed in questo caso è andata positivamente ed allegramente su di giri.





Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…