Passa ai contenuti principali

1924/26: D'Annunzio e Mussolini, tra reciproci elogi,onori e cortesie ed abbracci

Erano gli anni dell'omicidio Matteotti, della annessione di Fiume all'Italia,delle prime leggi fascistissime, delle cittadinanze onorarie riconosciute a Mussolini, dell'inizio di diversi processi di italianizzazione, si parlava molto delle violenze del fascismo e dei fascisti, si scriveva e si denunciava che non si poteva non vedere quello che stava accadendo, ci si interrogava sul ruolo della opposizione, sul ruolo degli intellettuali, dell'ambiguità di alcuni e della complicità di altri. Molti confidavano nel silenzio, speravano che il silenzio di alcuni intellettuali fosse sinonimo di antifascismo, ma così non sarà per D'Annunzio, per esempio.

Il viaggio di Mussolini a Gardone, scriverà l'Unità di quel tempo, “non ha solamente il significato di omaggio a D'Annunzio,ma ha soprattutto significato politico”. Ed emergerà tutta le delusione sia dei costituzionalisti che degli antifascisti, che a quanto pare ancora si rifiutavano,probabilmente per ragioni di opportunismo, di inquadrare D'Annunzio nella sua reale veste, si leggerà che il silenzio di D'Annunzio dopo la marcia su Roma, nonostante alcuni suoi gesti per nulla ambigui, “ aveva riaperto il cuore dell'antifascismo. L'incontro odierno toglie ai costituzionalisti definitivamente la speranza di un D'Annunzio antifascista”. Il Giornale d'Italia scriverà, a tal proposito: “mentre Mussolini rappresenta il fascismo al governo, D'Annunzio rappresenta il popolo dei combattenti.(...) D'Annunzio non ha mai compiuto atti di ostilità contro il governo fascista”.

Verrà poi pubblicata anche una nota di D'Annunzio, per Mussolini, sull'Unità per ringraziarlo della nomina a Principe di Montenevoso, accompagnandola con doni, e si concluderà con un “ti abbraccio”.

Il 23 aprile 1924 , in merito alla morte di Eleonora Duse D'Annunzio invierà un telegramma pubblico, pubblicato sull'Unità ove si evincerà la richiesta del poeta guerrafondaio a Mussolini affinché sia lo Stato italiano a sue spese, a curare la restituzione della salma e Mussolini risponderà tempestivamente accogliendo le richieste di D'Annunzio ed anche questa nota si concluderà con un “ti abbraccio” pubblico ma questa volta da parte di Mussolini verso D'Annunzio.

Si pubblicherà, una lettera, datata 14 febbraio, ove si ricorderà che l'avvocato Gianturco ha tenuto al gruppo fascista Oberdan una conferenza intorno a Fiume si scriverà che l'oratore ha dimostrato la “perfetta concordanza dell'opera del poeta prima e di Mussolini dopo per Fiume “e si annoterà che “nel 1921 le prime squadre fasciste cantavano per D'Annunzio e Mussolini eja eja alala”.

E' interessante notare come, tra le diverse informative che riportava l'Unità, in merito all'attività dei fascisti, si segnalava il 28 ottobre 1925 l' inaugurazione della sede di un gruppo fascista dedicata a “D'Annunzio”, nel milanese.

Oppure si segnalerà un comunicato del governo fascista, del 22 giugno 1926, il quale deciderà di procedere alla costituzione dell'Istituto nazionale per la pubblicazione dell'Opera Omnia di D'Annunzio sotto l'alto patronato di Mussolini. Per la pubblicazione dell'opera omnia si è costituita una società con un capitale pari a sei milioni, cifra enorme per l'epoca, e D'Annunzio salutò, ovviamente, positivamente il tutto, con cinque colpi di cannone inviando telegrammi di ringraziamento al Re ed a Mussolini. D’Annunzio verrà rappresentato, nel Consiglio di amministrazione, dal figlio Gabriellino.



Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …