Passa ai contenuti principali

Se la scuola posticipa arbitrariamente le prove Invalsi



Alcune segnalazioni hanno confermato il fatto che, in diverse, anche se poche, scuole, le prove dell'Invalsi, sono state arbitrariamente posticipate, al primo giorno utile successivo allo sciopero ed alle date tassative come comunicate dal MIUR e dall'Invalsi medesimo. Lo stesso Invalsi, comunicava nel suo sito, che la richiesta di posticipo doveva pervenire con protocollo antecedente al 18.11.2013, e che lo stesso poteva ritenersi accordato solo dopo la ricezione di autorizzazione scritta dell'INVALSI. Precisando altresì che non potranno essere prese in considerazione richieste di posticipo date delle somministrazioni pervenute oltre il 13.12.2013Alcune scuole, per ovvio effetto dello sciopero, hanno deciso di posticipare la somministrazione delle citate prove basandosi sul fatto e sul principio che queste erano state inserite nel POF e rivendicando pertanto la realizzazione dell'autonomia scolastica ed anche il riconoscimento economico a favore di chi provvedeva alla tabulazione e correzione. Ora, è più che evidente che le prove, che si sono svolte oltre la data prevista dall'Invalsi e senza l'autorizzazione dell'Invalsi medesimo, non hanno alcun valore ed utilità per l'Invalsi e non possono averlo, poiché in caso contrario, ciò metterebbe seriamente in discussione l'onerosa macchina organizzativa dell'ente di ricerca e renderebbe semplicemente inutile tutto quello che è connesso e correlato alle giornate dell'Invalsi.  Ma, tra le altre cose, quello che andrebbe verificato, è anche il comportamento antisindacale, come operato da parte della Dirigenza Scolastica e di coloro che si sono prestati a tale atto. Se, come ha avuto modo di rilevare parte della giurisprudenza,  le prove dell'Invalsi non sono servizio minimo essenziale da garantire, se una delle motivazioni fondamentali dello sciopero, nelle giornate considerate, era proprio quello relativo al contrasto al sistema Invalsi con lo scopo di far “saltare” le citate prove, lo slittamento unilaterale ed arbitrario di queste prove, potrebbe intendersi come comportamento antisindacale, poiché ha neutralizzato in sostanza l'effetto dello sciopero. A tal proposito, sarebbe anche utile una presa di posizione da parte dell'Invalsi, il quale ben dovrebbe eccepire che tutte le prove, che si sono svolte oltre le date comunicate dallo stesso e senza la preventiva autorizzazione, non verranno prese in considerazione dall'Istituto e non avranno alcun valore . E dovrebbero anche intervenire  gli organi gerarchici superiori per vagliare la correttezza come posta in essere, in questi casi, da parte delle scuole interessate da tale procedura, poiché oltre ad esporre le stesse a possibili azioni giudiziarie con conseguenti danni erariali, si viola il rispetto della normativa procedurale.  
Poi, certo, vi è anche una piccola casistica che ha visto le prove dell'Invalsi essere utilizzate come verifiche individuali degli studenti.( rinvio a questo precedente intervento sul caso valutazione studenti ed http://xcolpevolex.blogspot.it/2014/04/non-si-possono-utilizzare-le-prove.html).  Ciò, risolve definitivamente la questione dell'anonimato di questo sistema, poiché per la scuola le dette prove non sono anonime, e non possono esserlo, come da sempre denunciato, e conferma anche come l'invalsizzazione della scuola determina un forte condizionamento della didattica ordinaria, che è cosa diversa rispetto al canonico valore aggiunto, od al fatto che le citate prove servirebbero solo come atto di  riflessione interna alla e per la scuola, situazione che oramai anche il più miope ha compreso non corrispondere alla realtà delle cose.




Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…