Passa ai contenuti principali

P2 e servizi, e la ovvia smentita del Governo



7 Gennaio 1983. 
Una nota riservata di Tina Anselmi alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, esplicava che nel corso dei lavori della Commissione, di cui la parlamentare era presidente, in relazione ai rapporti tra massoneria e Stato,  emergeva nei fatti un contatto personale di Licio Gelli con i Servizi segreti (nella specie del SISDE), che in almeno una occasione si sarebbero valsi della sua opera nella qualità di un non bene identificato collaboratore. Questo episodio storico “ documentato in istruttoria coincideva con ulteriori elementi a loro disposizione” tali “ da indurre la Commissione ad ipotizzare un collegamento tra Gelli con i servizi segreti non episodico ma di natura organica” e comunque da lasciar intendere una infiltrazione nei Servizi da parte della Loggia P2.
Il Governo rispondeva il 18 febbraio 1983 tramite il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri rilevando che per quanto concerneva “un presunto contatto personale del Sisde con Gelli” non esisteva negli archivi “ della segreteria generale del Cesis e del Sisde alcun tipo di riferimento ad una collaborazione tra i servizi e Gelli" e dunque la P2.


Non poteva essere diversa la risposta da parte di un sistema che, in verità, era colluso con la P2. Il 29 ottobre del 1982 emergeva che il Generale Giulio Grassini. ex direttore del SISDE, in data 21 ottobre “ha dichiarato alla Commissione parlamentare di inchiesta sulla Loggia Massonica P 2 di aver comunicato nel maggio del 1981, all'Onorevole allora Sottosegretario alla Presidenza del C. dei Ministri  di avere avuto un contatto per motivi di servizio con il Sig. Licio  Gelli e che, della vicenda, lo stesso Sottosegretario aveva” informato il “ Comitato parlamentare per i Servizi”.

Una nota dei Servizi, del 14 giugno 1984, insisteva nell'affermare che il nominativo di GELLI "non è mai apparso nella documentazione concernente le “fonti” di servizio”. Ma un appunto datato 10 dicembre 1978 sequestrato presso l'abitazione del giornalista M. C., relativo ad una conversazione intercorsa tra lo stesso, Licio Gelli (GE) e Umberto Nobili (NO) lasciava intendere ben altro. Per esempio il “ricatto” che la massoneria esercitava verso il Governo, poiché “ moltissimi parlamentari sono massoni ed il Presidente del Consiglio ne avrebbe dovuto tenere conto perché altrimenti i provvedimenti di governo non sarebbero passati”. Oppure la lettera di N. Falde a Licio Gelli dell'8 aprile 1976 ove si evinceva che ( Gelli ndr) "tra i tuoi “dipendenti “ iscritti all'obbedienza , secondo quanto mi dicevi hai  Ministri, Direttori , Generali, militari di alto rango, Carabinieri, Pubblica Sicurezza, Guardia di Finanza e Sindona, ad esempio, dipende dalla tua volontà”. Una lettera che si concluderà con questo auspicio “ intanto per incominciare tu non continuare a difendere i Crociani e assimilati, nel tempo”.

Ora,  i numerosissimi volumi sull'inchiesta delle inchieste, quella relativa ai rapporti tra P2 e Stato, sono disponibili, certo vi sono una infinità di omissis, certo molto è già stato scritto, e sicuramente se molti indizi lasciano ben intendere cosa è accaduto in Italia dal momento dello sbarco degli americani sino agli eventi stragisti del 1992/93, tutti governati da un solo filo conduttore, è chiaro che nessuna verità certa verrà mai alla luce, perché ancora oggi esercitano il potere uomini ed anche donne figli e figlie di quella fratellanza o sorellanza, dunque, attendersi una verità ed una giustizia da parte di un sistema colluso sin dalla sua nascita con i peggiori poteri,  è come credere nelle favole. 
Si sa quello che si vuole fare sapere, quello che doveva scomparire è scomparso, quello che doveva rimanere segreto è ancora segreto, ma i dettagli possono essere utili per maturare almeno un minimo stato di consapevolezza, quella consapevolezza che dovrebbe accompagnare ogni individuo nella formazione del proprio pensiero critico e non dipendente dall'omologazione dell'informazione unica che altro scopo non ha se non quello di preservare il sistema da processi rivoluzionari e destabilizzanti per i circoli o club di potere.


Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…