Passa ai contenuti principali

P2 e servizi, e la ovvia smentita del Governo



7 Gennaio 1983. 
Una nota riservata di Tina Anselmi alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, esplicava che nel corso dei lavori della Commissione, di cui la parlamentare era presidente, in relazione ai rapporti tra massoneria e Stato,  emergeva nei fatti un contatto personale di Licio Gelli con i Servizi segreti (nella specie del SISDE), che in almeno una occasione si sarebbero valsi della sua opera nella qualità di un non bene identificato collaboratore. Questo episodio storico “ documentato in istruttoria coincideva con ulteriori elementi a loro disposizione” tali “ da indurre la Commissione ad ipotizzare un collegamento tra Gelli con i servizi segreti non episodico ma di natura organica” e comunque da lasciar intendere una infiltrazione nei Servizi da parte della Loggia P2.
Il Governo rispondeva il 18 febbraio 1983 tramite il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri rilevando che per quanto concerneva “un presunto contatto personale del Sisde con Gelli” non esisteva negli archivi “ della segreteria generale del Cesis e del Sisde alcun tipo di riferimento ad una collaborazione tra i servizi e Gelli" e dunque la P2.


Non poteva essere diversa la risposta da parte di un sistema che, in verità, era colluso con la P2. Il 29 ottobre del 1982 emergeva che il Generale Giulio Grassini. ex direttore del SISDE, in data 21 ottobre “ha dichiarato alla Commissione parlamentare di inchiesta sulla Loggia Massonica P 2 di aver comunicato nel maggio del 1981, all'Onorevole allora Sottosegretario alla Presidenza del C. dei Ministri  di avere avuto un contatto per motivi di servizio con il Sig. Licio  Gelli e che, della vicenda, lo stesso Sottosegretario aveva” informato il “ Comitato parlamentare per i Servizi”.

Una nota dei Servizi, del 14 giugno 1984, insisteva nell'affermare che il nominativo di GELLI "non è mai apparso nella documentazione concernente le “fonti” di servizio”. Ma un appunto datato 10 dicembre 1978 sequestrato presso l'abitazione del giornalista M. C., relativo ad una conversazione intercorsa tra lo stesso, Licio Gelli (GE) e Umberto Nobili (NO) lasciava intendere ben altro. Per esempio il “ricatto” che la massoneria esercitava verso il Governo, poiché “ moltissimi parlamentari sono massoni ed il Presidente del Consiglio ne avrebbe dovuto tenere conto perché altrimenti i provvedimenti di governo non sarebbero passati”. Oppure la lettera di N. Falde a Licio Gelli dell'8 aprile 1976 ove si evinceva che ( Gelli ndr) "tra i tuoi “dipendenti “ iscritti all'obbedienza , secondo quanto mi dicevi hai  Ministri, Direttori , Generali, militari di alto rango, Carabinieri, Pubblica Sicurezza, Guardia di Finanza e Sindona, ad esempio, dipende dalla tua volontà”. Una lettera che si concluderà con questo auspicio “ intanto per incominciare tu non continuare a difendere i Crociani e assimilati, nel tempo”.

Ora,  i numerosissimi volumi sull'inchiesta delle inchieste, quella relativa ai rapporti tra P2 e Stato, sono disponibili, certo vi sono una infinità di omissis, certo molto è già stato scritto, e sicuramente se molti indizi lasciano ben intendere cosa è accaduto in Italia dal momento dello sbarco degli americani sino agli eventi stragisti del 1992/93, tutti governati da un solo filo conduttore, è chiaro che nessuna verità certa verrà mai alla luce, perché ancora oggi esercitano il potere uomini ed anche donne figli e figlie di quella fratellanza o sorellanza, dunque, attendersi una verità ed una giustizia da parte di un sistema colluso sin dalla sua nascita con i peggiori poteri,  è come credere nelle favole. 
Si sa quello che si vuole fare sapere, quello che doveva scomparire è scomparso, quello che doveva rimanere segreto è ancora segreto, ma i dettagli possono essere utili per maturare almeno un minimo stato di consapevolezza, quella consapevolezza che dovrebbe accompagnare ogni individuo nella formazione del proprio pensiero critico e non dipendente dall'omologazione dell'informazione unica che altro scopo non ha se non quello di preservare il sistema da processi rivoluzionari e destabilizzanti per i circoli o club di potere.


Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …