Passa ai contenuti principali

Trieste, un 1°maggio diviso



Il primo maggio a Trieste ha un peso ed un sapore diverso rispetto ad altre località italiane. Vuoi perché qui i lavoratori hanno spesso ricevuto dure repressioni, dai fuochisti di Piazza della Borsa sotto l'Impero Austro-Ungarico, fatto rimosso dalla memoria collettiva, ai lavoratori di San Giacomo presi a cannonate dalla Brigata Sassari. Una città che ha conosciuto diverse sovranità, una città multiculturale ma che nello stesso tempo vive l'omologazione della crisi sociale. A Trieste vige un silenzio, un silenzio ammortizzato dal tampone previdenziale, certo, il primo datore di lavoro è quello pubblico, ma son tanti ad aver perso il lavoro, son tanti ad aver perso una speranza, son tanti a vivere nella latitanza di un futuro certo e sereno.Si partirà da Campo San Giacomo, come sempre. Una partenza mattutina che vedrà insieme sigle sindacali diverse, spesso opposte, migliaia di individualità. Ma, forse per la prima volta a Trieste,e la prima volta in questo nuovo secolo, il corteo non terminerà più in modo “condiviso” innanzi alla fontana dei quattro continenti di Piazza dell'Unità.
No.
Così come manca un continente a quella fontana, mancherà una componente sociale e  piazza dell'Unità  non sarà più tale. Sarà la piazza  disunita ovvietà oggi inevitabile. La goccia che ha fatto traboccare il vaso della tolleranza è il pessimo accordo sulla rappresentanza sindacale determinato dalle principali organizzazioni sindacali di questo Paese e rappresentative per Legge. Come rimanere ancora indifferenti verso tutto ciò? Accordo antidemocratico, accordo che limita l'agibilità sindacale nei luoghi di lavoro, accordo che riconosce il pieno esercizio della democrazia solo al più forte ed il più forte è chi ha capitale e risorse economiche a disposizione, è chi oggi non è più solo sindacato ma soggettività che vende o sponsorizza prodotti finanziari, come fondi pensioni integrativi, figli di quella disposizione normativa che consente ai lavoratori di poter investire il proprio TFR nei fondi pensioni senza poter ritornare indietro, spesso senza alcuna informazione, mentre se il TFR lo mantieni nel sistema tradizionale avrai sempre la possibilità di fare marcia indietro. Sindacato, con la sua non lotta, che ha fatto poco per evitare quella specifica  pacificazione sociale che ha facilitato la riduzione drastica dei diritti dei lavoratori, imposizione di nuovi obblighi, riduzione degli stipendi, blocco degli scatti di anzianità, blocco del rinnovo dei contratti, blocco di ogni principio, senza mai alzar veramente la voce, senza mai protestare contro l'arresto dei diritti dei lavoratori. Non ci sono più le condizioni per ultimare il primo maggio nella stessa piazza ed insieme.

Non che prima ci fossero, ma ora,anche qui a Trieste, il limite è stato oltrepassato. A Trieste il gruppo anarcosindacalista, ha lanciato la piazza alternativa, Piazza della Borsa. Probabilmente lì convergeranno tutte le realtà di movimento e del sindacalismo non rappresentativo per Legge, che non vogliono più condividere spazi e luoghi e cerimonie con chi si è reso complice, nel bene o nel male, della situazione attuale vigente in Italia. Hanno demolito il pensiero critico nato dal maggio francese. E' arrivato il momento  ideale di un nuovo abbraccio francese, a quella voglia di libertà che si può conseguire solo con la via della coerenza e dell'umiltà ripudiando ogni complicità con chi vuole la cogestione delle rappresentanze sindacali nei luoghi di lavoro con il datore di lavoro, o meglio con i padroni. Questa è la società della frenesia, una frenesia che vuole ignoranza e riduzione della democrazia partecipata e condivisa, nel nome del si deve fare, ora, subito. Ma esiste una lentezza che rispecchia analisi e condivisione critica, una lentezza che vuole ragionamento ed ideale ed anche ideologia, proprio quell'ideologia che oggi è etichettata come un male, come se il capitalismo non fosse ideologia. Infatti, quella che vogliono è l'ideologia unica dominante, unico dogma, una sola verità, quella  imposta, quella che consente loro di governare. Ed allora dobbiamo, per amor di consapevolezza e di coscienza sociale, chiamare le cose con i loro nomi, i padroni son padroni e rimarranno sempre tali, i lavoratori son lavoratori,  e non capitale umano, punto. Né datori di lavoro, né imprenditori, né padri di famiglia, ma semplicemente padroni. Perché sono padroni del tempo altrui, sono padroni per otto ore al giorno della libertà altrui, perché sono padroni delle ricchezze prodotte con la fatica altrui. E questo altrui deve ben emergere da Campo San Giacomo di Trieste sino a Piazza della Borsa. E chissà che da questo primo maggio 2014 non si pongano, da Trieste, le basi per un nuovo Primo Maggio, un Primo Maggio alternativo, un Primo Maggio che vada oltre i riti seppur importanti, un Primo Maggio che includa tutti quelli che non solo preferiscono ma anche dicono di no, con ferma decisione, a questo sistema. 
Divisi per unire contro quel capitalismo che ha massacrato, in questi cinque anni, volutamente, l'Europa del Sud.

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…