Passa ai contenuti principali

Quando parlano i muri e quando tace il sistema: i muri di Bologna

Erano anni, tanti anni, che non capitava di leggere, variegate nello stile, uniformi nella direzione del messaggio, scritte, tante scritte, sui muri di Bologna. Non più i soliti canonici muri, ma cento e più muri del centro, il triangolo della rivolta si allarga e conquista sempre maggior spazio. Una Bologna che con il suo passeggio da T Days potrebbe indurre all'errore, potrebbe far pensare che è una città che ben si armonizza con il presente, il presente dell'omologazione del linguaggio politico e sociale. Siamo alle porte delle politiche comunitarie, importanti per l'Europa, non tanto per l'esito del voto, ma per quella legittimazione di cui necessita, per andare avanti con i suoi processi riformatori e liberisti, crudi e rigidi ed austeri. L'Europa vuole, per la sopravvivenza della propria immagine, che la gente vada a votare, e si pompano all'ennesima potenza fenomeni minimi, seppur importanti ed in ogni caso da contrastare senza condizione alcuna, ma non così eclatanti da dover evocare il grido dell'allarme nero. L'Europa che inizia a proclamare il nazionalismo come il male dei mali.

Incredibile ma vero. Proprio quell'Europa che nasce dal nazionalismo, che è retta dal nazionalismo di due o più Paesi, e che difende il nazionalismo dell'Ucraina come rivendicato da gruppi neonazisti, ora ribalta il sentimento del nazionalismo, forte e dominante in Paesi come l'Italia o la Francia, che viene chiuso tutto in un solo covone, quello della negazione dell'Unione e di quella fratellanza di cui necessita l'Europa.
Certo, principio condivisibile.
Ma, in questa Europa, e di altre credo proprio che difficilmente ve ne saranno, irrealizzabile.
Europa nata male, destinata a finir male.
Siamo per l'Europa delle comunità, più che dei popoli, siamo per l'Europa dei diritti umani  più che della finanza,  lo ripetiamo come un nastro rotto, ma una cosa è certa, fino a quando ci sarà il capitalismo questa Europa continuerà sempre sulla  strada attuale. Le sue fondamenta sono quelle del capitalismo. Per avere l'Europa delle comunità si deve demolire quella presente e ricostruire tutto ex novo. Comunque sia in ogni ovunque ora sembra di vivere tutto ed il tutto nella normale ordinarietà.
Pensiamo all'Italia.
Gli scontri di piazza vengono relegati a fatti di ordinaria cronaca, la disoccupazione alle stelle non è notizia e neanche problema, sono spariti i suicidi per la “crisi”, sono spariti i problemi per la casa, è sparito il problema dello spread, sono spariti tutti gli elementi che hanno connotato l'attacco sferrato volutamente all'Europa del Sud.
Insomma sembra che tutto vada bene, tanto che il governo italiano ora restituisce 80 euro in busta paga ad un ceto ben specifico, quello che può essere determinante per il voto elettorale. I poveri tanto non voteranno, i disoccupati neanche, e dunque possono continuare a crepare di fame o senza lavoro.

E' il momento della sospensione.
Poi, dopo il gran respiro, tutto come prima, si aprirà nuovamente il sipario, e lo spettacolo continuerà, crisi, disoccupazione, austerità, diritti risicati e repressione.
Non parlano i media di sistema, parlano allora i muri, i luoghi e gli spazi.
E Bologna, così come altre piccole città metropolitane italiane, è arte vivente espressiva della crescente rabbia sociale. Non più sordi come i muri, ma loquaci come i muri, perché i muri parlano e l'eco di quella voce rimbalza, come una pallina del flipper della rivolta, ovunque.

Una bicicletta, una lattina ed un semaforo.

Pedalare per la ribellione, per evitare di essere stritolati come una lattina di latta, dopo che il sistema ti ha risucchiato ogni goccia della tua anima laica, per l'amore di quella dignità sociale ed esistenziale che non deve mai venir meno, neanche quando sei trascinato nella melma, neanche quando i tuoi problemi individuali possono distrarti.
Viva i muri di Bologna.




Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Goletta Verde in FVG: mare inquinato a Monfalcone e Muggia

Goletta Verde ha reso disponibili i dati per il 2017. Se complessivamente in FVG i dati del mare sono buoni visto anche il quadro complessivo nazionale dove su 260 campioni di acqua analizzati, il 40% è risultato con cariche batteriche elevate, i punti di criticità in FVG si registrano in tre località. Colpisce soprattutto il dato di Monfalcone, se nel 2016 i valori erano dentro i limiti nel 2017 non è così. Il campionamento avvenuto il 05/08/2017 a Monfalcone (GO) presso Marina Julia nella zona spiaggia libera presso parco giochi/via delle Giarrette ha dato un chiaro esito: inquinato.
Questi gli altri dati del Friuli Venezia Giulia Data del campionamento: 05/08/2017
regione: Friuli Venezia Giulia
comune: Muggia (TS)
Punto di prelievo: Foce canale via Battisti incrocio largo Caduti per la libertà
Giudizio: Fortemente inquinato



Data del campionamento: 05/08/2017
regione: Friuli Venezia Giulia
comune: Trieste (TS)
Punto di prelievo: Spiaggia, presso Lungomare F.lli Bandiera
Giud…

Per essere un Paese migliore si deve chiedere scusa,ed alcune date di Gorizia da non dimenticare

Quanto è difficile chiedere scusa, eppure chiedere scusa è il primo passo necessario non tanto per ricominciare, ma per avviare un percorso diverso, più onesto, più eticamente e moralmente corretto. Il Papa, ad esempio, qualche passo tenue nei confronti degli omosessuali lo sta facendo, Obama si è recato ad Hiroshima, gesto importante, ma non ha osato chiedere scusa per quel crimine immenso compiuto contro inermi civili. Tante barbarie nel corso della storia sono state compiute in nome e per conto dell'Italia. Dalla “piemontesizzazione del Sud”, ai massacri della prima guerra mondiale, al regime fascista, alle violenze e crimini compiuti nelle terre occupate, in Africa, Albania, Grecia, in Jugoslavia. Mai scusa si è chiesto per ciò. Eppure basterebbe poco, chiedere scusa per restituire dignità all'Italia, il cui nome è stato usurpato dalle peggiori nefandezze. Il problema è che quando pretendi ciò ti etichettano spesso come anti-italiano. A parer mio il peggior modo di essere…