Passa ai contenuti principali

La villa romana di Ronchi e gli scavi non ancora ultimati




Ogni volta che si trova, spesso casualmente, o per scavi dovuti a lavori pubblici o privati, qualche “resto” dell'antica civiltà che ha presenziato in questa terra, emerge stupore, entusiasmo. Certo, quello che accade dopo è altra storia, mancano risorse economiche, interessi politici ed economici ed abbiamo così tanto materiale artistico e storico, da poterci permettere, come sistema Italia, il lusso di tenerlo, spesso, chiuso e nascosto in diversi magazzini o coperto da diversi strati di terra.  
Certo visto quello che accade a Pompei, verrebbe da dire meglio sotto terra che a cielo aperto per poi veder letteralmente cadere a pezzi siti di una bellezza unica.
Non appena si entra a Ronchi, da qualsiasi direzione, non potrai non notare il cartello stradale che indica la villa romana, l'unico, ad oggi, sito archeologico di tale fattura presente a Ronchi. Ti avventuri in strade strette ma ben tenute e poi tra un recinto color verde ed un cancello chiuso a chiave, ecco sorgere un piccolo gioiellino tutto nostrano.Il complesso archeologico che venne individuato alla fine degli anni Ottanta del secolo scorso in seguito a lavori per l’acquedotto e fu messo in luce e restaurato nel corso di diversi interventi, fino al 2007.
Nel sito del Ministero del beni culturali si legge che “le strutture appartengono a una villa rustica di età romana – di cui è stata scavata solo la porzione orientale, poiché la restante parte ricade nello spazio demaniale dell’adiacente aeroporto - edificata e ristrutturata in più fasi, tra la metà del I secolo a.C. e il III secolo d.C.e infine distrutta da un incendio. Sono stati riconosciuti ambienti appartenenti sia alla pars urbana, la zona destinata alla residenza del dominus (il proprietario), sia a quella dedicata alle attività lavorative. Nel primo caso, le sale di rappresentanza sono affacciate su spazi aperti (un portico colonnato, aperto sulla campagna o su un giardino, e un probabile cortile interno) e sono caratterizzate dalla decorazione pavimentale a mosaici policromi o a motivi geometrici bianchi/neri impreziositi da tarsie di marmo (restaurati e visibili nella posizione originaria), mentre in un ambiente destinato al riposo si riconosce un sistema di riscaldamento a suspensurae (pavimento rialzato da colonnine in mattoni che permettevano la circolazione di aria calda fornita da una caldaia separata), che serviva anche una vasta sala mosaicata destinata ai banchetti. Gli ambienti del settore rustico, meno ampi ed eleganti, si articolano invece attorno a un grande cortile di raccordo con la pars urbana, dove si svolgevano le principali attività della villa, forse legate alla lavorazione dei prodotti agricoli. La caratteristica che distingue le due parti è la diversa quota a cui sono state edificate: gli ambienti destinati al dominus si trovano infatti a un livello più elevato, al riparo di eventuali piene del fiume che anticamente scorreva a poca distanza. Il percorso di visita è attrezzato con una passerella che attraversa il complesso e permette di apprezzare l’articolazione della villa e di ammirare i mosaici di tre vani tra i più sontuosi, restaurati e dotati di copertura. Un pannello con ricostruzioni assonometriche illustra le diverse fasi edilizie e le caratteristiche principali della struttura”.

Più o meno la stessa cosa è scritta nel cartello collocato nell'area, solo che non è facilmente leggibile sia per i caratteri piccoli che per la recinzione che lo circonda.
Per visitare il complesso, cosa che apprenderai dalla rete, si deve prendere appuntamento con la locale biblioteca comunale Sandro Pertini, centro di vitale importanza per la comunità di Ronchi, ove esiste anche il nuovo Antiquarium, alla spalle della Biblioteca che conserva al piano terra una collezione di reperti provenienti dalla villa romana. Ma, buona parte della struttura, è ancora tutta da scoprire. Pare infatti che nel 2010 dovevano riprendere i lavori degli scavi per riportare alla luce ciò che è ancora coperto dalla terra e che rientra nell'area dell'aeroporto di Ronchi, o di Trieste o del Friuli Venezia Giulia. Aeroporto i cui primi lavori furono ultimati nel 1935, vennero pagate anche delle indennità per l'occupazione di terreni, come quella pari a due milioni 496 mila lire, liquidate nel 1938, ma fu un'opera che non venne, per qualche misterioso motivo, rivendicata tra le infrastrutture realizzate dal fascismo durante la visita del dittatore a Ronchi e Trieste, infatti, la stampa del regime, espose al duce e pubblicamente la realizzazione di strade, opere pubbliche variegate, gallerie, case popolari, bonifiche ecc, ma nessun riferimento, neanche minimo al campo di aviazione di Ronchi, costruito in tempo record. 
Comunque sia, sarebbe interessante capire se i lavori , per riportare alla luce quello che è ancora coperto, pare da soli 60 cm di terra, all'interno dell'area aeroportuale, avranno mai luogo.Abbiamo tante risorse artistiche e culturali in questo Paese, ed il Friuli Venezia Giulia con i suoi 127 siti è una Regione che potrebbe vivere molto di e con il turismo.

 Non si può vivere certamente di nostalgia ma neanche di ignoranza, e l'arte e la cultura devono diventare cibo quotidiano, un cibo che non deve mai saziare, ma questo cibo deve essere preparato e cucinato bene e con amore ed anche passione  oltre che con competenza altrimenti rimarrà solo un sapore aspro e disgustoso e quel cibo non lo vorrai più assaggiare.




Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

D'Annunzio e gli slavi: "il flutto della barbarie schiava giungerebbe su Trieste"

19 ottobre 1919 una lettera che ha come destinatari principali i fiumani dal titolo Italia e Vita. Una lettera dove emergono concetti ed aspetti che connoteranno quell'imperialismo italiano che porterà all'invasione del Balcani con tutte le conseguenze nefaste che la storia ci ha ben insegnato. Una lettera, con un linguaggio semplicemente incomprensibile  in molti passaggi, e con uno stile assurdo, dove si eleva bene quel senso di disprezzo verso gli slavi che verrà rimarcata dal poeta amante della guerra in diverse occasioni.  Un D'Annunzio che esalta lo spirito degli italiani che hanno difeso l'italianità di Fiume, del Carnaro, dove " voi spiegaste nel vento del Carnaro il tricolore italiano, in faccia ai Croati che dal governatore ungaro avevano ricevuto il potere civico per inizio di quella frode più tardi proseguita sopra le navi imperiali in Pola nostra."
Uno spirito dell'italianità che sarebbe stato presente in diverse località, "per le coste…