Passa ai contenuti principali

Lavoro: si rischiano sino a otto anni di precarietà continuativa



Mi chiedo a cosa serve ancora oggi riportare la seguente formula, come indicata nel decreto Legislativo 6 settembre 2001, n. 368:  “ Il contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato costituisce la forma comune di rapporto di lavoro? Frase, che sarebbe anche un principio di diritto, che ha modificato quella pregressa “il contratto di lavoro subordinato è stipulato di regola a tempo indeterminato”. Dunque da regola a formula comune e da formula comune a indeterminatezza nel suo essere determinato, come determinata è la precarietà. La nuova riforma sul tempo determinato deve essere necessariamente letta in correlazione con il contratto di apprendistato. Contratto che nei peggiori di casi potrà arrivare sino a cinque anni, come il caso dei profili professionali caratterizzanti la figura dell’artigiano individuati dalla contrattazione collettiva di riferimento, e comunque, arriva di norma nelle più comuni forme di apprendistato sino a tre anni. Certo, sull'apprendistato vi sarebbe molto da dire. 
Quante volte è capitato di leggere cartelli con scritto “ cercasi apprendista con esperienza”?
Finito l'apprendistato che può partire dai quindici anni ed è possibile, nelle sue diverse articolazioni, sino ai ventinove anni, nulla osta che il tuo datore di lavoro possa assumerti a tempo determinato per ulteriori tre anni e senza causale. Infatti, ora è consentita l'apposizione di un termine alla durata del contratto di lavoro subordinato di durata non superiore a trentasei mesi, comprensiva di eventuali proroghe, concluso fra un datore di lavoro o utilizzatore e un lavoratore per lo svolgimento di qualunque tipo di mansione, sia nella forma del contratto a tempo determinato, sia nell'ambito di un contratto di somministrazione a tempo determinato ai sensi del comma 4 dell'articolo 20 del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276 ed il numero complessivo di rapporti di lavoro costituiti da ciascun datore di lavoro a tempo determinato non può eccedere il limite del 20 per cento dell'organico complessivo.  Insomma nei casi più estremi ben si potrebbe arrivare ad otto anni di precariato continuativo, ma a parer mio saranno molto più diffusi quelli di sei anni, tre anni tipici di apprendistato e tre anni a tempo determinato.
I lavoratori come reagiranno?
Certamente nella crisi economica attuale figlia delle note speculazioni finanziarie e bancarie e non figlia della crisi del capitalismo, preferiranno un rapporto di lavoro continuativo di diversi anni piuttosto che uno a spezzatino, perché non hai mica scelta, stesso discorso ovviamente vale per le aziende le quali per ben sei anni potranno avere a disposizione lo stesso lavoratore, senza dover provvedere a formare ogni volta ex novo lavoratori e potranno spremerlo sino all'estremo con la promessa che alla fine del lungo rapporto di lavoro precario potrà ottenere la sospirata assunzione. Potrà, potrà e potrà, ma cosa potrà realmente il lavoratore?
Tra produttività, competizione, insomma un bel regalo alle aziende che per diversi anni vivranno sonni tranquilli, mentre per i lavoratori l'incubo della scadenza del termine verrà solamente spostato di qualche anno. Tutto, in questo melodramma del sistema, qua.  Alla fine del rapporto di lavoro precario, il lavoratore avrà sempre la possibilità di adire le vie della giustizia per chiedere la conversione del contratto di lavoro continuativo in tempo indeterminato, ma le strade saranno molte più complesse ed articolate, tenendo conto che venendo meno la causale, enorme conquista per il sistema produttivo,  che era l'elemento giuridico che garantiva un minimo di vigilanza verso l'abuso di questo strumento contrattuale, il lavoratore sarà meno tutelato ed ovviamente da qui ai prossimi anni certamente anche l'aspetto processuale si adeguerà a questa situazione e non è detto, visto i pregressi, che l'adeguamento sia a tutela dei lavoratori. Basta pensare che oggi sono chiamati a pagare i contributi unificati, pagano le spese legali in caso di soccombenza, insomma l'accesso alla giustizia è più difficile ed il lavoratore parte contrattuale debole oggi è parte debolissima e neanche più contrattuale. 
Hanno ottenuto quello che volevano. Stabilizzato la precarietà, nel senso che è la comune forma di rapporto di lavoro, ridotto i diritti, incrementato i doveri, giocheranno con le illusioni e le speranze dei lavoratori i quali solamente alla fine di questo lungo ciclo, quando riceveranno una pedata nel sedere, perché il tempo limite sarà scaduto, capiranno la fregatura sostanziale delle cose.
Certo, mai fare con tutto il fieno lo stesso covone, però le premesse per una nuova e lunga stagione di precarietà ci sono tutte, ed il dramma è che i lavoratori accetteranno ciò per il semplice fatto che è meglio una precarietà a lungo termine piuttosto che una a breve termine.Oramai si ragiona al momento breve, la prospettiva di lunga durata non vi è e quello che sarà tra tre o sei anni, beh, è fortemente condizionato dalla tipica mentalità italiana, chi vivrà vedrà. Peccato che saranno le omissioni o le azioni del presente a determinare quel futuro che non stiamo edificando e neanche pensando come semplice idea. Per esempio, la nuova generazione non viene neanche sfiorata dalla preoccupazione del diritto  alla pensione.
Insomma è anche responsabilità nostra se il contratto a tempo indeterminato si è perso nella sua indeterminatezza ed è incatenato ad una società che è causa della precarietà, dei ricatti e della debolezza di quella classe sempre più disordinata ed individualista, quale quella dei lavoratori.
Oggi la vera causale che può determinare la nascita, lo sviluppo e la morte di un rapporto di lavoro, è la precarietà nella precarietà.
Amen.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Iera una volta...il mercato di Ronchi

Iera una volta il mercato di Ronchi. Questa è oramai una constatazione di fatto che vivi nei mercoledì ronchesi, giorno per eccellenza del mercato. I mercati sono sopravvissuti ai secoli, alle guerre, al progresso, all'avvento dei grandi centri commerciali che hanno risucchiato nel buco nero della depressione economica i piccoli commercianti, con città sempre più svuotate con il paradosso che vedrai le città finte, create ad hoc per il commercio, essere strapiene.

I mercati resistono, ma faticano a sopravvivere soprattutto quando arriva l'ultimo mercoledì del mese, quando i soldi son già finiti e per le strade del mercato vedrai sempre meno gente.

Un mercato che ha una sua storia importante, noto soprattutto per la sua energia, vitalità, socialità, che paga probabilmente il prezzo di diverse problematicità, da quelle logistiche alla crisi sociale ed economica che si è scagliata su questo Territorio che pur avendo potenzialità enormi per alzare la testa, in questo momento sto…