Passa ai contenuti principali

San Dorligo della Valle o Dolina?



Ho da poco pubblicato un post per il sito curato dal collettivo Wu Ming dal seguente titolo: DaRonchi «dei Legionari» a Ronchi dei Partigiani. Di cos’è il nome un nome?
Partendo dalla Calabria raggiungeremo Fiume per poi fermarci a Ronchi dei Legionari, provincia di Gorizia. Attraverso una lettura critica dell’impresa di occupazione fiumana e del personaggio D’Annunzio, metteremo in discussione la denominazione «dei Legionari», cercando di restituire la giusta dignità a un luogo, a una comunità, a una cittadina che ha lottato contro il fascismo, per quella libertà che va difesa anche attraverso i simboli, proprio quello che ci accingiamo a fare. In uno dei commenti apparsi, lo storico e studioso triestino, Piero Purini,
autore, tra le tante cose di “metamorfosi etniche I cambiamenti di popolazione a Trieste, Gorizia, Fiume e in Istria. 1914-1975” così scrive: “A quanto ne so, per cambiare la denominazione di un paese non basta nemmeno il referendum della popolazione residente: ci vuole uno specifico provvedimento del parlamento. Ad esempio Dolina in provincia di Trieste, una decina di anni fa ha modificato la propria denominazione imposta dal fascismo (San Dorligo della Valle) imposta dopo il 1918 attraverso un referendum a cui la popolazione locale partecipò e votò con percentuali “bulgare” a favore del cambio. Ora, nel paese, ci sono tutti i cartelli che riportano il nome “Dolina”, ma sia in autostrada che nelle carte geografiche resta il nome “San Dorligo” perchè non c’è una legge del parlamento che sancisca la decisione popolare. Dunque temo che una decisione analoga per quanto riguarda Ronchi risulti alquanto difficile”. Facendo una breve ricerca emerge che nel nel XVI secolo si inizia ad affermare, per questa località, il nome di San Dorligo, pur essendo sempre noto con il nome sloveno Dolina che significa valle. Ma nel 1923 assunse ufficialmente la denominazione di San Dorligo della Valle. Però il 3 luglio 2002, dopo un referendum popolare, al centro abitato veniva restituita la denominazione di Dolina, ma a livello nazionale rimarrebbe la denominazione San Dorligo della Valle.
Nel sito del Ministero dell'Interno, ad esempio, più volte emerge la sola indicazione San Dorligo della Valle.
Ed è logico che nell'immaginario collettivo, anche per semplificazione comunicativa, specialmente per chi non è di queste parti, quel comune verrà chiamato semplicemente San Dorligo della Valle ed identificato come tale.
Eppure con la consultazione referendaria i cittadini elettori del Comune esprimono la loro volontà ed i loro orientamenti in merito a temi, iniziative, programmi e progetti di interesse generale della comunità. E la Corte Costituzionale , con la sentenza 19.07.2004 n° 237 ricorda e ribadisce che per modificare la denominazione del comune occorre sentire le popolazioni interessate, con l'obbligo quindi, di procedere a tal fine mediante referendum. Ora, sappiamo bene che i referendum in Italia vengono spesso raggirati. Ad oggi la popolazione, in Dolina, è in maggioranza di madrelingua slovena. Il Cambio della denominazione è avvenuto, più che, come accaduto per Ronchi nell'ottica della romanizzazione dell'Italia fascista, probabilmente primo comune a mutare nome anche per tale spirito, per sanzionare la comunità slovena e ribadire il carattere dell'italianità di quel luogo in armonia con la pseudo tradizione religiosa essendo san Dorligo una sorta di storpiatura di Sant'Ulderico patrono del paese . Nello Statuto del Comune, però, la denominazione sarà la seguente: Il Comune di San Dorligo della Valle – Občina Dolina. E pensare che uno dei motivi che ha determinato l'impresa di Fiume, come sostenuta dall'irredentismo, dalla massoneria che vedeva l'ultimazione del Risorgimento, e dal chiaro spirito nazionalistico, razzista, e più o meno imperialista precursore del fascismo, è stato il fatto che a Fiume la maggioranza della popolazione lì residente fosse italiana.



Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…