Passa ai contenuti principali

San Dorligo della Valle o Dolina?



Ho da poco pubblicato un post per il sito curato dal collettivo Wu Ming dal seguente titolo: DaRonchi «dei Legionari» a Ronchi dei Partigiani. Di cos’è il nome un nome?
Partendo dalla Calabria raggiungeremo Fiume per poi fermarci a Ronchi dei Legionari, provincia di Gorizia. Attraverso una lettura critica dell’impresa di occupazione fiumana e del personaggio D’Annunzio, metteremo in discussione la denominazione «dei Legionari», cercando di restituire la giusta dignità a un luogo, a una comunità, a una cittadina che ha lottato contro il fascismo, per quella libertà che va difesa anche attraverso i simboli, proprio quello che ci accingiamo a fare. In uno dei commenti apparsi, lo storico e studioso triestino, Piero Purini,
autore, tra le tante cose di “metamorfosi etniche I cambiamenti di popolazione a Trieste, Gorizia, Fiume e in Istria. 1914-1975” così scrive: “A quanto ne so, per cambiare la denominazione di un paese non basta nemmeno il referendum della popolazione residente: ci vuole uno specifico provvedimento del parlamento. Ad esempio Dolina in provincia di Trieste, una decina di anni fa ha modificato la propria denominazione imposta dal fascismo (San Dorligo della Valle) imposta dopo il 1918 attraverso un referendum a cui la popolazione locale partecipò e votò con percentuali “bulgare” a favore del cambio. Ora, nel paese, ci sono tutti i cartelli che riportano il nome “Dolina”, ma sia in autostrada che nelle carte geografiche resta il nome “San Dorligo” perchè non c’è una legge del parlamento che sancisca la decisione popolare. Dunque temo che una decisione analoga per quanto riguarda Ronchi risulti alquanto difficile”. Facendo una breve ricerca emerge che nel nel XVI secolo si inizia ad affermare, per questa località, il nome di San Dorligo, pur essendo sempre noto con il nome sloveno Dolina che significa valle. Ma nel 1923 assunse ufficialmente la denominazione di San Dorligo della Valle. Però il 3 luglio 2002, dopo un referendum popolare, al centro abitato veniva restituita la denominazione di Dolina, ma a livello nazionale rimarrebbe la denominazione San Dorligo della Valle.
Nel sito del Ministero dell'Interno, ad esempio, più volte emerge la sola indicazione San Dorligo della Valle.
Ed è logico che nell'immaginario collettivo, anche per semplificazione comunicativa, specialmente per chi non è di queste parti, quel comune verrà chiamato semplicemente San Dorligo della Valle ed identificato come tale.
Eppure con la consultazione referendaria i cittadini elettori del Comune esprimono la loro volontà ed i loro orientamenti in merito a temi, iniziative, programmi e progetti di interesse generale della comunità. E la Corte Costituzionale , con la sentenza 19.07.2004 n° 237 ricorda e ribadisce che per modificare la denominazione del comune occorre sentire le popolazioni interessate, con l'obbligo quindi, di procedere a tal fine mediante referendum. Ora, sappiamo bene che i referendum in Italia vengono spesso raggirati. Ad oggi la popolazione, in Dolina, è in maggioranza di madrelingua slovena. Il Cambio della denominazione è avvenuto, più che, come accaduto per Ronchi nell'ottica della romanizzazione dell'Italia fascista, probabilmente primo comune a mutare nome anche per tale spirito, per sanzionare la comunità slovena e ribadire il carattere dell'italianità di quel luogo in armonia con la pseudo tradizione religiosa essendo san Dorligo una sorta di storpiatura di Sant'Ulderico patrono del paese . Nello Statuto del Comune, però, la denominazione sarà la seguente: Il Comune di San Dorligo della Valle – Občina Dolina. E pensare che uno dei motivi che ha determinato l'impresa di Fiume, come sostenuta dall'irredentismo, dalla massoneria che vedeva l'ultimazione del Risorgimento, e dal chiaro spirito nazionalistico, razzista, e più o meno imperialista precursore del fascismo, è stato il fatto che a Fiume la maggioranza della popolazione lì residente fosse italiana.



Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…