Passa ai contenuti principali

Monfalcone: l'importanza del mediatore culturale, una funzione da potenziare



Il Decreto del Ministero dell'Interno del 23 aprile 2007 recepisce pienamente la Carta dei valori della cittadinanza e dell'integrazione. Tra alcuni principi importanti emergono quelli che vorrebbero l'Italia come impegnata sul rispetto della dignita' umana , ispirata ai principi di liberta' ed eguaglianza validi per chiunque si trovi a vivere sul territorio italiano. Partendo dalla Costituzione, l'Italia ha partecipato alla costruzione dell'Europa unita, almeno sulla carta, e delle sue istituzioni. I Trattati e le Convenzioni europee contribuiscono a realizzare, sempre sulla carta, i diritti umani e l' eguaglianza e solidarieta' tra i popoli. Con quella carta l'Italia si impegna perchè  qualsiasi persona sin dal primo momento in cui si trova sul territorio italiano possa fruire dei diritti fondamentali, senza distinzione di sesso, etnia, religione, condizioni sociali. Il Comune di Monfalcone, come tanti altri Comuni italiani, tramite una convenzione con la Provincia di Gorizia e tramite finanziamenti regionali garantisce il Servizio di Mediazione che si rivolge a tutti i cittadini stranieri – con una particolare attenzione alle nazionalità maggiormente presenti in questo momento in città (bengalesi e area balcanica) – e agli operatori dei diversi uffici comunali che lavorano a diretto contatto con il pubblico.


Gli obiettivi principali di tale servizio sono vari, come l' accompagnamento ed orientamento dei cittadini stranieri nel rapporto con gli uffici comunali e pubblici in generale, fornire informazioni, affiancare, su richiesta, gli assistenti sociali ed eventuali altri figure tecniche nei colloqui con adulti e minori stranieri in situazioni di bisogno; operare all’interno di specifici progetti che mirino a migliorare la comunicazione e a favorire l’inserimento e l’inclusione sociale delle famiglie e dei minori nell’ambito dei diversi percorsi formativi scolastici e culturali. Purroppo, la Giunta Tondo, dopo soli tre mesi dal suo insediamento, la prima cosa che ha fatto è stata quella di abrogare la  La l.r. 5/2005 del FVG sull'immigrazione che tra le altre cose  prevedeva anche l'istituzione di un albo regionale dei mediatori culturali, reputato da tanti, come un valido strumento di controllo a garanzia della professionalità delle persone che operavano in quel settore. Purtroppo la demagogia ed i pregiudizi sempre più diffusi ma infondati hanno avuto la meglio, ed  è importante che si provveda quanto prima  al suo ripristino.
Quello del mediatore culturale è un ruolo difficile, che spesso è affiancato anche dall'associazionismo, però se andiamo a vedere l'Albo dell'Associazionismo aggiornato a dicembre 2013 del Comune di Monfalcone, su 292 associazioni sono pochissime quelle che operano nell'ambito dell'integrazione sociale ed immigrazione, ed un motivo vi sarà. Eppure la Legge n. 383 del 7.12.2000 riconosce il valore sociale dell’ associazionismo liberamente costituito e delle sue molteplici attività come espressione di partecipazione, solidarietà e pluralismo; ne promuove lo sviluppo in tutte le sue articolazioni territoriali, nella salvaguardia della sua autonomia; favorisce il suo apporto originale al conseguimento di finalità di carattere sociale, civile, culturale e di ricerca etica e spirituale. Sarebbe importante a tal proposito incentivare l'associazionismo a favore degli immigrati, proprio per migliorare le politiche reali di integrazione sociale.
E' importante da un lato ampliare le funzioni del mediatore culturale, che a parer mio, visti gli ultimi casi eclatanti di intolleranza ed anche qualcuno di razzismo, manifestati nei confronti della comunità bengalese di Monfalcone, dovrebbero coinvolgere anche gli autoctoni, specialmente per quanto concerne i problemi di mancata comunicazione tra le diverse comunità ma anche per demolire quei pregiudizi che spesso nuotano nella mente di molti italiani.
Ed in questo tempo di crisi, di austerità, dove da un lato vedi gli attacchi del grande capitalismo che risucchia la piccola economia e dall'altro l'ignoranza dilagare ed alimentare pregiudizi che sfociano in intolleranza, è fondamentale potenziare il servizio della mediazione culturale, perché gli immigrati sono i primi ad essere attaccati e presi di mira da soggettività variegate che disconoscono con i loro pregiudizi e modi di fare i principi fondamentali fondanti non solo la nostra costituzione ma anche quelli della solidarietà tra popoli e comunità, principi che dovrebbero essere difesi e rivendicati da tutti, specialmente in questa piccola ma delicata fetta di terra, senza dimenticare che l'immigrazione non è un problema, e non deve esserlo, ma è una risorsa .



Marco Barone  

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …