Passa ai contenuti principali

'Ndrangheta Town




Attraversi oltre otto mille anni di storia
camminando su questo rude e vecchio asfalto,
silenzi di mare ti rapiscono in lontananza,
lì il Golfo di Lamezia,
là lo Stromboli fumante ed indifferente,
qui io con le mani nella tasca,
pensieri senza una direzione definita,
e cammini.
Cammini sfiorando le mura greche,
cammini oltrepassando ciò che rimane del Tempio di Proserpina,
cammini tra ville romane, mosaici e mura sepolte
da una civiltà che ha fatto della inciviltà il suo unico senso di abitudine.
Abitudine all'inciviltà.
Lì in alto il castello Normanno Svevo,
qui in basso i simboli ed altari di quel fascismo che
da queste parti non è stato poi tanto ripudiato,
anzi anzi è anche onorato.
Storia e malesseri sociali,
in una crisi che mai crisi qua è stata,
perché tanto al peggio non c'è mai fine,
e tu sai
che abituato sei al non lavoro
e per campare si può sempre sperare
nel giusto suono delle campane.
Ma mille ed infinite automobili giostrano per la città,
sì non avendo nulla da fare sali in macchina e giri e giostri con il tempo.
Tanti e più girotondi.
Telefonino in mano, sigaretta accesa, musica a volume che stordisce anche chi
chiuso nella sua omertà dice che nulla ha mai sentito perchè, per tendenza, sordo,
ma che tutto vuol sapere della tua vita
ma che nulla ti dirà della sua di vita,
e la tua schiena lentamente scivolerà verso i pedali,
il tuo mento verso il volante,
perché tanto non hai nulla da fare,
e tra arguzie e peripezie cerchi la posizione
tra il mistico e teatrante
E giri e giri,
e mangi e mangi,
e giri e giri, e mangi e mangi
e poi dormi.
E poi 'ndrine e raccomandazioni
per una città che ha dimenticato la sua antica storia
per adattarsi ad un tempo
dell'ognuno pensi a se stesso
comunque e con ogni mezzo.
D'altronde basta una preghiera,
l'atto di dolore,
tre Ave Maria ed un Padre Nostro,
un cero per la spada dell'arcangelo San Michele
per liberare la propria coscienza da quel senso di peccato
che punge la dignità sociale
senza mai scuoterla a dovere,
perché l'onore ed il piacere
son il paciere
di questa 'ndrangheta Town




Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

L'Italia continua ad essere maglia nera in Europa nel settore dell'istruzione, altro che buona scuola

I 22 paesi dell’UE membri dell’OCSE sono: Austria, Belgio, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Regno Unito, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria. Il rapporto per il 2016 dell'OCSE   presentava, con riferimento all'Italia, un quadro deprimente. Tra gli obiettivi prioritari vi erano la necessità di invertire la tendenza negativa nel finanziamento dell’istruzione; di formare, motivare e rinnovare il corpo docente; di aumentare il numero degli studenti iscritti all’istruzione terziaria, in particolare ai programmi di ciclo breve a indirizzo professionalizzante per un accesso più facile al mondo del lavoro. Nell'arco temporale 2008/2014  la spesa per l’istruzione è diminuita significativamente. Nel 2013 la spesa totale (pubblica e privata) per l’istruzione è stata tra le più basse degli Stati presi in esame, ossia pari al4% del PIL rispet…