Passa ai contenuti principali

Il Comune di Ronchi dei Legionari si attiva per revocare la cittadinanza a Mussolini



Apprendo dal Piccolo del 9 dicembre 2013 che il Sindaco di Ronchi dei Legionari insieme al consiglio comunale si attiverà presto per revocare la cittadinanza onoraria a Benito Mussolini. Ciò consegue, probabilmente, ad una mia iniziativa intrapresa il 15 novembre 2013 quando provvedevo ad inoltrare al Comune di Ronchi dei Legionari, via pec mail, una istanza di accesso agli atti, formulando i seguenti quesiti: Rilevato che risulta che in data 17 maggio 1924 il Consiglio Comunale di Ronchi , allora vigente, convocato in via straordinaria, deliberò di nominare Benito Mussolini “ cittadino onorario di Ronchi di Legionari”
Si Chiede, ai sensi della legge 241/90 e successive modifiche ed integrazioni di venire a conoscenza se
1) Benito Mussolini è stato effettivamente nominato cittadino onorario di Ronchi dei Legionari;
2) Quando la deliberazione della citata nomina è avvenuta;
3) Se ad oggi Benito Mussolini risulta essere ancora cittadino onorario di Ronchi dei Legionari;
4) In caso contrario quando e con quale atto è stata deliberata o disposta le revoca della nomina di cittadino onorario nei confronti di Benito Mussolini

Si chiede pertanto, ai sensi della legge 241/90 di avere visione e copia della documentazione di cui al punto 1,2, 3, 4 e delle modalità di accesso, od in alternativa è sufficiente la sola risposta, ai quesiti come posti(1,2,3,4) con anche l'indicazione degli estremi degli atti ivi citati, che il Comune di Ronchi dei Legionari e l'ufficio competente vorrà, cortesemente, porre alla mia attenzione come riscontro alla presente istanza.

La risposta è giunta in modo pubblico. La mia iniziativa, come semplice cittadino della Repubblica italiana e militante antifascista, maturata dopo la lettura del libro di Silvio Domini "Ronchi dei Legionari", aveva lo scopo di sollevare il problema e di restituire a Ronchi la giusta dignità. Questo è un primo passo, perché vi sono altre questioni che andranno affrontate e verranno affrontate al momento opportuno.
E' il caso di ricordare che la cittadinanza onoraria a Mussolini venne conferita per sollecitare la modifica del nome di Ronchi in Ronchi dei Legionari il 17 maggio del 1924.  Gli interessati deliberarono  nella seduta del Consiglio Comunale straordinario di Ronchi di nominare Benito Mussolini “ cittadino onorario di Ronchi di Legionari” il quale il 2 novembre del 1925 con il Regio Decreto firmato da Rocco e pubblicato nella G.U n° 283 del 5 dicembre 1925 decretò il nome Ronchi dei Legionari ed il 20 settembre 1938 si fermò a Ronchi dei Legionari, dopo la proclamazione delle Leggi Razziali a Trieste, proprio per consacrare la fascistizzazione del nuovo nome in armonia con la fascistizzazione dell'Italia razzista.  Si deve precisare che la decisione di consacrare il nome di Ronchi ai legionari di D'annunzio, all'impresa di Occupazione ed italianizzazione di Fiume, coincide con il periodo delle leggi fascistissime.
Ringrazio il Sindaco di Ronchi, il Comune, e tutti coloro che si sono attivati per affrontare e risolvere questo problema, e mi auguro che la cittadinanza di Ronchi possa pronunciarsi positivamente su tale questione decidendo di revocare la cittadinanza onoraria a Mussolini. Ciò perché la cittadinanza onoraria a Mussolini è un problema specialmente a Ronchi e per Ronchi città che ha vissuto immensi sacrifici per la libertà e la resistenza.

Caso Mussolini, Anpi soddisfatta

RONCHI DEI LEGIONARI Tante le reazioni alla proposta, avanzata nei giorni scorsi, di revocare la cittadinanza onoraria concessa nel 1924 da Ronchi dei Legionari a Benito Mussolini. E tutte vanno a favore di questa “risoluzione”, della quale sarà chiamato ad esprimersi il Consiglio comunale. «Sono ovviamente favorevole – commenta il presidente dell’Anpi, Paolo Zonta – visti i nostri trascorsi e visto l’anacronismo di questo atto che, ormai, non ha più ragione di esistere. Appoggiamo la volontà del sindaco ed auspichiamo che ci sia un ampio coinvolgimento prima che questo atto diventi operativo». Che si tratti di un percorso “formale” e non risolutivo di qualche problema che attanaglia la città lo pensano in molti, che in queste ore si sono “scatenati” anche sui social network e così il consigliere di “Città Comune per…”, Umberto Miniussi, auspica che ci sia discussione, ma che essa si incentri sulla storia locale e non sulla pura e semplice ideologia che non porterebbe da nessuna parte. «Anche alla luce di quello che ha rappresentato la lotta di Liberazione nella storia della città – dice Luigi Bon di Rifondazione comunista - l’atto della revoca della delibera che nomina Benito Mussolini cittadino onorario è un atto di rispetto nei confronti dei caduti della Resistenza del nostro territorio. Pare che il sindaco sia intenzionato a presentare una delibera che vada nella direzione della revoca. Se non ci sarà l’atto il sottoscritto consigliere lo presenterà in una delle prime sedute utili del 2014». E intanto, proprio su Facebook, prende piede un gruppo che punta anche a cancellare il nome dei Legionari e far diventare Ronchi dei Partigiani. «Ringrazio il sindaco e tutti coloro che si sono attivati per affrontare e risolvere questo problema – afferma Marco Barone - e mi auguro che la cittadinanza possa pronunciarsi positivamente su tale questione decidendo di revocare la cittadinanza onoraria a Mussolini. Ciò perché la cittadinanza onoraria a Mussolini è un problema per una città che ha vissuto immensi sacrifici per la libertà e la Resistenza». (lu.pe.)



Commenti

  1. Ma siamo nel Ventunesimo secolo,la guerra è finita da quasi 70 anni e tu qua a rimestare cose di 90 anni fa, facendotene vanto anche! Vivi di luce riflessa, se non ci fossero queste cose non esisteresti, ti cerchi nemici pericolosi da additare al pubblico ludibrio e ti credi di essere Catone il Censore, mentre sei solo una povera mosca cocchiera che si nutre di questo ciarpame storico. Ma va' a lavorare,va' e pigliati una camomilla.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…