Passa ai contenuti principali

A quando l'audizione della Commissione Regionale sul caso centro prelievi di Cattinara?


Una mattina qualunque decidi di recarti al centro prelievi dell'Ospedale Maggiore di Trieste.
Hai appuntamento con Claudio Visintin, semplice cittadino che da mesi, insieme ad altri cittadini, si batte per la riapertura del centro prelievi di Cattinara.
Parto da Roiano, primissima mattinata, ma a piedi.
Perché gli autobus sono affollatissimi, perché il traffico cittadino è caotico ma soprattutto perché nei pressi dell'Ospedale Maggiore è praticamente difficile trovare un parcheggio libero e poi sono tutti a pagamento. Infatti, il Parcheggio “Ospedale Maggiore”, sito in Via Pietà n.7, dispone, a pagamento, di 593 posti macchina e oltre 70 posti moto, ed inoltre sono disponibili parcheggi a pagamento, a rotazione, nelle vie perimetrali dell'Ospedale. Mentre a Cattinara in Strada di Fiume tra l’entrata pedonale dell’Ospedale e la rampa di accesso al Pronto Soccorso, vi sono 170 posti auto a pagamento però i primi trenta minuti sono gratuiti, così come vi sono anche 66 posti liberi all'ingresso del Polo Cardiologico e dunque la differenza emerge. Ma non avendo problemi fisici, posso permettermi di attraversare strade inquinate ed anche a passo spedito.Così non è per tutti gli anziani che giungono dalla periferia triestina o dal Carso.
E la periferia triestina è immensa.
Varchi l'entrata dell'Ospedale, segui le indicazioni e giungi nel corridoio in attesa del turno.
E' necessario avere l' etichetta con il codice a barre, e l’impegnativa del Medico curante.
Il tabellone luminoso, che servirebbe a smaltire la fila, è spento, non operativo, ma sarà una infermeria a svolgere tutto il lavoro, anche quello del tabellone luminoso.
Una sedia, un tavolo con centinaia di bigliettini di carta e l'infermeria, con cortesia, indicherà la tua fascia oraria e poi ti accompagnerà personalmente presso una delle sei stanze dove effettuerai il prelievo.
Ed andrà avanti così per tutta la giornata.
Pazienti che vengono, pazienti che vanno.
Intensità del lavoro incrementata.
Vige una sorta di rassegnazione da chi giunge dalla periferia e che per ovvie comodità trovava più funzionale lo sportello di Cattinara oggi destinato ai pazienti che devono esser sottoposti a esami preoperatori e per i percorsi diagnostici sul personale sanitario che viene sottoposto alla sorveglianza sanitaria per le norme della tutela della sicurezza sull’ambiente di lavoro.
Lì vi erano le tende che separavano i vari spazi.
Qui al Maggiore invece delle stanze.
Una riorganizzazione che dovrebbe comportare dei risparmi, certo, visto che alla fine è sempre nella Sanità che si va a colpire, ma sinceramente mi sfuggono i benefici complessivi di questa riorganizzazione e l'entità dei risparmi.
Era ed è così difficile riorganizzare il Centro prelievi di Cattinara così come ora operante al Maggiore e con le stesse modalità previste per il Maggiore? Perché creare disagi ad una popolazione, prevalentemente anziana, che merita rispetto e tutela?
Ed infine sarebbe interessante capire quanto il settore privato abbia tratto beneficio da questa riorganizzazione. Eppure nel 2011 L'Azienda Ospedaliero Universitaria OO.RR. (Ospedale Cattinara) ha ottenuto la conferma dell'accreditamento Joint Commission International per il triennio 2011-2014. Eppure l’Azienda Sanitaria Triestina vuole tra i suoi punti etici la centralità della persona ed in relazione alla capacità del sistema di mantenere o recuperare lo stato di salute del paziente, rileva che ciò si consegue “garantendo una risposta assistenziale di elevato livello tecnico e professionale in grado di soddisfare i suoi bisogni”. Si attende dunque una giusta pressione sociale e politica, se questo problema, che a parer mio è un problema per chi viene dalla periferia ed è anziano, è emerso, è grazie in primis al lavoro volontario,alle segnalazioni, fatte da semplici cittadini, ma ora è il turno della politica. La Commissione Regionale competente deve riunirsi nuovamente e pretendere la riapertura del centro prelievi di Cattinara e con la stessa organizzazione attualmente operante presso il locale presidio ospedaliero del Maggiore.





Commenti

Post popolari in questo blog

Nova Gorica interrompa i rapporti con Gorizia

Non è la prima volta e non sarà forse neanche l'ultima volta che Gorizia e l'Italia dovranno vivere un sabato nero. Ricevere certi nostalgici è un qualcosa di veramente incomprensibile che continua a trovare spazio e legittimazione in una zona di confine come questa che ha conosciuto più che altrove le barbarie compiute soprattutto contro gli sloveni. Non è un caso che anche Gorizia ha avuto il suo Narodni dom. Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, entrarono violentemente nelle sale del Trgovski Dom, gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri, documenti, mobili,oggetti, simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia. E' inaccettabile che nella Repubbli…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Crisi Eaton Monfalcone un fronte unico per mantenere lo stabilimento

Nel consiglio comunale straordinario di Monfalcone, convocato per la questione Eaton, sono emerse con estrema chiarezza alcuni punti fermi per i lavoratori, forse non molto fermi per una certa politica. E' emerso con evidenza la necessità di essere tutti uniti, che ognuno faccia il proprio dovere nei limiti delle proprie possibilità e funzioni, perchè a Monfalcone la "crisi" Eaton intendendosi per crisi la scelta unilaterale aziendale di chiudere baracca per andare altrove, è effettivamente un qualcosa che ancora non è stato forse compreso bene da tutti dove può portare.  Quando si dice che oltre 200 famiglie andranno in condizione di povertà, di precarietà totale, che si aggiungeranno già ad altre migliaia di famiglie senza lavoro, in una provincia maglia nera per l'occupazione, quale quella goriziana, significa dire che la situazione effettivamente ha delle potenzialità implosive ed esplosive sociali enormi. Quella fabbrica ha una storia di lotte importanti nel m…