Passa ai contenuti principali

Vertice Italia Russia in una Trieste dalle zone rosse?



Il 26 novembre, dopo l'incontro in Vaticano tra Putin ed il Papa, e chissà quante armonie sui diritti negati alle coppie dello stesso sesso, si svolgerà il noto vertice tra Italia e Russia, ove saranno presenti diversi ministri, oltre che allo stesso Putin e Letta.
I motivi per effettuare delle contestazioni sono infiniti, dall'amianto, visto che la Russia è il primo produttore, ai diritti civili negati in entrambi i Paesi, alle politiche sul gas, alle politiche attuate dal Governo italiano su ogni fronte, dalla scuola al lavoro in primis, e così via discorrendo verso l'infinito malessere che ogni maledetto giorno uccide ogni tentativo di speranza.
Sembra di capire che Piazza dell'Unità d'Italia e Piazza della Borsa saranno i luoghi principali ad essere chiamati in causa, e mi domando saranno queste delle zone rosse, off limits per ogni normale contestazione, presidio, volantinaggio o semplice passaggio?
E' interessante sapere e vedere come gli organi istituzionali blinderanno Trieste, con enorme dispendio di risorse pubbliche finalizzate a garantire la solita mitica sicurezza che spegnerà ogni lume minimo di democrazia.
Tanto, diranno, si potrà manifestare nelle piazze vicine, nei rioni vicini, e perché no anche nelle città vicine od anche sulla luna.
Le zone rosse non mi sono mai piaciute.
Sono state sempre un fallimento.
Le zone rosse servono solo ad incentivare tensioni.
Le zone rosse sono provocazioni di uno Stato che teme se stesso, perché se è vero, come dovrebbe essere in una società civile e costituzionalizzata, che la sovranità appartiene al popolo e che il popolo è la componente determinante di uno Stato, perché mai lo Stato dovrebbe respingere se stesso?
Un bel complesso Statale, degno della miglior psichiatria.
Forse perché chi si arroga il diritto di rappresentare il popolo non rappresenta un bel niente se non se stesso e pochi ma certi e ben definiti interessi elitari?
Se Trieste, nel giorno del 26 novembre, avrà le zone rosse, sarà una macchia di vergogna, l'ennesima, per la storia di questa conflittuale e difficile città. Intanto, il circolo Arcobaleno arcigay ed arcilesbica di Trieste per  il 26 novembre 2013 in Piazza Ponterosso chiama la "piazza" così scrivendo: tutti conoscono Putin. Forse non tutti sanno che in Russia, soprattutto grazie a Putin e alla Chiesa ortodossa, ci sono ora delle leggi lesive della dignità umana. Due ragazze, due ragazzi non possono nemmeno tenersi per mano. Perché? Per il DIVIETO di PROPAGANDA OMOSESSUALE.  Questa legge è ormai presente da mesi in Russia, e c'è stata un'enorme crescita delle violenze omofobiche. Nel silenzio delle istituzioni. NOI desideriamo con forza continuare a denunciare queste violazioni dei DIRITTI UMANI LGBT. Per lesbiche, gay, bisessuali, transgender. Per tutti coloro che non hanno voce. E NON SOLO PER LORO. Per le Pussy Riots, Greenpeace, tutti gli attivisti e coloro che si oppongono alle soppressione e agli abusi dei diritti.





Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto