Passa ai contenuti principali

Vertice Italia Russia in una Trieste dalle zone rosse?



Il 26 novembre, dopo l'incontro in Vaticano tra Putin ed il Papa, e chissà quante armonie sui diritti negati alle coppie dello stesso sesso, si svolgerà il noto vertice tra Italia e Russia, ove saranno presenti diversi ministri, oltre che allo stesso Putin e Letta.
I motivi per effettuare delle contestazioni sono infiniti, dall'amianto, visto che la Russia è il primo produttore, ai diritti civili negati in entrambi i Paesi, alle politiche sul gas, alle politiche attuate dal Governo italiano su ogni fronte, dalla scuola al lavoro in primis, e così via discorrendo verso l'infinito malessere che ogni maledetto giorno uccide ogni tentativo di speranza.
Sembra di capire che Piazza dell'Unità d'Italia e Piazza della Borsa saranno i luoghi principali ad essere chiamati in causa, e mi domando saranno queste delle zone rosse, off limits per ogni normale contestazione, presidio, volantinaggio o semplice passaggio?
E' interessante sapere e vedere come gli organi istituzionali blinderanno Trieste, con enorme dispendio di risorse pubbliche finalizzate a garantire la solita mitica sicurezza che spegnerà ogni lume minimo di democrazia.
Tanto, diranno, si potrà manifestare nelle piazze vicine, nei rioni vicini, e perché no anche nelle città vicine od anche sulla luna.
Le zone rosse non mi sono mai piaciute.
Sono state sempre un fallimento.
Le zone rosse servono solo ad incentivare tensioni.
Le zone rosse sono provocazioni di uno Stato che teme se stesso, perché se è vero, come dovrebbe essere in una società civile e costituzionalizzata, che la sovranità appartiene al popolo e che il popolo è la componente determinante di uno Stato, perché mai lo Stato dovrebbe respingere se stesso?
Un bel complesso Statale, degno della miglior psichiatria.
Forse perché chi si arroga il diritto di rappresentare il popolo non rappresenta un bel niente se non se stesso e pochi ma certi e ben definiti interessi elitari?
Se Trieste, nel giorno del 26 novembre, avrà le zone rosse, sarà una macchia di vergogna, l'ennesima, per la storia di questa conflittuale e difficile città. Intanto, il circolo Arcobaleno arcigay ed arcilesbica di Trieste per  il 26 novembre 2013 in Piazza Ponterosso chiama la "piazza" così scrivendo: tutti conoscono Putin. Forse non tutti sanno che in Russia, soprattutto grazie a Putin e alla Chiesa ortodossa, ci sono ora delle leggi lesive della dignità umana. Due ragazze, due ragazzi non possono nemmeno tenersi per mano. Perché? Per il DIVIETO di PROPAGANDA OMOSESSUALE.  Questa legge è ormai presente da mesi in Russia, e c'è stata un'enorme crescita delle violenze omofobiche. Nel silenzio delle istituzioni. NOI desideriamo con forza continuare a denunciare queste violazioni dei DIRITTI UMANI LGBT. Per lesbiche, gay, bisessuali, transgender. Per tutti coloro che non hanno voce. E NON SOLO PER LORO. Per le Pussy Riots, Greenpeace, tutti gli attivisti e coloro che si oppongono alle soppressione e agli abusi dei diritti.





Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …