Passa ai contenuti principali

Scuola, il nuovo divieto di fumo ed il caso preposto



Nel 1934 con Regio Decreto veniva prescritto il divieto di fumo in luogo pubblico per i minori di 16 anni; nel 1975 la Legge n° 584 stabiliva il divieto di fumare nelle aule delle scuole di ogni ordine e grado. La Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 14.12.1995 ampliava l'applicazione del divieto a tutti i locali utilizzati, a qualunque titolo, dalla Pubblica Amministrazione ed alle Aziende Pubbliche per l'esercizio di proprie funzioni istituzionali, nonché dai privati esercenti servizi pubblici per l'esercizio delle relative attività purché si tratti di locali aperti al pubblico. Poi la Circolare n° 4 del 28.3.2001 "Interpretazione ed applicazione delle leggi vigenti in materia di divieto di fumo" preciserà il come deve essere applicato il divieto di fumo, poi la legge n°3 del 16.1.2003 che stabilisce il divieto di fumare nei locali chiusi ad eccezione di quelli privati non aperti ad utenti o al pubblico e quelli riservati ai fumatori e come tali contrassegnato ed infine l'articolo 4 DECRETO-LEGGE 12 settembre 2013, n. 104 che estende il divieto di fumo anche all'esterno della scuola purché pertinenza della stessa con l'espressa precisazione che il preposto incaricato non può rifiutare il detto incarico . Dunque il divieto di fumo nella scuola già sussisteva, ma era limitato all'interno degli edifici, perché ora si scatena il caos?Molti Dirigenti scolastici, nella propria autonomia e responsabilità dirigenziale, hanno partorito diverse circolari, alcune sintetiche, altre articolate, ma coincidono per lo più nella individuazione della figura del preposto che verrà incaricato ad applicare la norma ora in discussione. Il punto è che questa figura del preposto ed incaricato ad applicare le sanzioni in caso di violazione del divieto di fumo, che non può essere lo studente minorenne, viste le responsabilità in cui andrà in contro tale figura ed i poteri come riconosciuti per legge, già doveva esistere, già doveva essere formato, e perché solo ora invece è partita la corsa all'individuazione dell'incaricato? Come è noto la legge 16 gennaio 2003. n. 3 al punto 6 prevede che al fine di consentire una adeguata attivita' di informazione, da attivare d'intesa con le organizzazioni di categoria piu' rappresentative, le disposizioni di cui ai commi 1, 2, primo periodo, 3 e 5 entrano in vigore decorso un anno dalla data di entrata in vigore del provvedimento di cui al comma 2.  Il provvedimento in questione riguardava il divieto di fumo nei locali chiusi ed era già applicabile il disposto di cui alla direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri 14 dicembre 1995, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 11 del 15 gennaio 1996 al punto b prevede testualmente che i dirigenti preposti alle strutture amministrative e di servizio individueranno in ciascuna di esse uno o più funzionari incaricati di procedere alla contestazione di eventuali infrazioni, di verbalizzarle e di riferirne all'autorità competente, come previsto dalla legge 24 novembre 1981, n. 689. A ciò poi si deve anche aggiungere che nella determinazione della sanzione amministrativa pecuniaria fissata dalla legge tra un limite minimo ed un limite massimo e nell'applicazione delle sanzioni accessorie facoltative, si ha riguardo alla gravita' della violazione, all'opera svolta dall'agente per la eliminazione o attenuazione delle conseguenze della violazione, nonche' alla personalita' dello stesso e alle sue condizioni economiche. Non ogni lavoratore è preposto, ma solo quello che in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell'incarico conferitogli, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce l'attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa . E chi viene individuato come tale deve necessariamente essere formato come previsto dal dlgs 81/2008 all' art. 37 comma 7: il datore di lavoro fornisce al preposto, in azienda, una formazione adeguata e specifica e un aggiornamento periodico in relazione ai propri compiti i cui contenuti sono: • principali soggetti coinvolti e relativi obblighi • definizione e individuazione dei fattori di rischio • valutazione dei rischi • individuazione delle misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione. Il D.Lgs. 81/08, art. 28 comma 2d) esplica anche che il datore di lavoro deve provvedere all'individuazione delle procedure per l'attuazione delle misure da realizzare, nonche' dei ruoli dell'organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri. Ed allora vista la complessità della materia, in parte probabilmente inapplicata sino ad oggi, rilevato che le scuole devono provvedere, probabilmente a proprie spese, ad acquistare i cartelli da collocare in tutte le pertinenze delle istituzioni scolastiche, rilevato che si deve avviare una fase di informazione, e formazione specifica nei confronti dei preposti, che si devono definire i criteri con cui si individuano certi nominativi piuttosto che altri ed anche chi li sostituisce in caso di assenza, vista anche la proroga, come prevista nel 2003, per consentire alle organizzazioni di categoria più rappresentative di attivarsi in tal senso ed offrire anche le dovute informazioni e formazioni ai lavoratori, che in questo caso, quelli della scuola, si vedono imposti nuovi obblighi e nuove responsabilità ed anche rischiose, penso per esempio al criterio con cui questo definirà l'ammontare della sanzione e con quale discrezionalità, insomma il tutto non può che essere rinviato. Se così non sarà, se non vi sarà un trattamento uniforme, omogeneo, una informazione compiuta una formazione compiuta, si rischia di vivere la tipica situazione tutta italiana, scuola che andrai divieto e sanzione che troverai.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …