Passa ai contenuti principali

La Sardegna non sarà l'ultima volta. Accadrà ancora



Ciclone Cleopatra, piena millenaria, bombe d'acqua e corre ancora la fantasia che si scontra con quella realtà tipica del nostro maledetto Paese.
Hanno riscoperto la Sardegna.
Si sono accorti che la Sardegna è parte integrante dello Stato italiano.
Sono anni che in Sardegna si lotta e protesta contro una crisi sociale ed economica enorme, sono anni che si violenta il territorio, sono anni che si chiudono gli occhi, eppure la Sardegna ora è italiana.
Ma ancora per poco.
Da prima notizia, l'evento naturale che ha devastato un territorio e procurato, con la complicità di chi non ha provveduto a governare il territorio nel rispetto del buon senso e della natura, diverse e diversi  morti, diverrà seconda notizia, poi terza, e poi sarà solo una questione sarda.
Tutto ciò dovrebbe essere allucinante, eppure è accettato, eppure è la fottuta normalità di questo sistema.
Si devono cercare gli eroi.
Si devono cercare quelle storie che possono commuovere.
Si fotografano gli animali in difficoltà.
Si immortala l'indegno.
Copioni che si ripropongono ogni volta, tra omaggi, critiche, ed ipocrisia e poi tutto dimenticato.
Eppure ci sono delle vite uccise,ancora una volta, dalla solita incuria.
Ed ogni volta presentano il tutto come straordinario.
La straordinarietà che diventa normalità.
Dicono che questo è il momento del silenzio.
Nessun silenzio.
Non vi sono più lacrime da versare.
Vi è una rabbia enorme, quella rabbia che hanno fatto passare come la semplice voglia di tirarsi sul le maniche.
La Sardegna è Italia, lo è nel modo in cui si è svenduta quella terra,lo è nel modo in cui la si è trasformata in terra da turismo selvaggio per ricchi.
La natura è rabbiosa, funesta, si possono inventare, in pieno stile americano, mille e più nomi per catalogare eventi di un certo tipo, ma ogni evento ha una causa e la causa siamo noi.
Come dare torto a quelli che dicono che la Sardegna farebbe bene a mandare a quel Paese l'Italia, farebbe bene a staccarsi da un Paese che offre solo 20 milioni di euro, una elemosina indegna, da parte di un Paese che nulla ha fatto per evitare l'evitabile ed il prevedibile, perché tutto quello che è accaduto era prevedibile?
Io nel mio piccolo ho vissuto anche l'alluvione.
A Vibo, in Calabria, nera estate del 2006.
Ho visto la furia dell'acqua.
Ho visto le pietre venirti incontro come piume.
Eppure erano pesanti, tanto pesanti.
Ho visto le auto essere sommerse dall'acqua.
Ho visto la collina franare.
Ho visto l'acqua raggiungere quasi i tre metri di altezza.
Ho visto l'alba ma non il tramonto di questa guerra, la guerra di una natura alla cattiveria dell'uomo.
Ho camminato sul fango ma non ho perso nulla io, altri invece sì, quattro morti, sfollati e lavori che ancora oggi devono essere ultimati. Già, la ricostruzione, ricostruire sulle macerie è sempre fonte di guadagno, più della prevenzione.
La Calabria, così come la Sicilia, la Campania, la Liguria, la Toscana, la Sardegna, e tante altre regioni italiane, sono state violentate.
Tanto figurati se accade qui, questo è il pensiero dominante, oppure se accade dio provvederà, già.
Quale dio? Quale?
Contegno, dignità, ma a tutto ciò ci si deve rivoltare perché la Sardegna non sarà l'ultima volta.
Accadrà ancora.



Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…