Passa ai contenuti principali

La manifestazione contro il CIE del 16 novembre finisce con i fuochi d'artificio



Non è stata una festa, ma neanche una processione, certamente le attese per la manifestazione del 16 novembre erano tante, meno le persone che hanno partecipato.
Vi erano diverse organizzazioni sociali, politiche, individualità, varie soggettività, ma per quello che ho potuto vedere poche le persone slegate dalle organizzazioni, poca la cittadinanza.
Sarà per il fatto che si è abituati a perdere, sarà per il fatto che regna il disfattismo, oggi doveva essere una giornata dalla risposta collettiva condivisa per dire, come è stato scritto sui muri del CIE, ed in alcuni striscioni, mai più CIE.

Il destino di quello di Gradisca è sospeso tra la riconversione in toto in CARA, in ristrutturazione e poi riapertura del CIE oppure semplicemente in chiusura definitiva, soluzione a cui oggi credono in pochi, ma mai disperare.
Un destino sospeso così come sospesa è la condizione di centinaia di migranti, la democrazia e la tutela dei diritti umani in questi centri ove la dignità non è e non potrà mai essere di casa.
Si parte dal centro di Gradisca, dopo aver calato dall'alto di una gru un striscione con scritto basta CIE, 
si percorrerà il lungo vialone che ti condurrà innanzi a quella struttura che sarà letteralmente protetta da un numero consistente di forze dell'ordine.


Non si riscriverà più la parola libertà, ma mai più CIE, sul muro di quel lager.

Nel bel mezzo della strada, che separa la campagna dominata dalla luna piena, ed il muro che ha imprigionato sentimenti umani, verranno collocate delle reti metalliche con esposte alcune foto di migranti in cerca di libertà.

Ed il tutto terminerà con dei fuochi d'artificio sparati sul tetto del CIE.

Color rosso, poi arancio, poi fumo e nuovamente notte.

Il corteo ritornerà al centro di Gradisca.
La polizia rimuoverà la mostra dalla strada.
E domani sarà quel che sarà.
Tra azioni creative, comunicazioni variegate, fuochi d'artificio, chiusura temporanea(?) del CIE, e scarsa partecipazione della cittadinanza, buona quella delle organizzazioni che hanno indetto la manifestazione rilevata la concomitanza di altre iniziative nazionali, come la marcia No Tav o quella nella terra dei fuochi, insomma tuto ben quel che finisi ben, per adeso.




Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto