Passa ai contenuti principali

Riesplode il caso Palatucci



A Trieste, in via Giovanni Palatucci 5( ex Ratto della Pileria, ove ratto, dal dialetto "rato" solo a Trieste significa salita ripida e non ratto nel senso di roditore)si trova la Risiera di San Sabba che nel 1965 fu dichiarata Monumento Nazionale con decreto del Presidente della Repubblica.
Ratto della Pileria...

www.laputa.it/denominazioni-urbanistiche-generiche/ © LAPUTA
L’uso della denominazione “ratto” è documentata nella toponomastica triestina sin dal 1910 con “Ratto della Pileria...

www.laputa.it/denominazioni-urbanistiche-generiche/ © LAPUsi trova la Risiera di San Sabba che nel 1965 fu dichiarata Monumento Nazionale con decreto del Presidente della RepubblicaEbbene, tra la via Palatucci e la Risiera di San Sabba rischia di emergere una incompatibilità a dir poco enorme
Ebbene tra la via Palatucci e la Risiera di San Sabba rischia di emergere una incompatibilità a dir poco enorme.
Sul Corriere della Sera un articolo di Alessandra Farkas pone in discussione la figura di Giovanni Palatucci, funzionario della polizia italiana, indicato in molte targhe in via erronea come Questore ma in realtà lui fu vice commissario aggiunto, e morì il 10 febbraio 1945, nel lager di Dachau, dove era stato rinchiuso dai nazisti. Dopo l'apertura di beatificazione e il memoriale della Shoah di Yad Vashem, in Israele, che lo ha nominato nel 1990 Giusto tra le nazioni per la sua opera a favore degli ebrei perseguitati, il tutto sembra essere destinato ad un ribaltamento. La verità, o verità presunta tale, a livello mediatico, storico e pseudo istituzionale emerge solo ora, nonostante sono anni che si denunciano delle forzature sulla figura di Palatucci, una sorta di eroe, probabilmente perché la politica in passato aveva bisogno di un Palatucci eroe, così come le istituzioni per dimostrare che nel periodo buio non tutti gli addetti alle questure furono collaborazionisti, prima di ogni verità storica degna di tal nome ma quando gli studi di vari ricercatori e storici si sono incrociati ed hanno trovato il giusto canale di ascolto e giusto appoggio politico, quando non si può più celare la verità, ecco la società essere costretta a ritornare, in qualche modo, su quella che sembra essere la retta via.
Sarebbero infatti emerse delle “novità”, certamente tali per la comune opinione pubblica a dir poco rilevanti che si pongono in linea con quanto già denunciato in passato da Marco Coslovich il quale in una intervista con Alessandro Cassin ricordava, tra le varie cose, che “Se Palatucci avesse salvato anche un solo ebreo già varrebbe la pena ricordarlo. Purtroppo nel suo caso il ricordo è stato sommerso dall’enfasi, l’esagerazione, la retorica e la falsificazione. Tutto questo rende oggi quasi impenetrabile la sua reale figura storica”.

Il Corriere della Sera, ma anche Repubblica, ricorda che il Museo dell'Olocausto di Washington ha tolto il materiale su Palatucci da una mostra riguardante i non ebrei che aiutarono, o al contrario denunciarono, le persone prese di mira dai nazisti per motivi razziali. Anche Yad Vashem ha deciso di riaprire la pratica e il Vaticano, secondo quanto riferisce il «New York Times» intende approfondire la questione. Inoltre la Lega antidiffamazione, organizzazione che combatte l'antisemitismo, non premierà più ufficiali di polizia con un riconoscimento intitolato a Palatucci.

Si denuncia che dagli archivi si scopre un Palatucci sì funzionario di pubblica sicurezza presso la Questura di Fiume dal 1937 al 1944, dove era addetto all’ufficio stranieri ove si occupò dei censimenti dei cittadini ebrei ma proprio sotto la sua reggenza la percentuale di ebrei deportati da Fiume fu tra le più alte d’Italia, insomma Palatucci era un collaborazionista?


Chi di dovere conferisca una risposta quanto prima, perché se quanto denunciato dovesse corrispondere al vero, si dovrà ovviamente intervenire e per esempio via Giovanni Palatucci, ove si trova la Risiera di San Sabba, dovrà cambiare certamente nome così come dovrà essere rivista la cerimonia alla lapide che nelle carceri del Coroneo ricorda la prigionia di Giovanni Palatucci ricordato come 'giusto tra le nazioni', 'servo di Dio' e 'medaglia d'oro al merito civile' per aver salvato la vita a piu' di 5 mila ebrei... Il prossimo passo certamente riguarderà altre vicende legate alla lunga e controversa ma anche esasperata storia del confine orientale.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Iera una volta...il mercato di Ronchi

Iera una volta il mercato di Ronchi. Questa è oramai una constatazione di fatto che vivi nei mercoledì ronchesi, giorno per eccellenza del mercato. I mercati sono sopravvissuti ai secoli, alle guerre, al progresso, all'avvento dei grandi centri commerciali che hanno risucchiato nel buco nero della depressione economica i piccoli commercianti, con città sempre più svuotate con il paradosso che vedrai le città finte, create ad hoc per il commercio, essere strapiene.

I mercati resistono, ma faticano a sopravvivere soprattutto quando arriva l'ultimo mercoledì del mese, quando i soldi son già finiti e per le strade del mercato vedrai sempre meno gente.

Un mercato che ha una sua storia importante, noto soprattutto per la sua energia, vitalità, socialità, che paga probabilmente il prezzo di diverse problematicità, da quelle logistiche alla crisi sociale ed economica che si è scagliata su questo Territorio che pur avendo potenzialità enormi per alzare la testa, in questo momento sto…