Passa ai contenuti principali

Quanto costa il personale della scuola? Pubblicato il budget dello Stato





Il Budget dello Stato per il triennio 2013-2015, è strutturato in due parti ed espone i costi che le Amministrazioni centrali dello Stato prevedono di sostenere nel periodo di riferimento, in termini di risorse umane, finanziarie e strumentali, per il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Andando a vedere, nel corposo documento della Ragioneria, le voci dedicate alla scuola è significativo notare che il Budget a Legge di Bilancio 2013 è così strutturato:
GESTIONE ECONOMICO/FINANZIARIA
SPESA TOTALE (cat. 1,2,3,12,21): 40.405.061
COSTI TOTALI : 40.351.302
COSTI PROPRI : 39.794.407
COSTI DISLOCATI : 556.895
SPESE DI PERSONALE (cat. 1+3): 39.450.893
COSTI DI PERSONALE : 38.826.915
SPESE DI FUNZIONAMENTO (cat. 2+12): 943.236
COSTI DI GESTIONE + STRAORDINARI: 960.108 (958.586 + 1.522)
SPESE D’INVESTIMENTO (cat. 21): 10.931
AMMORTAMENTI : 7.384

Il totale complessivo dei dipendenti del settore dell'Istruzione, ministeriali inclusi, è pari a 963.863.
Le missioni che costano di più sono quelle dedicate all' Istruzione secondaria di secondo grado , seguita dall' istruzione primaria , dall'istruzione secondaria di primo grado e dall'Istruzione prescolastica , poco o nulla le altri voci come il Sostegno all'istruzione .
Il costo del personale pubblico complessivo per l’anno 2013 ammonta a migl. di euro 74.844.277, con un’incidenza percentuale dell’88,24% sul totale dei costi propri delle Amministrazioni centrali e del 15,08% sul totale generale dello Stato, per il 2014 è pari a migl. di euro 74.593.288 e per il 2015 è pari a migl. di euro 74.281.640. 

Analizzando la prima componente elementare dell’aggregato costo del personale, i costi previsti per le Retribuzioni, per l’anno 2013, ammontano a migl. di euro 73.072.935, per il 2014 a migl. di euro 72.826.770 e per il 2015 a migl. di euro 72.516.443 con un andamento in lieve diminuzione nell’arco del triennio di previsione .

Nel settore dell'Istruzione il costo del personale è pari a 39.275.807 migl. di euro per l’anno 2013 ed in leggera flessione per il 2014, pari a 39.042.433 migl. di euro e per il 2015, pari a 38.787.509 migl. di euro, più marcata risulta la diminuzione rispetto al dato 2012 (1,47%) e 2011 (0,41%). La variazione negativa registrata rispetto agli anni precedenti è strettamente collegata alle retribuzioni.

La contrazione è concentrata sugli Uffici Scolastici Regionali, in particolare sul Comparto scuola a seguito della riduzione degli organici del personale della scuola previsto dall’attuazione dell’art. 64 del decreto legge n. 112 del 25 giugno 2008, convertito dalla legge n. 133 del 6 agosto 2008. Si rileva, tuttavia, che il piano programmatico, previsto dalla norma, deve essere certificato dal comitato di verifica tecnico-finanziaria composto da rappresentanti del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca e del Ministero dell'Economia e delle finanze prima di divenire operativo.
Il Costo medio è pari, per l’anno 2013 a 39.436 euro ed è in lieve aumento sia rispetto al Budget rivisto 2012 (1,02%), sia rispetto al Consuntivo 2011 (0,23%). Per la voce Altri costi del personale si rileva un aumento del 23,08% rispetto al Budget rivisto 2012 e, molto più significativo, rispetto al Consuntivo 2011 (298,74%). La voce che determina il forte scostamento è Incarichi conferiti al personale, che comprende, a partire dal Budget rivisto 2012, oltre i “compensi per gli esami di Stato”, da sempre inseriti in questa voce, anche i costi relativi alle “supplenze brevi”, ai “contratti a progetto” ed ai “compensi dei revisori dei conti”. La voce Buoni pasto subisce un forte decremento rispetto al Consuntivo 2011 pari a migl. di euro 44.959 dovuto ad un diverso utilizzo delle risorse a disposizione e quindi a diversa imputazione di tali costi; a partire dal Budget rivisto 2012, infatti, si rileva, di contro, un pari aumento della voce Servizi di ristorazione-personale civile.

Deve essere annotato che la media del costo del personale dell'istruzione è la più bassa tra tutti i dipendenti pubblici, perché più bassi sono gli stipendi, e che le previsioni indicate nel citato budget corrono verso il basso, una flessione negativa che se da un lato comporterà un risparmio di spesa per lo Stato dall'altro comporterà una riduzione degli stipendi stante il mancato adeguamento al reale costo della vita ed il blocco dei contratti, una riduzione di personale dovuta alle cessazioni del servizio e non compensate da nuove assunzioni, ed un mero inevitabile sovraccarico di lavoro.


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…