Passa ai contenuti principali

Lo Stato ha salvato l'omertà chiudendo la bocca per sempre a Provenzano

Zu Binnu o Binnu u trattori, Bernardo Provenzano, ritenuto il capo di Cosa Nostra, è stato messo a tacere per sempre.
Avrebbe parlato?
Sì, e le indicazioni ci sono tutte.
La vicenda del sacchetto, le botte, ed il modo in cui ora è ridotto. Su una sedia a rotelle, un corpo che respira, a cui batte ancora il cuore, ma che non potrà più parlare.
I mafiosi parlano in codice, un codice simile a quello massonico, un codice ben conosciuto da chi deve essere conosciuto.
Nel video risalente a maggio 2012, pubblicato da Servizio Pubblico, durante il colloquio nel carcere di Parma tra Provenzano e la famiglia, dopo il presunto tentato suicidio, anche quello messaggio in codice, mi ha colpito un passaggio, quel 16 anni, tu avevi 16 anni, dirà Provenzano, ma il figlio in quel momento non capirà.
Era il 5 aprile del 1992 ed i figli di Provenzano usciranno dalla clandestinità dopo ben 16 anni.
Il 5 aprile del 1992 è una data significativa nella storia della repubblica italiana, finirà la prima repubblica, la DC otterrà il suo minimo storico e per la prima volta in un'elezione di rilevanza nazionale non supererà il 30% dei consensi , il mese prima verrà ucciso Salvatore Lima, un segnale che anticiperà ciò che poi si formalizzerà a livello politico con la caduta della DC, il mese successivo ci sarà la strage di Capaci e poi arriverà quella di via d'Amelio.
Tutto connesso, quel 16 anni è una parola chiave, una parola chiave che lascia ben intendere cosa è stata la trattativa, che lascia ben intendere in cosa è sfociata, che lascia intendere cosa è poi nato, che lascia ben intendere cosa avrebbe svelato Provenzano.
Un Capo tradito, un Capo che ha migliaia di responsabilità certamente, un Capo che è stato catturato solo e quando ciò poteva essere utile alla politica per ragioni anche elettorali, quando si è realizzato il nuovo passaggio di consegne, quando un nuovo mafioso è diventato il padrino dei padrini, quando non contava più nulla, salvo un piccolo ma determinante particolare.
Quando viene meno il rispetto, e nei suoi confronti è venuto meno, emerge il rischio della confidenza, non avrebbe detto tutto, ma probabilmente cose significative, forse verso chi lo ha tradito e che ha tremato. D'altronde le vicende Calvi o Sindona insegnano molto su cosa si rischia quando si può osare, per mille e ragioni e motivi, la “spifferata”, dal carcere non uscirai vivo, o verrai ucciso con ritualità simboliche, o semplicemente verrai messo nelle condizioni di non nuocere.

Dopo 16 anni si esce a viso scoperto.
Non vi è più la necessità di far vivere la clandestinità alla propria famiglia.
Dopo 16 anni è l'attacco finale.
La trattativa sull'articolo 41 bis è una menzogna, è una distrazione.
Nascerà l'accordo tra Stato e mafia, lo Stato sarà mafia, il sigillo sarà la politica, la nuova stagione della seconda repubblica che è ancora vigente e morente, con il suo simbolo ben chiaro ed evidente a tutti.
La Seconda Repubblica con le sue massime soggettività e la morte fisica e politica decisa dalla mafia della Prima Repubblica, sarà il prodotto della trattativa.
Lo Stato ha ucciso la verità, ha scelto la via dell'omertà per salvare se stesso.
Quella piccola parte di Stato che ha cercato di contrastare lo Stato corrotto, cercando di debellare il virus dello Stato massonico e mafioso, supportato dal credo che domina da secoli in Italia, ha fallito, e lo Stato tutto è stato travolto dall'omertà.
Quanti sacrifici, quante vittime, quante ore di lavoro, di passioni gettate via nel nulla?
Perché rompere il muro dell'omertà vorrebbe significare semplicemente la realizzazione del massimo tradimento verso se stesso.
Quanto è credibile uno Stato che organizza le giornate sulla legalità, contro la mafia, uno Stato che cura l'apparenza, che non coglie l'attimo del confronto che viene aperto dal presunto Capo di Cosa Nostra? Non è credibile, è uno Stato falso, bugiardo.
Provenzano avrebbe messo nero su bianco ciò che già sappiamo ma che facciamo finta di non voler capire continuando a votare come se niente fosse, gli indizi sono gravi, precisi e concordanti, ma la formalità, verità essenziale per la società, mai arriverà.
Provenzano la porterà via nella sua tomba, come via nella tomba sono stati portati altri mille segreti, ed altri verranno portati via, in tombe esoteriche e massoniche già pronte che attendono di ospitare quel sorriso plastificato che è espressione chiara ed evidente dell'accordo tra Stato e mafia, che ha partorito vittime, sangue e violenza.
Si aprono intanto le porte della Terza Repubblica, un passaggio di consegne doloroso, nel silenzio, un passaggio che segna una nuova presa di potere, è cambiata la strategia mafiosa, non è cambiata e non potrà cambiare, la fune che legherà il potere alle mafie, la massoneria “deviata”, come viene chiamata la massoneria che supporta logiche criminali e delinquenziali per conseguire la stabilizzazione del potere massimo. Le vecchie guardie verranno catturate, anche gli ultimi latitanti verranno catturati, d'altronde la cura dell'immagine e del simbolismo ha un prezzo e questo prezzo i vecchi mafiosi lo hanno pagato a caro prezzo perché lo Stato non ha più bisogno della vecchia mafia e la nuova mafia non ha bisogno del vecchio Stato come strutturato a livello politico ed istituzionale.



Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

D'Annunzio e gli slavi: "il flutto della barbarie schiava giungerebbe su Trieste"

19 ottobre 1919 una lettera che ha come destinatari principali i fiumani dal titolo Italia e Vita. Una lettera dove emergono concetti ed aspetti che connoteranno quell'imperialismo italiano che porterà all'invasione del Balcani con tutte le conseguenze nefaste che la storia ci ha ben insegnato. Una lettera, con un linguaggio semplicemente incomprensibile  in molti passaggi, e con uno stile assurdo, dove si eleva bene quel senso di disprezzo verso gli slavi che verrà rimarcata dal poeta amante della guerra in diverse occasioni.  Un D'Annunzio che esalta lo spirito degli italiani che hanno difeso l'italianità di Fiume, del Carnaro, dove " voi spiegaste nel vento del Carnaro il tricolore italiano, in faccia ai Croati che dal governatore ungaro avevano ricevuto il potere civico per inizio di quella frode più tardi proseguita sopra le navi imperiali in Pola nostra."
Uno spirito dell'italianità che sarebbe stato presente in diverse località, "per le coste…