Passa ai contenuti principali

Déjà vu reale: capodanno a Venezia.

Meno cinque, meno quattro, meno tre, meno due, meno uno... Esplosione collettiva.
Fuochi, spumanti danzanti nell'aria, urla di gioia, ebbrezza esternata nel delirio del ridere e gioire, e poi baci, tanti baci d'amore, accompagnati nell'abbraccio della lanterna veneziana che lentamente saluta il vecchio anno volando via nell'infinità del ciel notturno lagunare.
Il 2011 è arrivato.
Cosa mai è mutato dal giorno prima a quello odierno?
Per convenzione umana si calendarizza la regolamentazione del vivere sociale e di conseguenza l'adeguamento e l'adattamento a tali canoni è inevitabile.
Ogni anno, o meglio al passar dall'anno come dire vecchio a quello entrante, ho il rito della sigaretta.
A mezzanotte ed un secondo accendo la mia sigaretta, con la frase " è già passato un anno da quando ho fumato l'ultima sigaretta". Ciò per ricordare nel mio delirio di essere anche io uomo convenzionale che nella sostanza erano passati pochi minuti o ore, ma come per strana magia in verità si passa a nuovo anno.
Venezia è incredibile.
Treni speciali, macchinette della stazione che non funzionano, file enormi a far il biglietto per poi salire sul carro non più a vapore che ti conduce nella città animata da una foresta sommersa dall'acqua color verde vita e speranza
 Noti subito che i ristoranti, le pizzerie sono a dir poco piene, stracolme. File di persone che attendono fuori per riempir la propria pancia. La temperatura è gelida, ma i vicoli veneziani riscaldano sempre il tuo cuore, il tuoi senso di pace eterna, divina, amen.

Ma come per incantesimo convenzionale umano ecco che i prezzi del cibo, per esempio le pizze incrementano.
Una pizza margherita la trovi ad otto euro, ma anche a 12 euro. Beh passa l'anno e passa anche la memoria quindi, per un giorno si può fare, aumentiamo i prezzi.
Cerchi di capire dove poter mangiare qualcosina. Vedi i self service, anche in quella mensa pubblica/privata e poco economica trovi file enormi.
Insomma a Venezia  per chi vorrà andare il prossimo anno a godersi la magia dei vicoli notturni illuminati dalla follia umana, dai riflessi delle maschere indossate dai cavalieri e dalle dame per valzerizzare il bacio notturno d'amore nella piazza San Marco, è vivamente suggerito cena a sacco.
Provi ad andare contro corrente.
Nel senso che a Venezia nella notte del 31 dicembre, esperienza di vita da provare, deve essere quella di andare oltre il percorso seguito dal gregge umano.
Con l'abbraccio della musa ci provo.
Vedi gli sguardi stupefatti delle persone, che si chiederanno ma dove mai si recherà?
Diventi sottile sottile, tra il muro delle case colorate e le persone che in massa si recano in piazza S. Marco passano pochi centimetri.
Bella prova di vita.
Andare contro.
Contro.
Ma pensi anche con sospiro " eh se tutte queste persone scendessero in piazza per manifestare e lottare per la giustizia sociale".

Girovagando per le vie veneziane ed oltrepassando qualche sottoportego e attraversando vari campi come per magia incompresa ti ritrovi senza capire come, allo stesso punto di partenza.

Ecco il  Déjà vu reale.  Strana sensazione di soprannaturalità,  colorata da un tocco di misteriosità senza fede.
Giri giri e giri e poi ti ritrovi al punto iniziale di partenza.
Il labirinto veneziano è proprio divertente.
L'ora fatidica si avvicina.
La massa umana diviene sempre più corporea, più solida, più omogenea, più consistente.
Le vie sono letteralmente intasate.
Si rimane bloccati.
Che fare?
Pazienza bisogna avere solo pazienza.
E coltivando la pazienza guardando le vetrine che espongono dolci di ogni tipo, misura, grandezza, e portata calorica, la massa umana ti trascina via lontano con se stessa.
E come per magia giungi sulle rive.
Il cielo è colorato dall'arte pirotecnica.
Tante palle ora piccole poi grandi, poi immense, che sembra quasi che ti cadano in testa, ecco sovrastare con dolcezza violenta i tuoi pensieri.
In quel momento non pensi.
Come ipnotizzato dal paesaggio lagunare, dalle gondole dormienti , e dai colori del cielo ora rosso, ora blu, ora verde, ora giallo, abbracciando il sapore dolce salato della vita comprendi che in effetti un nuovo anno convenzionale o meno che sia è giunto.

Tra rincari di mezzanotte dell'autostrada per chi viaggerà in auto, tra rincari di ogni natura che accompagneranno in questa notte dalle grandi speculazioni ma nello stesso tempo dalla grande magia del bacio notturno danzante sui riflessi colorati della scintille ardenti di vita rossa rivoluzionaria veneziana, ecco che   conduci il tuo corpo materiale ma anche la tua mente assorbita nel cuore palpitante vita vera sognata e reale, su quella via del ritorno che non pensavi fosse poi così vicina.

Perchè il tempo non tempo è volato via per gli orizzonti indefiniti dalla follia umana, perchè quella sfera di cristallo che per una notte ha avvolto Venezia ora scuote il tuo senso di umanità; quel senso che  ti prende per mano e conduce il tuo essere sull'altura della vetta  della montagna della sapienza ove comprendi che la vita è veramente breve, fulminea, ed è solo l'intensità con cui vivi l'attimo che può mutare un secondo di tempo nell'eterno gioire.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …