Passa ai contenuti principali

Dal presidio di Brescia al Lager di Gradisca, aspettando il 20 novembre.

Maroni, l'attuale Ministro dell'Interno, quel Ministro che sarà tale ancora per qualche mese, sino a quando ad aprile si definiranno le nuove elezioni per le politiche, quel Ministro che dichiarò che fino a quando lui resterà in carica gli immigrati in Italia non avranno diritto di voto, e che  in modo intimidatorio aveva fatto trapelare che chi non è in regola in Italia non può neanche protestare...dalla polizia bresciana è stato ascoltato pienamente.Molti degli immigrati che protestavano sono stati fermati e condotti in questura, i più fortunati otterranno il permesso per motivi giudiziari, ma c'è chi si trova invece recluso nel Lager, uno dei peggiori tra quelli esistenti in Italia, quello di Gradisca. Ma anche chi è stato espulso e rimpatriato nel proprio paese di provenienza.

Ma anche chi è stato "usato" dal sistema per far finire la protesta, in cambio della speranza di non essere espulso: «Fa freddo, scendete anche voi»: Kuldip Singh, l'indiano di 26 anni che per primo mercoledì ha abbandonato la lotta per il permesso di soggiorno, ha lanciato un appello ad Arun, Sajad, Jimi e Rachid, i quattro immigrati che ancora si trovavano sulla gru.

Uno degli immigrati arrestati a Brescia che manifestava la sua piena solidarietà sia umana che sociale a quelle persone che da 30 ottobre erano di fatto barricate sul braccio meccanico del cantiere metrobus in Brescia, durante la fase dello sgombero del presidio per la libertà, è stato prima fermato dagli agenti della Questura di Brescia e successivamente, visto che era privo di documenti, è stato con rapidità fugace rinchiuso dentro uno dei peggiori Lager d'Italia, quello di Gradisca.

Certo essere clandestino per lo Stato vigente è cosa da contrastare, però per una parte dello Sistema esistente e per l'indotto che vi è correlato è cosa buona ed utile. Vieni sfruttato, incrementi il profitto del padrone, e se per caso alzi la voce...vieni arrestato, rinchiuso ed espulso.
Certo si possono ottenere permessi per motivi di giustizia ad esempio, ma la loro concessione è cosi rara e difficile da ottenere, per non parlare dei soliti abissali tempi della macchina dell'ingiustizia che la speranza di lottare per la propria libertà spesso è inficiata proprio da quella burocrazia che sopprime e soffoca ogni diritto esistente. Intanto si deve ricordare che per il 20 novembre è stata indetta una giornata di lotta nazionale, in cui i vari comitati migranti e antirazzisti e di tutte le realtà sociali politiche e sindacali esistenti  delle varie città italiane si organizzeranno con eventi e manifestazioni.
La speranza di lottare per la propria libertà e la libertà dell'individuo nella società non deve morir mai, la repressione non può altro che incrementare la voglia di lottare e tale voglia diverrà necessità. 
Contro ogni forma di schiavitù, e sfruttamento è dovere di tutti noi sollevare la testa e protestare e manifestare e lottare.

Marco Barone       


.
      
PDF Stampa E-mail


 

 


 

 

      .


Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…