Passa ai contenuti principali

Dal presidio di Brescia al Lager di Gradisca, aspettando il 20 novembre.

Maroni, l'attuale Ministro dell'Interno, quel Ministro che sarà tale ancora per qualche mese, sino a quando ad aprile si definiranno le nuove elezioni per le politiche, quel Ministro che dichiarò che fino a quando lui resterà in carica gli immigrati in Italia non avranno diritto di voto, e che  in modo intimidatorio aveva fatto trapelare che chi non è in regola in Italia non può neanche protestare...dalla polizia bresciana è stato ascoltato pienamente.Molti degli immigrati che protestavano sono stati fermati e condotti in questura, i più fortunati otterranno il permesso per motivi giudiziari, ma c'è chi si trova invece recluso nel Lager, uno dei peggiori tra quelli esistenti in Italia, quello di Gradisca. Ma anche chi è stato espulso e rimpatriato nel proprio paese di provenienza.

Ma anche chi è stato "usato" dal sistema per far finire la protesta, in cambio della speranza di non essere espulso: «Fa freddo, scendete anche voi»: Kuldip Singh, l'indiano di 26 anni che per primo mercoledì ha abbandonato la lotta per il permesso di soggiorno, ha lanciato un appello ad Arun, Sajad, Jimi e Rachid, i quattro immigrati che ancora si trovavano sulla gru.

Uno degli immigrati arrestati a Brescia che manifestava la sua piena solidarietà sia umana che sociale a quelle persone che da 30 ottobre erano di fatto barricate sul braccio meccanico del cantiere metrobus in Brescia, durante la fase dello sgombero del presidio per la libertà, è stato prima fermato dagli agenti della Questura di Brescia e successivamente, visto che era privo di documenti, è stato con rapidità fugace rinchiuso dentro uno dei peggiori Lager d'Italia, quello di Gradisca.

Certo essere clandestino per lo Stato vigente è cosa da contrastare, però per una parte dello Sistema esistente e per l'indotto che vi è correlato è cosa buona ed utile. Vieni sfruttato, incrementi il profitto del padrone, e se per caso alzi la voce...vieni arrestato, rinchiuso ed espulso.
Certo si possono ottenere permessi per motivi di giustizia ad esempio, ma la loro concessione è cosi rara e difficile da ottenere, per non parlare dei soliti abissali tempi della macchina dell'ingiustizia che la speranza di lottare per la propria libertà spesso è inficiata proprio da quella burocrazia che sopprime e soffoca ogni diritto esistente. Intanto si deve ricordare che per il 20 novembre è stata indetta una giornata di lotta nazionale, in cui i vari comitati migranti e antirazzisti e di tutte le realtà sociali politiche e sindacali esistenti  delle varie città italiane si organizzeranno con eventi e manifestazioni.
La speranza di lottare per la propria libertà e la libertà dell'individuo nella società non deve morir mai, la repressione non può altro che incrementare la voglia di lottare e tale voglia diverrà necessità. 
Contro ogni forma di schiavitù, e sfruttamento è dovere di tutti noi sollevare la testa e protestare e manifestare e lottare.

Marco Barone       


.
      
PDF Stampa E-mail


 

 


 

 

      .


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…